Passa ai contenuti principali

Si cambia o non si cambia?





Con le ultime elezioni si è affermato a larga maggioranza il Sindaco Bassetta e la sua coalizione. Tale affermazione non ha carattere ideologico, ma proviene dalla voglia di cambiamento nella città e per la città. 
Se il cambiamento ci sarà lo vedremo nei prossimi atti di governo. Per ora ci chiediamo come è possibile mutare il corso delle cose se il bilancio di previsione del Comune è sostanzialmente la fotocopia dei precedenti. Anche la decisione di stabilire un livello di tassazione poco al di sotto del massimo consentito, senza sconti per le famiglie, è un film già visto. 

L’avvio della nuova amministrazione è, pertanto, in perfetta continuità con il passato. Abbiamo richiamato il sindaco Bassetta sulla avventatezza di un consenso all’aumento delle tariffe Acea. Era solo un richiamo a non far aumentare il parassitismo locale.

Dal richiamo ora passiamo ad una richiesta precisa fatta per contenere un’altra forma di parassitismo locale: la privatizzazione del cimitero.
Sono depositati da ormai 3 anni presso il Comune tutti gli atti della iniziativa popolare previsti nello Statuto promossa a suo tempo da SEL, completa delle firme di sottoscrizione dei cittadini, della formula di delibera consigliare, e tutto quanto previsto dallo Statuto. Giace tutto inevaso presso di voi. 
Non sappiamo il perché, ma non è difficile dedurlo: commistione tra politica e affari. 

Un metro quadrato di loculo costa più di un metro quadrato di abitazione!
Posto che la situazione oggi non è cambiata rispetto a quando SEL aveva proposto l’iniziativa, questo manifesto vale come reiterazione della richiesta, ancora valida, di discutere il problema in sede consigliare, come previsto dallo Statuto. Tutto per contenere i costi cimiteriali a carico delle famiglie.
Ci teniamo a sottolineare che non ci sono impedimenti di sorta a che il Comune prenda una decisione autonoma che metta l’attuale gestore del cimitero in concorrenza con altre opzioni. 

Se la nostra richiesta verrà valutata e accolta, l’attuale amministrazione potrà dimostrare alla cittadinanza che le cose al Comune di Anagni stanno cambiando. Pertanto l’invito che facciamo al Sindaco è quello di non comportarsi come il suo predecessore, che ha volutamente insabbiato l’iter della richiesta popolare per difendere l’interesse di pochi a scapito dell’interesse generale.

RIDURRE E SMANTELLARE LE FORME DI PARASSITISMO LOCALE SARÀ L’IMPEGNO CHE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ ASSUME A TUTELA DEL REDDITO DELLE FAMIGLIE.

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' CIRCOLO DI ANAGNI

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.