Passa ai contenuti principali

Centomila candeline tricolori

Da qualche minuto questo blog ha tagliato il traguardo delle 100.000 pagine lette. Non poteva esserci giorno migliore per festeggiare questo risultato. Grazie a tutti voi. Anagnini. Laziali. In una parola. Italiani.
[Ave atque valete]

Commenti

  1. Complimenti per il risultato. Seguo sempre questo blog e continuerò a farlo. Buon lavoro e auguri all'Italia!

    RispondiElimina
  2. Io, oggi, se avessi esposto la bandiera l'avrei esposta con il nastro del lutto.
    Non meritiamo di avere avuto persone che hanno dato la vita per creare un'Italia che stiamo distruggendo,
    Spero che i politici che durante le celebrazioni a Montecitorio hanno cantato spontaneamente l'inno nazionale, ripartano da questa giornata per onorare l'incarico che rivestono e che abbandonino il loro egoismo e sfacciataggine per pensare di più ad un popolo sempre più diviso.
    Su tutto.
    Tutti noi, una volta nella vita, per rinfrescarci la memoria dovremmo andare a visitare un campo di concentramento ed il museo del Risorgimento al Vittoriamo. (Se non ricordo male è pure gratis).
    AUGURI! Come ne abbiamo bisogno.

    RispondiElimina
  3. Chiaramente lo meritate. Siete tra i rari che non si nascondono dietro ai favoritismi politici. Grazie a Voi molta gente ha potuto esprimere le proprie problematiche e altre persone che non sanno hanno potuto leggere integralmente cio' che altri giornali non hanno voluto interamente pubblicare e quindi conoscere delle verità che noi cittadini meritiamo di sapere. Grazie a Voi sto avendo un informazione SANA E VERA. Mi piace molto che anche 'i destri' come li chiamate voi possano esprimere il loro disappunto e avere cosi in qualche modo l'occasione di vedere cio che pensa un gran numero di cittadini su di loro... Mi dispiace solo avervi conosciuti da poco... chissà quanto avrò perso... Ciao e grazie ancora! Isa

    RispondiElimina
  4. Auguri e grazie Mauro, per la tua costanza e serietà, da parte di tutte le persone che non si rassegnano al declino della nostra città e del nostro Paese. Carlo Ribaudo

    RispondiElimina
  5. VenerabileK HastAve a te e tutte le VitK che seguiranno e renderanno sempre questo spazio trasparente e veritiero senza favoritismi di squallidi calcoli politici.
    Nik

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.