Passa ai contenuti principali

Perchè domani scenderemo in piazza. Ad Anagni

C'è un motivo per il quale bisogna andare alla manifestazione per il nostro ospedale, domani sabato 14 maggio. E questo motivo ha un solo nome: si chiama dignità.



Si tratta della dignità che questa città ha perso, nel corso degli ultimi anni. E la responsabilità di questo smarrimento della dignità è racchiuso in un solo concetto: una politica ridicola. Falsa. Bugiarda. Indifferente. Incapace. Inefficiente. Capace solo di scavare, con mille attenzioni ed accortezze, lo spazio adeguato per coltivare se stessa. Le proprie ambizioni e le proprie aspirazioni.

Se non ce ne fossero altri, di motivi, basterebbe ed avanzerebbe questo. Il recupero della dignità per una città umiliata da una promessa dopo l'altra. Un sorriso dopo l'altro. Una pacca sulla spalla dopo l'altra. A fronte di una realtà continuamente diversa, si, ma nel senso di un inarrestabile tradimento di quelle promesse, di quei sorrisi, di quelle pacche sulle spalle.

Quante volte è stata annunciata la riapertura di un ospedale praticamente chiuso e spogliato quasi di tutto? Forse lo stesso numero di volte che è stato inaugurato il museo cittadino. Destri e pseudosinistri sanno trovare le loro convergenze parallele, in questo paese. E' per questo continuo stillicidio, per questa prolungata umiliazione da parte di una politica capace solo di bugie, che domani bisogna andare davanti a ciò che resta del nostro ospedale.

Per testimoniare che non è questo il (finto) amore di cui questa città ha bisogno. E che non sono queste umiliazioni che renderanno la città migliore. Perchè le sale le stanze gli spazi del nostro ospedale debbono essere riempite di dottori di infermieri di macchinari di pazienti. Non di promesse. Che, fatalmente, abbiamo capito avere le gambe cortissime. Proprio come le menzogne.

E bisognerà anche cominciare a prendere coscienza di un'altra, definitiva realtà. Il fatto che questa politica capace solo di bugie è quella stessa che avrebbe dovuto rappresentare il cambiamento. Il rinnovamento ed anzi il neo rinascimento della città di Anagni. Non è così. Non è stato così. Non sarà così. I fallimenti ripetuti e continui. L'indifferenza verso le richieste della città. La qualità della vita peggiorata persino rispetto ai tempi che si dicevano "oscuri". L'assoluta mancanza di un'idea, un progetto, una visione ampia e strutturata di quello che Anagni dovrà essere nel futuro. Tutto questo ci dice che questa politica va cambiata. Al più presto.

Perchè questa città ha bisogno di crescere. Sul serio. E queste pappine dalle gambe cortissime non riesce proprio più a digerirle.

[Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.