Passa ai contenuti principali

Alonzi. Ospedale: «Fatti diversi per una politica diversa»


Con le chiusure dei presidi ospedalieri  nella provincia di Frosinone, mi riferisco in particolare alla chiusura degli ospedali di Anagni e Pontecorvo, si è aperta una voragine in un sistema che bene o male funzionava e garantiva un servizio di vitale importanza ai cittadini, è sotto gli occhi di tutti che il nuovo ospedale di Frosinone non è dimensionato e strutturato per sopperire le numerose richieste di un bacino di utenti che oramai  si è notevolmente allargato direi a dismisura.

Tutto questo dimostrato dalla mancanza dei posti letto che si è venuta a creare negli ultimi due anni,              gente parcheggiata allungata sulle barelle nei corridoi in attesa che si liberi un posto, i lunghi tempi  di attesa al pronto soccorso che oserei definire biblici  e per finire si sta aprendo anche una crepa sul sistema di raccolta sangue, infatti mi preme sottolineare che a causa della riduzione di personale al centro trasfusionale dell’ospedale di Frosinone non viene più nemmeno garantita la raccolta sangue  nelle sedi esterne.

Che il sistema sanitario della provincia di Frosinone, come nelle altre province del Lazio, andava rivisto e ristrutturato per far fronte all’enorme debito accumulato dalla Regione negli anni passati è un dato di fatto, ma non si può intervenire solo tagliando o chiudendo strutture ospedaliere per risolvere i problemi della sanità pubblica  locale, ci vogliono prima di tutto idee innovative e uomini giusti ai posti giusti, mi riferisco alle dirigenze ASL, che secondo me devono essere scelte con il metodo della meritocrazia e non più dalla politica clientelare a cui siamo abituati da anni.

La situazione è drammatica e tra i tanti problemi di questa Regione ne cito solo alcuni “Sanità, Lavoro, Ambiente”. Io penso che i problemi della sanità pubblica debbano essere seriamente affrontati da subito.
Come consigliere del PD del  comune di Anagni voglio denunciare al nuovo Commissario, non che al nuovo Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che oggi si sta mettendo a serio rischio la salute dei cittadini e che Lui ha il dovere morale e civile d’intervenire immediatamente senza indugi  per ridare dignità e funzionalità  al sistema sanitario in provincia di Frosinone.

Bisogna assolutamente pianificare la riapertura degli ospedali di Anagni e Pontecorvo e renderli operativi  e funzionali anche se dovranno essere per forza di cose ridimensionati rispetto al passato.
Dovranno essere poli d’eccellenza per determinate specializzazioni mediche e punti di riferimento  per tutti i cittadini del Lazio e d’Italia, inoltre dovranno essere dotati di un buon pronto soccorso per le emergenze e di ambulatori e laboratori analisi efficientissimi sia sui risultati che sui tempi d’attesa.

Mi auguro che il “Commissario” Presidente Nicola Zingaretti riesca a dimostrare di essere diverso da chi l’ha preceduto con i fatti, come Lui stesso ha sottolineato in campagna elettorale, senza far passare ulteriore tempo, affinché anche noi cittadini della Provincia di Frosinone possiamo avere riconosciuto il nostro diritto alla salute, come sancito dall’art. 32 della nostra Costituzione.

Piero Alonzi, consigliere Anagni PD

Commenti

  1. Si, aspetta e spera ....
    Zingaretti=Polverini
    Tanto loro so de Roma che glie ne frega de sti pori zampitti..
    Dobbiamo rifare la Lega Ernica o na bella Grilleria....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.