Passa ai contenuti principali

Scalia: «Le procedure illegittime della ASL di FR»


COMUNICATO STAMPA

Nomine Asl, Scalia: “Oggi arrivano le risposte ad un'interrogazione che ho fatto mesi fa. Presentammo anche una proposta di legge sulle nomine Asl”


«Lo scorso marzo presentai invano alla Polverini un’interrogazione urgente per capire le modalità con cui il Direttore della Asl di Frosinone, il dott. Carlo Mirabella, aveva proceduto all’attribuzione di una ventina di incarichi dirigenziali ex art. 18 del CCNL. Oggi abbiamo le risposte che per mesi abbiamo atteso, e la conferma che i sospetti circa le ragioni per cui la direzione della Asl di Frosinone stava adottando procedure illegittime, erano più che fondati».  A dichiararlo il consigliere regionale del PD, Francesco Scalia, che sullo scandalo delle nomine Asl, aggiunge: «Era del tutto evidente, infatti che la Asl di Frosinone non stava rispettando le normative vigenti, che escludono che l'incarico dirigenziale ex art. 18 abbia carattere fiduciario. Nell’interrogazione chiarivo, infatti, che nel momento in cui la norma impone una valutazione comparata dei curricula e limita la nomina a soggetti in possesso di precisi requisiti, la scelta non può avere natura fiduciaria, come invece -ed oggi si comprende il perchè!- sosteneva strumentalmente la direzione ASL».
 

«Come Gruppo PD – conclude – abbiamo avvertito l’esigenza di adottare ulteriori misure di trasparenza e meritocrazia sul sistema delle nomine dei direttori generali, amministrativi e sanitari delle Asl, e nello stesso mese di marzo presentammo una proposta di legge, rimasta inascoltata dalla maggioranza di centrodestra, che le nomine – come si è visto – preferisce farle in altro modo, violando anche le regole esistenti.  Questa proposta di legge, se approvata, avrebbe potuto rivoluzionare il sistema di selezione dei dirigenti delle Asl, premiando capacità e professionalità. Nel testo – conclude - si proponeva la modifica del meccanismo dello spoil system per i direttori generali, adeguando la normativa regionale alla sentenza n. 104 del 2007 della Corte Costituzionale; e l’istituzione di un elenco regionale degli aspiranti alla nomina a direttore, tenuto ed aggiornato da una commissione di garanzia, a cui affidare il lavoro di vigilanza e controllo».

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.