Passa ai contenuti principali

Ospedale. Il PD contesta le interpretazioni "raffinate"



COMUNICATO STAMPA

Come PD di Anagni siamo soddisfatti di aver raggiunto un importante risultato nel Consiglio Comunale di mercoledì 27 giugno u.s. Il documento proposto dall’opposizione in sede consiliare e sottoscritto da rappresentanti della maggioranza, impegna il Sindaco a recarsi presso le autorità competenti per accertare le responsabilità di chi sta disattendendo le prescrizioni imposte dall’ordinanza del Consiglio di Stato sul nostro ospedale: con questo atto il PD e l’opposizione hanno costretto il Sindaco Noto a tirare la testa fuori dalla sabbia e ad assumere posizioni nette in difesa dell’ospedale di Anagni e contro la destra di Fiorito e Polverini. Ma tutto ciò è il frutto di un lavoro lungo e difficile.

All’indomani dell’annuncio della chiusura del reparto di ortopedia i Consiglieri Comunali  del PD e dell’opposizione, insieme ad un Consigliere Comunale di maggioranza, avevano presentato richiesta di convocazione urgente di un Consiglio Comunale sul nosocomio anagnino. I circoli PD di Anagni, Paliano, Serrone e Piglio ed il Consigliere Provinciale Mario Felli, in quei giorni programmavano iniziative nel comprensorio in difesa dell’ospedale di Anagni (il comunicato stampa diffuso dieci giorni fa ne è la testimonianza),  impegnando i propri rappresentanti istituzionali a presentare ordini del giorno nei rispettivi Consigli Comunali così come fatto ad Anagni. Anche i Consiglieri Comunali del PD di Sgurgola aderivano all’iniziativa nel corso di un incontro del direttivo del PD di Anagni tenutosi venerdì 22 giugno u.s. e lunedì 25 giugno u.s., su loro proposta, dal Consiglio Comunale di Sgurgola veniva approvato un ordine del giorno avente contenuti medesimi al documento sottoscritto due giorni ad dopo ad Anagni dai Consiglieri del PD e dell’opposizione, con il sostegno di componenti importanti della maggioranza.

Dunque chi pone in essere raffinate operazioni di “interpretazione” dei fatti e di banalizzazione di un momento politico-istituzionale così alto, mente sapendo di mentire. Chi tenta di circoscrivere la battaglia in favore dell’ospedale all’impegno di pochi eletti si assume la responsabilità di indebolire il fronte ampio schieratosi in difesa del nostro nosocomio. Come PD di Anagni, insieme al PD del comprensorio, al Consigliere Provinciale Felli e al Consigliere Regionale di riferimento territoriale Scalia, continueremo a lavorare con le forze di opposizione e con quanti vorranno unirsi a questa lotta. Proseguiremo a sostenere anche le iniziative del Comitato Salviamo l’Ospedale, che è un pezzo importante di questa rivolta morale, civile e politica contro una destra di malgoverno che vuole affossare e mortificare i diritti dei nostri concittadini.

Anagni, 30 Giugno 2012

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.