Passa ai contenuti principali

Liberiamoci!



In occasione del 68°anniversario della Liberazione, Sinistra Ecologia Libertà Anagni incontrerà i cittadini presso Piazza Cavour a partire dalla mattina, non solo per commemorare coloro che si sacrificarono per liberare il Paese dal dominio nazifascista,  ma per ragionare sul significato più profondo di questo evento storico.

Parlare di Resistenza e di Liberazione vuol dire parlare di cittadinanza, libertà e partecipazione; la Carta Costituzionale che nasce da questi principi, contiene un progetto di società che si fonda su diritti individuali e sociali fondamentali e inalienabili. I diritti costituzionali oggi si sono trasformati però in privilegi: basti pensare al diritto al lavoro, ad un’istruzione pubblica, alla salute. Non si parla più di stato di diritto nel quale ognuno partecipa alla costruzione continua di una realtà migliore e a misura d’uomo, ma di stato a misura di mercato.

La nostra città non è immune da questo destino: la crisi occupazionale, la chiusura e ridimensionamento dei nosocomi, lo stato delle scuole ne sono la prova.  Ecco allora che il diritto allo studio è un privilegio con spese a carico degli studenti e genitori sempre più onerose, perché da una parte tutti i servizi che riguardano questo ambito spesso sono esternalizzati  (ed è così che ci si ritrova a pagare tariffe molto alte per la mensa scolastica  ad esempio). Per non parlare di diritto alla salute: come già asserito si chiudono ospedali pubblici e si limitano i servizi di base sempre per  logiche di bilancio e mercato, logiche dalle quali tutti i cittadini vengono esclusi.  Ecco come anche il diritto alla salute diventa un privilegio. Di conseguenza il diritto di cittadinanza e partecipazione è reso vano dalle cosiddette “logiche di Palazzo”.

Ecco perché la ricorrenza della Liberazione deve essere un momento di riflessione: abbiamo reso vano il sacrificio di molti partigiani dimenticandone il significato più profondo e non lottando per esso? Forse non abbiamo soltanto dimenticato ma non abbiamo mai avuto consapevolezza di ciò che ci spetta di diritto e da sempre abbiamo preferito delegare o “elemosinare” quelli che erroneamente abbiamo considerato sempre favori personali, privilegi appunto e non diritti! Probabilmente siamo stati noi a trasformare lo Stato di diritto in Stato dei privilegi. Ci auspichiamo dunque che questa si trasformi in un’occasione per riflettere sul significato più profondo di libertà e democrazia e di celebrazione di tutti i partigiani morti per esse.

Viviana Cacciatori, coordinatrice cittadina di SEL Anagni

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.