Passa ai contenuti principali

Anagni. Via Prignano di Sotto. Good morning Vietnam!

No, dico. Ma ci state facendo caso? La nostra città. La nostra bella ed amatissima città, stimata sopratutto dalle destre. Capaci d'incatenarsi, pel bene che le vogliono. Ebbene. Non c'è giorno che non se ne venga giù un pezzo. O, in alternativa, che un pezzo non se ne vada sotto. Sotto l'acqua, voglio dire.
L'ultima l'avete vista ieri. Un bell'articolone su COG. Son state pubblicate anche due foto. Andate a riguardare la prima. Io, quando l'ho vista, ho pensato ad un errore. Perchè certe immagini ricordo di averle viste a proposito del Vietnam. Quando gli yankee se ne andarono a combattere col napalm in mezzo alle risaie fangose di una terra (per loro) maledetta. Ed invece. Mi son dovuto stropicciare per benino gli occhi. Perchè non di Vietnam si trattava. Ma di via Prignano di Sotto. Cribbio. Mai nome fu più indicativo. Mi ero sempre chiesto, in effetti, sotto che cosa fosse via Prignano. Ora l'ho visto, grazie a COG. Sta sotto un fiume d'acqua. Bello. Limaccioso. Melmoso. Insomma. Un meravigliioso Vietnam ciociaro. Habitat naturale di mosche, zanzare e, con un po' di fantasia, magari pure coccodrilli e serpenti d'acqua.

Gli abitanti della via, racconta COG, da anni rimangono letteralmente prigionieri nelle loro abitazioni, quando piove. Eggià. Perchè quando piove la strada sparisce. Sembra magia, ma in realtà è solo incuria. Infatti la strada sparisce perchè inghiottita da un fiume d'acqua che blocca tutto.

Vergogna. Vergogna e mortificazione a tutti noialtri. Noi che ci lamentiamo per qualche frana. Qualche smottamento. Qualche crollo circoscritto. Per un parcheggio allagato. Magari osiamo persino lamentarci perchè non abbiamo l'illuminazione. O le fognature. O l'acqua. Ecco. Vergogna ed umiliazione. Pensate che a questo mondo c'è sempre qualcuno che sta peggio. Pensate, magari, ai concittadini di via Prignano di Sotto. Pensateli tappati in casa. Barricati. Circondati da un lago artificiale che li rende intangibili. Irraggiungibili. Isole senza tempo nel degrado della città.

Amministrazione del fare? Ahahah. Ve l'ho detto che questa non si batte. Si vede che è stata meditata lungamente con la capillare scientificità del professionismo. Dunque a questo punto occorrerebbe strutturare un'ipotesi. Perchè, nonostante le altissime capacità del fare, nonostante le inarrivabili competenze realizzative, nonostante centinaia, ma che dico? migliaia di interventi celerissimi e precisissimi, la nostra città cade letteralmente a pezzi?

Io ho un sospetto. Qui c'è di mezzo la iella. Massì. Non può esserci altra spiegazione. Si tratta solo di iella. Non appena i destri del fare vanno al potere, zacchete. La città comincia a franare da tutte le parti. E ad allagarsi. E ad inquinarsi. Loro fanno, fanno, fanno e rifanno. Ma niente. Sul più bello eccoti una spruzzatina d'acqua. Anche solo una brezza leggera. E si scatena il finimondo. Tutta giù per terra. La città.

Questo bisognerebbe mettere nel bilancio comunale. Le risorse per pagare un grande mago. Uno di quelli in grado di togliere malocchi, fatture e cose del genere. Però dovrebbe trovarsene uno specializzato in pratiche amministrative, sennò è inutile.

Chi lo sa. Trattandosi dei destri, tradizionalmente timoratissimi di Dio, forse anche un esorcista potrebbe andare bene. Magari si risparmia un po'. [Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.