Passa ai contenuti principali

RETUVASA. La lotta comincia adesso

RETUVASA
Comunicato stampa
del 17 maggio 2010

La vicenda dell’inceneritore di car-fluff la cui autorizzazione operativa è stata chiesta dalla Marangoni all’Ufficio regionale per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), dietro la presentazione di un progetto di adeguamento dell’attuale inceneritore di pneumatici esausti all’incenerimento del car-fluff, impegna il Coordinamento delle Associazioni e i Comitati cittadini all’informazione rigorosa e costante degli sviluppi della situazione, per l’importanza dei problemi che essa pone e per il rispetto dovuto a tutti i cittadini che stanno offrendo un sostegno convinto alle iniziative di contrasto messe in atto dal Coordinamento.
L’incenerimento di car-fluff è altra cosa rispetto all’attuale operatività sia del reparto di produzione gomme sia dello smaltimento per combustione delle gomme esauste. Il car-fluff è costituito dai residui della rottamazione degli autoveicoli. Il suo incenerimento genera la diffusione di sostanze inquinanti, in primo luogo di diossine, le cui conseguenze sono micidiali per la salute e per l’ambiente. Questa attività, che la Marangoni ha già sperimentato, si pone in completa discontinuità con quella per la quale lo stabilimento Marangoni di Anagni è sorto: infatti l’attività è via via passata dalla produzione di gomme, alla combustione di quelle esauste ed ora si intenderebbe passare ad un’attività per nulla in rapporto con le precedenti che, per la storia stessa dell’azienda, sono destinate a sparire per concentrarsi sull’incenerimento di car-fluff.
Se l’azienda sta cambiando natura e obiettivo della sua attività ed ha perso, o sta perdendo il mercato (e una buona politica sindacale dovrebbe preoccuparsi dei riflessi sull’occupazione), concentrarsi sul car-fluff può significare soltanto puntare ad un’attività, l’incenerimento dei residui della rottamazione, che assicura fortissimi profitti a bassi costi, con manodopera ridottissima, destinata a ridursi ancora di più con l’automazione. Quanto al problema della salute e della sicurezza, esso esiste per gli operai interni alla fabbrica e per tutta la popolazione. Relativamente ai primi, l’Ufficio regionale che da mesi sta studiando il progetto per l’inceneritore di car-fluff ha giudicato inadeguati tutti i dispositivi tecnici a garanzia degli occupati e sono state richieste decine di integrazioni per dare un minimo di sicurezza all’impianto. Non è un caso che ci siano stati finora tre Conferenze, tutte non risolutive, sulla questione. Relativamente alla sicurezza della popolazione e alla tutela del territorio noi ribadiamo che l’impianto di incenerimento di car-fluff, anche in condizioni di normale esercizio, immette nell’ambiente circostante e oltre prodotti inquinanti scientificamente documentati tra i più tossici e pericolosi, in primo luogo le diossine.
Non è un caso che tre organizzazioni di categoria degli Agricoltori abbiano espresso congiuntamente critiche al progettato impianto e si siano mostrate, senza esitazione, contrarie alla sua autorizzazione. Infatti le attività agricole e di allevamento sarebbero inesorabilmente colpite, come in parte già accade, così come sarebbero compromessi e svalutati i beni immobili, terreni e case, oltre alle attività commerciali, nel momento in cui il nostro territorio venisse caratterizzato dall’inquinamento da diossina ed altre sostanze tossiche.
Noi apprezziamo l’atteggiamento consapevole e lungimirante dimostrato dall’assessore all’ambiente e vice presidente della Provincia Fabio De Angelis e, a nome di gran parte della popolazione che in questa vicenda ci sentiamo di rappresentare, lo invitiamo a continuare con coraggio nella sua attività di contrasto a questo scellerato progetto. Altrettanta considerazione esprimiamo per l’opposizione dichiarata più volte dal sindaco Noto e dall’amministrazione comunale di Anagni.
Da ultimo, ricordiamo le esortazioni che il vescovo Loppa ha rivolto a tutti i responsabili della difesa della salute e dell’ambiente a perseguire tale obiettivo senza tentennamenti, per una politica dello sviluppo che risponda a necessità economiche ecosostenibili e ad esigenze etiche doverose.

Rete per la tutela della Valle del Sacco - Associazione Culturale Anagni Viva -
Associazione Diritto alla Salute - Associazione La Guerra di Piero
Comitato Osteria della Fontana - Comitato Ponte del Papa – Comitato Vox Populi Anagniae

Per informazioni e per seguire la situazione aggiornata consultare i siti internet:
Retuvasa; D.a.S. Per comunicazioni urgenti chiamate il n. 3930723990

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.