Passa ai contenuti principali

Anagni. Sequestrato il depuratore Di Cosimo

Sequestrato l'impianto di depurazione della Di Cosimo. E' questa al momento la conclusione alla quale sono giunti gl'inquirenti che avevano avviato indagini sulla ditta anagnina.
Ricordate i miasmi segnalati dagli abitanti di Osteria della Fontana? Ricordate le segnalazioni all'ARPA ed ai Carabinieri? Ricordate i prelievi eseguiti presso il depuratore della Di Cosimo? Bene. I risultati di quelle analisi parlerebbero di soda ed acido solforico. E l'impianto è stato sequestrato per violazione di leggi che riguardano l'ambiente, ed in particolare il corretto smaltimento delle acque reflue industriali. Dalla Di Cosimo fanno sapere, com'è scontato che sia, che si tratterebbe solo di ipotesi di reato. Dunque sarebbe ancora tutto da dimostrare.



Mai come in questo caso, insomma, carta canta. Anzi. Analisi cantano. Ma la parola adesso passa in mano agli avvocati, e la faccenda naturalmente sarà lunga. Ci vorrà tempo per capire esattamente, prove alla mano, se e chi ha contribuito all'avvelenamento del nostro territorio.

Ma il fatto che ci sia finalmente la volontà di capire quello che succede ed è successo nel nostro territorio è novità straordinariamente positiva. Un altro significativo riconoscimento a tutte le associazioni, prima fra tutte RETUVASA, che hanno saputo portare le tematiche ambientali al centro del dibattito di questo paese. [Ave]

Commenti

  1. Miiiiii.... non ci posso credereeee!!!!
    Che stia per iniziare una nuova "era" per Anagni e tutta la valle???

    RispondiElimina
  2. L'indagine sembra più complicata del solito.
    E pensare che tempo fa ci fu un grande moria delle vacche!!!

    RispondiElimina
  3. COMMENTO DI FRANCESCO BEARZI (coordinatore Retuvasa provincia Frosinone)
    Grazie a Mauro Meazza per ricordare l'impegno delle associazioni ambientaliste, tra cui Retuvasa.
    Personalmente e in tutta onestà, devo sottolineare che il merito principale del monitoraggio di tutta l'area di Rio Mola Santa Maria va al Comitato Vox Populi.
    Un plauso allo straordinario operato in termini ambientali dei comandi locali e provinciali dei Carabinieri. E agli enti che funzionano.
    Ma per questo e altro siamo solo all'inizio...

    RispondiElimina
  4. Spero solo che [...], da anni [...] la zona di MOLA S.MARIA....
    tante denucie furono fatte ma [...]!!! Grazie a tutti per il costante impegno. Era ora che quelcuno tirasse fuori le palle... per [...]!!! GRAZIE GRAZIE GRAZIE
    Mauro

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.