Passa ai contenuti principali

Anagni. Fake democracy



Photo by Jon Tyson on Unsplash


Il senso più vero, e profondo, della democrazia è il confronto. Il dialogo. Posizioni diverse si siedono intorno ad un tavolo e provano a capirsi. A trovare un punto di equilibrio. Una soluzione che possa tutelare tutti i diversi, legittimi interessi riguardo una situazione che occorre migliorare. E dialogare significa non solo saper parlare per spiegare. Ma anche, e sopratutto, saper ascoltare per capire. Dunque, in definitiva, al cuore della democrazia c'è la capacità di ascoltare l'altro. Il diverso da me. Il portatore di un altro interesse. Un altro bisogno. Un'altra risposta.

Ieri sera, nella sala della ragione, c'è stato il consiglio comunale, qui ad Anagni. Consiglio comunale aperto. Vuol dire che ai cittadini è stata data la possibilità di parlare. Di esprimere quell'interesse. Quel bisogno. Quella risposta che, sempre più spesso, la politica fatica a comprendere. Persino ad ascoltare. Occasione di dialogo, dunque. Ed innanzitutto di ascolto. Ascolto dei cittadini.

Ebbene. A questo consiglio comunale, il pyddy ha deciso di non presentarsi. Infatti tutte le loro poltroncine sono rimaste desolatamente e tristemente vuote. Dunque il pyddy ha scelto di non partecipare al consiglio comunale. Ha scelto di non sedersi al tavolo per esercitare l'atto fondamentale della democrazia, ossia il dialogo. Che parte dall'ascolto. Ha scelto di non presentarsi ad ascoltare, e quindi interagire, coi cittadini. Non ha rinunciato, però, a voler dire qualcosa ai cittadini. Ma lo ha fatto da lontano. Con un pezzo di carta. Ha scritto un comunicato, il pyddy. E tanto basta. Niente confronto. Solo il comunicato. Quindi, in definitiva, poichè il pyddy non ha rinunciato a parlare ai cittadini, attraverso il comunicato, vuol dire che ha rinunciato ad ascoltarli i cittadini. Perchè a questo serviva il consiglio comunale aperto. Ad ascoltare i cittadini.
Insomma il pyddy ha voluto dire la sua. Attraverso il comunicato. Ma non ha ritenuto necessario presentarsi al consiglio comunale. Per ascoltare quello che i cittadini avevano da dirgli.

E' questo il modo col quale il pyddy ha inteso onorare la democrazia, che è fondata sul dialogo. Ha parlato, col comunicato, poi s'è alzato e se n'è andato. Senza perdere tempo ad ascoltare chi gli stava di fronte. Cioè i cittadini. Nel momento più istituzionalmente coinvolgente che possa esistere nella vita di un comune: il consiglio comunale aperto, questa è stata la risposta del pyddy.

E' stata una serata molto triste per Anagni. Per la sua democrazia. Per quel dialogo tra politica e città che dovrebbe essere la base indistruttibile sulla quale costruire una buona azione amministrativa. Luigi Pietrucci, nel suo intervento, ha evocato una «emergenza democratica». Forse ha esagerato. Forse si tratta solo di una evoluzione. La nuova società che una certa politica vuole costruire. Può darsi che abbiano persino ragione loro.

In fondo, se ci stiamo abituando a vivere in una società annebbiata dalle fake news, potremmo abituarci velocemente anche ad una più semplice, e sicuramente più sbrigativa, fake democracy.

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.