Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2011

Anagni. Le spiegazioni non date

Anagni. Chi ascolta i cittadini?

Anagni. Gli auguri del Comitato per l'Ospedale

PD. Lazio. Coordinamento Marco Pacciotti

Roma. Buon Natale al Colosseo

Feste. Il coraggio del gelo. Auguri

Anagni. Ex polveriera. Interrogazione di Cicconi

LiberAnagni 2011. Finale ROCK

LiberaAnagni 2011. Birignao. Firmato Francesco Formaggi

LiberAnagni. Ermanno Detti incontra i ragazzi

LiberAnagni 2011. Recuparte e Massimo Savona

LiberAnagni 2011. Tre appuntamenti. Per tutti i gusti

LiberAnagni 2011. Frammenti africani

Anagni. Per Edmondo

Italia. Caino è un bastardo

Roma. L'amore è un lucchetto

Italia. Il leghismo brucia. La civiltà

Anagni. Le associazioni per il Convitto

Italia. La sanità pubblica non è un optional

Italia. Babbo Natale portaci l'ICI. Per la Chiesa

Anagni. Il PD si riorganizza

Italia. Lacrime di kaimana

Anagni. Ospedale. SEL con la città

Provincia. Felli denuncia le tante inadempienze

Anagni. RadiAzioni. Prove tecniche di un mondo nuovo

Anagni. Ospedale. Il Comune sottoscrive il documento del Comitato

Anagni. SEL denuncia i nauseabondi

Anagni. Scuola. Quest'accorpamento non s'ha da fare

Anagni. Sorridite! Site su scerzi apparte!

Tre firme tre errori. Uno ciascuno non fa male a nessuno?

Anagni. Convitto RM. La legge prima di tutto

Anagni. Mors tua ICI mea

Europa. Aiuto! Mi si sono sgonfiati i ragazzi

Provincia. Scuola. Carta vince. Carta perde. E la scuola non c'è più

Anagni. L'ospedale ricomincia a crescere

Anagni. Cimitero. Se non è costoso, non è anagnino

Anagni. PdL. Dal nulla non nascerà che il nulla

Anagni. Ospedale. Il volontariato ci salverà

Anagni. Ospedale. Il bell'addormentato

A grande richiesta, ecco a voi l'ultimo volantino del PD locale. Distribuito mercoledì, al mercato. Argomento: l'ospedale.

[Ave]

Italia. Istruzione. Le gelminate ci mancheranno

Questa mattina mi son svegliato. Ed ho scoperto che'l distruttor se n'è andato. La MariaStellina non è più ministra della (d)istruzione pubblica. Improvvisamente l'aria m'è sembrata più respirabile. Il mondo un posto meno oscuro nel quale stazionare. E m'è pure venuto in mente che, forse, la scuola pubblica italiana potrebbe ancora farcela. La Gelmina è stata sostituita da questo signore che vedete in foto. Si chiama Francesco Profumo. E' un ingegnere abituato alle grandi aziende ed alle grandi università. Rimango interdetto. Ma poi mi riprendo un pochino. Comunque vada, sarà difficilissimo riuscire a fare peggio della ministra per caso.

Regime. The end

Regime. Berlusconi si è dimesso. Viva l'Italia

«Il segno del nostro attaccamento alla Costituzione, che ha resistito al più violento attacco mai subito da quando i nostri Padri ce l'hanno affidata»
Per festeggiare le dimissioni del ducetto da Arcore, questo blog aderisce al richiamo di Libertà e Giustizia. Una bandiera per l'Italia.

Italia. Ministre vietate ai minori

Anagni. Nuova scuola media. Se non qui, dove?

Anagni. L'ospedale fantasma

Potrebbe essere la soluzione che questa amministrazione non ha mai saputo neppure cercare. Una grande attrattiva turistica. Che potrebbe portare nuova linfa economica nel deserto del fare ch'è avanzato prepotente con le destre. Sto parlando del nostro ospedale. E già. Proprio lui. Perchè da oggi, cari amici, Anagni è l'unico paese al mondo ad avere un vero e proprio ospedale fantasma. Sai gli affari?

Italia. Regime. Cronaca di una morte annunciata

Al termine di una fra le giornate più frenetiche della nostra giovane ed ancora immatura democrazia, all'appello manca ancora una notizia. L'unica che stiamo aspettando davvero. La sola capace di ridare la spinta giusta ad un paese in ginocchio. In compenso, nella successione dei microeventi e delle susseguenti dichiarazioni, s'è avuta tutta intera la percezione definitiva di quanto impreparata, indecente ed improponibile è stata la classe politica che sta pateticamente tentando di afferrarsi al bordo dell'ultima scialuppa.

Anagni. Lega Osteria Nord? No, grazie

Succede, alle volte, di essere testimoni di eventi ai quali si preferirebbe non assistere. L'unica cosa che rimane, oltre la malinconia, è solo il dubbio privilegio di poter dire «io c'ero». Ma si tratta, appunto, di una ben magra consolazione. A me è capitato venerdì sera. Quando ho assistito all'assemblea del Comitato cittadino di Osteria della Fontana. Ma l'evento non è stato questo, ossia l'assemblea in sè. L'evento vero è stato un altro. Perchè io ho assistito, in prima persona, alla fine definitiva del più grande comitato di quartiere di tutta la provincia di Frosinone.

Italia. Come crolla un regime

Sono strani giorni, questi. Un'atmosfera come trattenuta aleggia nell'aria. E' così che crolla un regime? Mentre i colpevoli del tracollo tentano di arginare la frana e rinforzare il bunker, un intero popolo guarda il portafoglio e pensa al proprio lavoro. Alle proprie scuole. Ai propri ospedali. Le devastazioni che le piogge stanno causando in un'ampia parte di questo paese sono il simbolo finale dei danni che questo regime berlusconista ha provocato al paese. Alla sua credibilità. Alla sua storia. Non sarà facile ricostruire le zone alluvionate. Proprio come non sarà facile spazzare via tutte le macerie lasciate dal berlusconismo. Ripulire tutto il fango.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell'Arpa. Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria, s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l'insalata.

Europa. Timeo Danaos et referendum ferentes

Alle volte si ha come la sensazione che tutti i problemi, anche quelli più gravi, potrebbero essere risolti se, solo, si trovasse il modo di intendersi sul significato delle parole. Perchè, insomma, uno stesso vocabolo sembra ispirare concetti completamente opposti a seconda di chi lo usa. Oppure del contesto o nel momento in cui si adopera. Almeno in questo senso, l'Europa unita non aiuta affatto. Anzi. E' fonte di ulteriore, fatale, confusione.

Italia. Oriente ed Occidente s'incontrano a Massa Carrara

Ho ricevuto questa cronaca dalla giovane ed intelligente Arianna Lisandro, appassionata studiosa del mondo orientale, oltrechè promettentissima batterista rockettara. La pubblico volentieri a dimostrazione che, in effetti, una speranza c'è. Non tutti i giovani hanno rinunciato a pensare. Non tutti s'intorpidiscono davanti la tv. Un altro mondo è possibile. [Ave]