Passa ai contenuti principali

Anagni. Roberto Olevano interviene sulla gestione degli impianti sportivi

Il signor Roberto Olevano, presidente della A.S. Città di Anagni calcio a 5, ha ritenuto opportuno intervenire sulla questione della gestione degli impianti sportivi della città. Ed è stato tanto gentile da mandarmi un articolo che potete leggere integralmente di seguito.
La discussione rimane aperta ai contributi di tutti gl'interessati, anche perchè le parole che sabato sono uscite su COG mi sembra abbiano reso tutto un po' più complicato. Da un lato, infatti, l'assessore Roberto Versi a dichiarare che tutto è stato fatto nell'interesse più genuino della città. Parole smentite da Roberto Amici, direttore sportivo della Pallavolo Anagni, che addirittura imputa alle conseguenze delle scelte amministrative la decisione di ritirare la 1 squadra! A sua volta smentito dal presidente della stessa Pallavolo Anagni, signor Peppino Scandorcia, il quale nello stesso articolo dichiara che il ritiro della prima squadra è avvenuto per altre difficoltà, non meglio specificate. Insomma. La matassa sembra complicarsi in un viluppo complicatissimo. Ma la mia impressione è che non tutti, ancora, abbiano aperto i loro cuori ed espresso i propri pensierini. Per questo risultano molto utili alla comprensione le parole di Roberto Olevano. Se non c'è la volontà, di capire, non andremo da nessuna parte. [Ave]

Ci tengo a precisare alcune cose dette, in particolare sulla gestione degli impianti sportivi comunali.

Al “portavoce” dell’Anagni Basket, che mi chiama in causa in qualità di rappresentante dell’A.S.D. CITTA’DI ANAGNI CALCIO, una delle società che svolge (anzi svolgeva) l’attività di calcio a5, all’interno del palazzetto dello sport:

 
Premetto che, l’Anagni Basket è una società con la quale, il rapporto è stato sempre collaborativo, sin dal 2002 anno di fondazione della Nostra Associazione.
Preciso inoltre, che, non è mia abitudine, entrare in merito alle politiche di gestione delle altre associazioni sportive, non avendo la supponenza di giudicare, in base ai miei risultati raggiunti.
Di riflesso, non accetto, consigli di parte di quali “percorsi imprenditoriali” seguire, per ottenere o addirittura per costruire impianti sportivi sul territorio di Anagni.
Non avendo tra l’altro, elementi a sufficienza, per poter giudicare e confrontare.
Per quanto riguarda, invece, il “consiglio” dove svolgere l’attività di calcio a5, La ringrazio dell’interessamento, però onde evitare strumentalizzazioni, preciso, che è uno sport “indoor” quindi al chiuso, la sua pavimentazione ideale è il parquet, identicamente ad altri sport, come il basket e la pallavolo. Da non confondersi con il calcetto che si pratica tra amici.  
Inoltre, la Federazione Italiana Giuoco Calcio, consiglia di svolgere l’attività all’interno di strutture geodetiche o palazzetti dello sport, come il 90% delle società del nostro campionato regionale.
Ma se una società, volesse arrivare ad altri traguardi, la Federazione “obbliga” a giocare al chiuso e a modernizzare le strutture, previa l’esclusione dal campionato.
Per la gestione del palazzetto dello sport, non condivido assolutamente, come già dichiarato, la decisione dell’amministrazione comunale e poco importa, di come è stata votata.
Concordo invece, con le altre associazioni che, avremmo dovuto ricevere almeno una convocazione preventiva alla delibera, per discutere, eventuali ipotesi di gestione, perché no!? e di una condivisione di esigenze e obiettivi delle stesse.
Per chi non fosse al corrente, l’Associazione che rappresento (c’è un direttivo che decide) è una delle poche a praticare sia il calcio a5, che il calcio a11, (ma non svolge attività di scuola calcio a5) è appunto, per questo affiliata al Frosinone Calcio,c on più di 200 tesserati e 10 istruttori qualificati (essendo la tra le prime associazioni riconosciute dalla F.I.G.C nella provincia di Frosinone).
Utilizziamo 4 strutture private (TUTTE A PAGAMENTO) di cui una addirittura nel territorio di Ferentino.
Poichè ricordo, ma ormai è cronaca passata, SENZA GIUSTIFICATI MOTIVI, siamo stati esclusi, anche dallo Stadio Comunale.
Mi domando diamo “forse” fastidio a qualcuno?
Ogni persona libera di pensiero, può farsi la sua insindacabile idea su questa TRISTE vicenda, ma nessuno potrà certamente negare, che tutte le associazioni o meglio tutti i cittadini di ANAGNI, hanno il sacrosanto DIRITTO, di avere le medesime “opportunità”.

Tanto dovevo,

Roberto Olevano

Commenti

  1. "..tutte le associazioni o meglio tutti i cittadini di ANAGNI, hanno il sacrosanto DIRITTO, di avere le medesime “opportunità”."

    sante parole

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.