Passa ai contenuti principali

Padania ladrona

Con un po' di buona volontà, gironzolando diqquà e dillà, è possibile capire un po' meglio questo schifo di paese irregimentato nel quale viviamo.
Allora sentite questa. Tutto è cominciato da un mio collega blogger, dal quale ho tratto questa informazione. In soldoni: il ministero del tesoro (quello del famigerato Giulio) ha elargito la somma di 800.000 euro per la scuola privata dei coniugi Bossi. Preciso: per consentirne la ristrutturazione e l'ampliamento.
Incredulo, sono andato a cercare la fonte. E l'ho trovata. Niente poco di meno che il Giornale del Vittorio. Tutto vero. Tutto circostanziato. La scuola privata, se vi interessa, è questa qui. Poichè i Bossi non sono nominati, nel sito, ho voluto verificare anche questa notizia. Ed allora ho trovato questo articolo, sempre del Giornale, nel quale è detto esplicitamente: «quella scuola Bosina che proprio il ministro delle Riforme e la moglie Manuela hanno creato».
Tutto torna, pei giullari del regime. Nell'epoca dei più massacranti, distruttivi ed umilianti tagli al mondo della scuola, ai suoi lavoratori ed ai suoi studenti, il Giulio che vuole tagliare gli sprechi regala 800.000 euro alla scuola privata del suo padroncino, mentre la MariaStellina dichiara che le scuole private, con tutte le loro schifezze, sono un affare per lo stato. Per questo danno sempre più soldi a loro, e non c'è più niente per le scuole pubbliche.
Noi anagnini dovremmo denunciarli al tribunale dei diritti dell'uomo. La MariaStellina. Il Giulio. I Bossi. Ricordate la situazione delle nostre scuole? Ricordate che non si trova un euro per sistemarle definitivamente? Ricordate che cascano e pendono un po' da tutte le parti? E fanno acqua (letteralmente) da ogni buchetto? Ricordate quello che hanno dovuto subire i nostri ragazzi appena due anni fa? Se lo stato li avesse regalati a noi, quei soldi, per sistemare le nostre scuole pubbliche. Che avrebbero blaterato i trogloditi? Che putiferio avrebbero scatenato? Quanti forchettoni e quante baionette avrebbero tirato fuori dalla naftalina?
Ecco. Gridavano Roma ladrona. Ciancicavano dei favori, delle mazzette, delle prebende che andavano sprecate al sud.
Vergogna. Vergogna. Vergogna. Il senso di nausea che provo io di fronte a questo schifo lo percepisco sempre più diffuso. Sempre più partecipato. Niente sarà dimenticato. Per cambiare, si ripartirà da questo schifo. [Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.