Passa ai contenuti principali

Il grande fratello è morto

E' morto stanotte, all'età di 35 anni, Pietro Taricone. Il primo Grande Fratello della tv italiana. E' accaduto a Terni, dove Taricone si era lanciato col paracadute per seguire questa sua grande passione.
Ancora non è ben chiara la dinamica dell'accaduto. Sembra però che la vittima abbia azionato il freno del paracadute troppo tardi, precipitando al suolo ad una velocità molto più alta del consentito.
Immediatamente soccorso, Taricone è deceduto nonostante un disperato tentativo di salvargli la vita, in un intervento chirurgico durato 8 ore. Le ferite riportate in tutto il corpo e le numerose ed importanti emorragie non gli hanno dato scampo.
Lascia una figlia di 6 anni. Ed una compagna che, pronta a lanciarsi col paracadute subito dopo di lui, ha assistito impotente a tutta la tragedia. [Ave]

Commenti

  1. 'O guerriero merita il rispetto di tutti noi, che abbiamo riso o sorriso alle sue battute.
    Tutti quelli che si sono fermati al Taricone del grande fratello devono sapere che ha dimostrato di essere un guerriero vero, mettendosi in gioco, studiando e perchè no, avendo anche il coraggio di fare cose in cui si rischia la vita!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.