Passa ai contenuti principali

Sanità ciociara. Sorridete: siete su Scherzi a parte!

Piano sanitario regionale della polverizzatrice di ospedali. Dichiarazioni tratte da COG di sabato 2 ottobre. Signor Fiorito Franco, capogruppo alla regione e coordinatore provinciale del PdL.
«Stiamo studiando il riordino della rete ospedaliera (...). Singolare che i consiglieri del PdL abbiano dovuto apprendere le misure contenute nel provvedimento attraverso indiscrezioni di stampa (...). Vorremmo conoscere quali sono le valutazioni tecniche che hanno portato a determinate scelte, alcune incomprensibili (...). [La Polverini] ci aspettiamo che metta immediatamente in atto incontri e misure per considerare anche le nostre proposte (...)».


Signor Iannarilli Antonello, presidente provincia di Frosinone, PdL. «...si può anche essere d'accordo sulla necessità di una radicale riorganizzazione del sistema sanitario regionale e anche sui tagli. Ma il documento non doveva essere calato dall'alto, imposto, senza quel preventivo confronto che pure avevamo chiesto a più riprese. Ed eccoli i risultati».

Da queste affermazioni si deducono logicamente le seguenti cose. [1] Il signor Fiorito Franco ed il signor Iannarilli Antonello hanno un peso politico pari allo zero. [2] Tutto il PdL ciociaro è stato tenuto rigorosamente all'oscuro del piano regionale proposto. La qualità dei suoi dirigenti e la sua capacità progettuale, dunque, è stata tenuta in debito conto dalla polverizzatrice. Che non ha chiesto neppure un parere. [3] La regione guidata dalla polverizzatrice, nonostante per statuto debba discutere, nelle sue sedi, il futuro dei cittadini laziali, non ha dibattuto e non si è confrontata con nessuno per redigere questo piano. Nè maggioranza, nè opposizione.

Dopo tutte queste parole, però, per fortuna c'è qualcuno che ha le idee chiare. Dichiarazione, nello stesso giorno, sullo stesso giornale, nella stessa pagina, della signorina Mandarelli Alessandra, presidente commissione sanità della regione Lazio.
«...chiedo ai tanti amministratori locali preoccupati (...) di dialogare con la regione, collaborando in maniera costruttiva, per costruire insieme il futuro della sanità, anche a livello locale (...) e sopratutto evitare strumentalizzazioni politiche rispetto a notizie diffuse "non si sa bene da chi"».

Da queste affermazioni si deducono logicamente le seguenti cose. [1] La signorina Mandarelli sta parlando di un'altra regione Lazio. Su un altro pianeta. [2] La signorina Mandarelli si riferisce ad altri amministratori locali. Quelli che verranno dopo, e che saranno ascoltati. [3] La signorina Mandarelli non pare avere chiarissimo, in mente, il concetto del vocabolo "strumentalizzazione". Gli ospedali chiusi sono strumentalizzati dai cittadini di questa regione, che vogliono continuare ad averli aperti ed efficienti. Ma è probabile che anche questa prospettiva risulti sconosciuta alla signorina Mandarelli.

Infine, e con grande sollievo, ecco la speranza. Ecco il futuro. Stesso giorno, stesso giornale. Pagina locale di Alatri. Parla il signor Pongelli Giorgio, capogruppo PdL del comune di Alatri.
«Sono stati premiati i nostri sforzi, in particolare quelli della nostra Amministrazione, guidata dal sindaco Costantino Magliocca, che ha sempre lavorato in tale direzione per difendere in tutte le maniere, nelle sedi opportune e competenti, la nostra struttura (...). Il PdL non ha mai abbassato la guardia (...)».

Da queste affermazioni si deducono logicamente le seguenti cose. [1] Il signor Magliocca Costantino è la persona più importante del PdL della regione Lazio. [2] Lui è stato l'unico ad essere costantemente informato. L'unico ad essere stato ascoltato. L'unico ad aver lavorato al progetto sanitario ("sforzi"). L'unico ad essere stato ospitato ed accolto dalla polverizzatrice, alla regione ("sedi opportune e competenti"). [3] Il signor Magliocca Costantino sarà l'erede politico del signor Berlusconi Silvio. Altri, più in gamba di lui, non se ne vedono proprio.

Si consigliano vivamente i signor Fiorito Franco e Iannarilli Antonello a rivolgersi, in futuro, per qualsiasi necessità politica inerente la regione Lazio e/o la provincia di Frosinone, al succitato signor Magliocca Costantino. Qualcosa si potrà fare.

[la foto del signor Magliocca Costantino è tratta da Ultimissime.Net] [Ave]

Commenti

  1. Una sola parola dimissione del semplice e incapace (se ha dovuto sapere la manovra dalle parole dell'opposizione ) Franco fiorito........ indegno di rappresentare un territorio, che non si degna di venire ad ascoltare le esigenze dei cittadini che lo hanno votato dimenticandosi che Dovrebbe essere un suo dovere....... provo indignazione e un disgusto verso persone che si fanno chiamare politici ma che sono solo degli incapaci. Vi chiedete dove sia fiorito ??? .......... torni a difendere le esigenze degli anagnini invece di legarsi solo in prossimità delle campagne elettorali...... Salvatore aresti

    RispondiElimina
  2. Tu sai dov'è!!!!Perchè anoi interessa saperlo visto i rumors.


    Magliocca....pensate un pò ha fatto nascere mio figlio....ma è nato con il pugno sinistro chiuso però, vuole dire qualcosa?
    VitK

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.