Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da marzo 13, 2010

Popolo orfano

C'è un'Italia che ci prova. Perchè le regole valgono per tutti. Perchè la legge è uguale per tutti. Perchè la democrazia esisteva prima e continuerà ad esistere dopo. Perchè i nani passano, gli uomini passano, le ballerine passano, ma la Costituzione resta.

Questa Italia merita di essere rappresentata. E di esserlo assai meglio di quanto oggi non faccia l'opposizione. Che è comunque migliore delle controfigure di regime, ma molto più in basso del paese reale. Stanco dei giochini e dei metodi burleschi coi quali si pretende di combattere le tante incapacità del regime.

Chi vuole rappresentare la pulizia dev'essere più pulito degli altri. Chi vuole sbandierare la democrazia dev'essere più democratico degli altri. Chi vuole scagliare la prima pietra dev'esser senza alcun peccato.

Questo popolo ha bisogno di rappresentanti. Non è sufficiente piazzarsi di fronte al giocoliere per dirsi alternativa. Occorrono volti alternativi. Metodi alternativi. Personale alternativo…

SEL. Ecco Cesare Giacomi

Insomma alla fine ci sono andato, sapete. L'altra sera. Presentazione del candidato anagnino di SEL, dottor Cesare Giacomi. Diversi volti conosciuti. Tanto entusiasmo semplice. Di quelli che puntano all'integrità della persona, senza le elucubrazioni ideologiche nè le retoriche tribali del sono anagnino, tiè.

Giacomi è stato presentato più da amici che da compagni di partito, nel senso che il rapporto è stato molto personale. E le parole sono andate tutte in quella direzione. Così la Ludovisi, che ha tirato fuori questa bella immagine: «Il posto che Giacomi occuperà alla regione, se eletto, non sarà solo il suo, ma quello di tutti noi. Che, attraverso di lui, siederemo insieme per contare davvero qualcosa».

Sul taccuino non ho segnato molto altro. Anche perchè, quand'è finalmente toccato a lui, al Cesare, è venuto fuori il discorso più veloce del west. Davvero cinque minuti. Non di più. E lo dico con una punta di rammarico, perchè avrei avuto piacere di conoscere il candidat…