Passa ai contenuti principali

Anagni. I ruggiti dei micetti

A Terzigno la battaglia continua. E' questa la notizia. Perchè a combattere è la gente comune. Sono le donne. Gli anziani. Tutti esasperati di vivere nella puzza e nei miasmi di discariche che arrivano davanti il portone di casa. Aperte in un parco nazionale. Coi camion che transitano giorno e notte su strade che non sono quelle che il regime del fare aveva promesso di costruire. Questo signore che vedete è il sindaco del paese. Si chiama Domenico Auricchio. Destro. Sta guidando la lotta dei suoi concittadini. Ha dichiarato pubblicamente, in diretta tv: «Se la seconda discarica sarà aperta, io mi dimetterò dal PdL».


Ora chiudete gli occhi. Fatevi trasportare in altri luoghi. Altri tempi, altre disperazioni. Ed altri destri, assai più vicini a noi. Prendete COG del 1 ottobre scorso. Pagina 21, quella di Anagni.

Si è appena diffusa ufficialmente la notizia della criminale polverizzazione della sanità pubblica ciociara da parte della zarina Polverini. Il signor Alessandro Cardinali diffonde la seguente dichiarazione: «Un piano sanitario insensato e illogico. La Polverini dimostra di non conoscere affatto il territorio, anzi, restiamo stupiti di come un Governatore possa penalizzarlo in questo modo.Saremo in prima linea per contestare il piano sanitario in tutte le sedi istituzionali e non: non ci faremo spaventare in nessun modo dal colore politico della presidente».

Sono passati 22 lunghi giorni da quelle dichiarazioni. Qualcuno ha notizia dell'opposizione al piano sanitario della zarina messa in opera dal signor Alessandro Cardinali? Qual è il suo concetto di prima linea? Non somiglia un po' troppo alla battuta armiamoci e partite? Il catechismo insegna che gli ultimi saranno i primi. Dunque, per la proprietà transitiva della logica, i primi saranno gli ultimi. E' forse per questo che nella prima linea dei cittadini che lottano contro questa distruzione il signor Cardinali non si è proprio mai visto? Perchè stazionava in fondo, nell'ultima linea?

Persino un paese piccolo come Terzigno dimostra di avere molta più dignità, sociale e politica, di quella che esprime una città come la nostra, ormai ricca solo di presunzione. Non si sono dimessi. Non hanno alzato barricate. Non hanno fatto lo sciopero della fame. Non si sono incatenati e non hanno occupato l'autostrada nè l'ospedale. E' proprio sotto gli occhi di tutti che non si sono fatti spaventare dal colore politico della presidente. Forse perchè nella loro visione politica non ci sono i colori. Solo la triste monotonia del bianco e nero.
Come il futuro che hanno disegnato per questa terra.
[Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.