Passa ai contenuti principali

La gestione dello sport nella città. AnagniBasket risponde alle critiche

Qualche giorno fa, all'interno di una discussione più ampia sui problemi della città e dell'amministrazione comunale, qualche lettore inviò dei commenti molto critici sulla situazione gestionale dello sport anagnino.
Qualcuno parlò praticamente di tragedia. Altri di lutto per tutto lo sport della città. Personalmente mi sono trovato un po' spiazzato, perchè è un argomento intorno al quale la mia ignoranza, al momento, è profonda assai.
Per questo, per contribuire alla comprensione ed all'approfondimento della questione, ho contattato personalmente la società AnagniBasket, alla quale ho chiesto di illustrare la situazione dal suo punto di vista. Sono stati molto gentili e puntuali, e di seguito potete leggere la lettera che mi hanno inviato. La discussione rimane aperta, come al solito, al contributo di tutti. Anche coloro che si ritengono danneggiati possono intervenire oppure mandarmi dei documenti di risposta. Credo che l'argomento meriti una reale comprensione da parte di tutti. Nell'interesse della città. [Ave]


Ringraziamio dell’opportunità concessaci di sgombrare il campo da dicerie e falsità che si vanno accumulando in questi giorni sul fatto che una sola Società, l’Anagni Basket, sia l’artefice dell’uccisione dello Sport anagnino.
Da un punto di vista meramente sportivo, non parliamo: non contano. E chi se ne vuole interessare, basta informarsi un poco sui risultati raggiunti negli ultimi anni. E non parliamo o di coppe o trofei, ma di numero di iscritti e partecipazione del pubblico alle nostre attività.

Sgombriamo il campo dalla prima falsità: l’Anagni Basket non ha in gestione la piscina comunale. Non l’ha mai avuta. Né l’ha mai chiesta. E se ne vede e se ne vedrà bene dal farlo. Non è la nostra attività e poco ci interessa di “monopolizzare le strutture”, come qualcuno ha affermato.

Negli ultimi tre anni, è sorto un nuovo centro sportivo ad Anagni: il Centro Sportivo Anagni Basket. Per essere più chiari, per capirci: l’EX PALLONE. Sarà in gestione all’Anagni Basket per i prossimi 25 anni. Il problema, o la falsità, che si sente è che, però, non si tratta di struttura COMUNALE, in quanto costruita da un’associazione privata, a proprie spese e a propri costi di mantenimento. Nulla intacca le casse comunali né i soldi dei contribuenti. II CENTRO SPORTIVO ANAGNI BASKET è un CENTRO PRIVATO. Che sarà riconsegnato al Comune di Anagni dopo il 25° anno di utilizzo, avendo avuto il terreno in oggetto in comodato d’uso dal Comune.

Rimane il fatto che il Centro è sempre stato aperto a tutti coloro che volessero visitarlo e non è stato mai negato l’utilizzo da parte di altre associazioni o realtà che ne abbiamo fatta richiesta: più specificatamente, sono stati ospitati il corso di ginnastica artistica con relativo Saggio svoltosi lo scorso 2 giugno, la Ballet Studio della signora Franceschetti (in data 29 maggio) e corsi amatoriali di pallavolo.
Oltre ad aver ospitato le attività Sportive della Scuola Media Giovanni Vinciguerra, rimasta senza strutture sportive dopo il trasloco nell’edificio all’Osteria della Fontana.
Tutto ciò, SENZA MAI CHIEDERE NESSUN COMPENSO ECONOMICO.

Si fa presente che il percorso attuato dall’Anagni Basket per avere in comodato tale terreno con destinazione per “impianti sportivi” è praticabile da tutte le altre attività sportive che ne avessero voglia per poter realizzare A PROPRIE SPESE gli impianti di cui necessitano. Tenendo presente che il terreno a disposizione intorno agli attuali impianti è ancora notevole.

Passando alla più recente questione dell’affidamento della gestione dell’impianto comunale del Palazzetto dello Sport di Anagni alla Società A.D. Anagni Basket, si fa presente che la stessa, per mettere a norma per attività sportiva e non che si volessero praticare nella struttura, si farà carico di tutti i lavori necessari per poter raggiungere gli standard necessari.

La gestione, quindi, prevederà la ristrutturazione delle coperture, completamente fallata, del Palazzetto, mai soggette a lavori dalla sua costruzione nel 1985. Prevederà, inoltre, l’ammodernamento dei locali interni e la ristrutturazione di tutti gli infissi esterni ed interni. Tutto ciò a spese esclusivamente dell’A. D. Anagni Basket.

Noi ci siamo sempre proposti per migliorare le strutture presenti, senza mai lamentarci o fare vittimismo di sorta. Strano che si parli di LUTTO DELLO SPORT causato da una società che negli ultimi anni ha inaugurato l’unica struttura sportiva nuova nel territorio d’Anagni.

Si fa presente, inoltre, che nel territorio anagnino ci sono impianti sportivi tali da permettere attività per tutti, per il calcio e calcio a 5. Nello specifico, 3 campi da calcio regolari (senza contare lo Stadio comunale) ed un’infinità di campi da calcio a 5.

Le QUOTE DI ISCRIZIONE DEI NOSTRI RAGAZZI e le ENTRATE DEI NOSTRI SPONSOR , noi, le utilizziamo per MIGLIORARE le strutture.

Sarebbe doveroso, allora, chiedersi perchè negli ultimi decenni, i punti riguardanti l'Anagni Basket, sul comodato d'uso del terreno del Centro e la gestione del Palazzetto dello Sport, siano stati uno dei pochissimi punti votati ALL'UNANIMITA' da consiglieri di maggioranza e di opposizione?

A.D. ANAGNI BASKET

Commenti

  1. Penso che la risposta della società sia più che giustificata in quanto io stesso come genitore mi sono trovato coinvolto l'anno scorso nella disorganizzaione ed approssimazione della locale società di calcio a 5 la quale dopo aver fatto pagare la quota d'iscrizione non ha mai stilato un programma di allenamenti sia per l'orario che per il luogo degli stessi rimandando a continue telefonate fra i ragazzi per conoscere quanto sopra, non ultimo la mancanza cronica di istruttori con vari personaggi alternatosi allo scopo. Quindi penso che sia più che giusta la scelta del comune di affidare la struttura alla società di basket tenendo conto che il resto non esiste se non per soddisfare le proprie voglie a discapito degli altri.Si impeganssero per la comunità e non per loro stessi o per i loro amici è sicuramente sarebbero trattati allo stesso modo di chi ci mette passione,tempo e soprattutto la faccia senza tralasciare in ogni caso anche l'aspetto economico.

    RispondiElimina
  2. Il proprietario dell'AnagniBasket l'ho conosciuto per motivi professionali, avendo avuto anni fa, in classe, sua figlia. All'epoca neppure sapevo di questo suo ruolo.
    In seguito mi hanno descritto (perchè io non vi ho mai assistito personalmente) l'accalorato tifo familiare durante le partite del campionato.
    Qui si esaurisce la mia esperienza sull'AnagniBasket. I recenti, brillantissimi successi sportivi però ne testimoniano, evidentemente, la sagacia gestionale.

    Un monopolio, in qualsiasi settore si materializzi, non è mai cosa buona e giusta. Però è indubbio che, di fronte all'incapacità gestionale del comune, la possibilità di sfruttare ma anche di ristrutturare gli spazi sportivi a vantaggio della comunità è prospettiva da prendere in seria considerazione.

    Se poi è e sarà confermata la piena disponibilità delle strutture anche ad altre società e discipline sportive, allora forse bene hanno fatto maggioranza ed opposizione a votare unanimemente questa soluzione.

    Credo sarebbe utile qualche testimonianza contraria, per comprendere meglio i rischi paventati e le difficoltà eventualmente già affrontate.

    Come sempre, massima apertura al confronto di opinioni.

    [Ave]

    RispondiElimina
  3. Risposta al signore/a anonimo, il suo sarà stato un caso, perchè io conosco chi gestisce la società locale del calcio a 5 e sono tutte persone serei e al di fuori del signore/a non ho sentino altre lamentele in merito.
    Poi vorrei rispondere ad alcuni punti sull'articolo del signor Meazza:
    Partendo dal presupposto che è sbagliato dare in gestione il palazzetto delle sport ad una società, in questo caso il basket anagni.
    1) Io se fossi il sindaco e l'assessore allo sport farei come fanno in molte altre città, le società che voglione giocare nelle strutture comunale presentano il loro piano futuro il comune lo visione e se va bene, chiede una somma economica per l'utilizzo della struttura la quale somma sarà utilizzata al mantenimento, il questo caso alla ristruttuzione della struttura.
    2) Giusto che fra 25 anni le strutture torneranno di proprietà del come, ma voglio vede in che stato torneranno se rimangono come sono ora va bene alrimenti il comune si ritroverà due strutture da ristrutturare.
    3) Visto che afferma i numerosi iscritti, penso che i propri allenatori lavorano male, visto che negl'anni non e uscito nessun giocatore anagnino di basket ad alto livello e tutti i campionati vinti dal basket anagni sono avvenuti con persone che non sono anagnine.
    4) Poi la situazione che tutti i punti riguardati il basket anagni vengono accettati dalla maggiranza e dall'opposizione mi fa molto pensare come cittadino anagnino e non dico altro.

    RispondiElimina
  4. La conoscenza personale di anonimo riguardo alle persone che gestiscono la società di calcio a 5 è sicuramente di parte in ogni caso io sono disponibile a portare i dati di quanto asserito nel primo commento, tant'è che il presidente di tale società nel corso dell'anno si è ricordato dell'esistenza dei ragazzi solo quando li ha portati sotto il portico comunale a protestare solo ed esclusivamente per i propri interessi visto che dopo non ha più aperto bocca. In ogni caso questi signori sono anni che giocano al palazzetto ed oltre che ha sporcare ed incassare i soldi della publicità dei cartelloni penso che non abbiano fatto nulla ,ed inoltre se andiamo avedere i risultati sportivi penso che sia meglio che rimangano zitti, in quanto i risultati li penalizzerebbero ulteriormente. In ogni caso penso che il signore di cui sopra ha avuto la sventura che gli si sia rotto il giocattolo personale avuto gratis per qualche anno anzi sicuramente anche con qualche aiuto da parte del comune e che adesso non voglia accettare la propria situazione sportiva pressochè fallimentare. Grazie dello spazio .

    RispondiElimina
  5. Per favore non toccate il Basket ad Anagni. Le rarissime notizie positive, in rete e sui quotidiani, che riguardano la nostra città provengono proprio dalle imprese e dai risultati della pallacanestro. Se ad Anagni esiste qualche cosa che ci può essere invidiato, oltre l'architettura medievale di cui non abbiamo merito, è proprio la società di Basket, che ha una lunga tradizione, radici profonde e vanta un'organizzazione che nessun'altra attività sportiva possiede. I successi in campo nazionale sono testimonianza del lavoro svolto. Una società si vede anche dai risultati e lo sport difficilmente inganna; quanto alla carenza di campioni locali come segno di catttiva gestione è come dire che l'Inter, visto che non ha giocatori italiani e tantomeno milanesi, non è buona società.

    RispondiElimina
  6. Guardate ho letto l'articolo è i commenti, su questa situazione, io sono uno che piace lo sport, lo seguo tutto. Ma il basket sto rovinando tutti gli altri sport anagnini.
    Poi ci lamentiamo che i giovani non pratico sport, ma non gli viene neanche data la possibile di usufruire delle strutture comunali!!
    Anagni e bella ma sono gli anagnini che la rovinano!!

    RispondiElimina
  7. ANDREA DI PALMA13 agosto 2010 13:23

    Sono Andrea Di Palma e vorrei rispondere all'anonimo di cui sopra

    "2) Giusto che fra 25 anni le strutture torneranno di proprietà del come, ma voglio vede in che stato torneranno se rimangono come sono ora va bene alrimenti il comune si ritroverà due strutture da ristrutturare."

    - Caro Signore, è gentilmente invitato a visitare le NOSTRE strutture del Centro Sportivo: abbiamo ricevuto i complimenti di tutte le squadre della provincia, più la richiesta dei progetti da parte delle Società Basket Cecina (Toscana) e Libertas Roma (Lazio).

    "3) Visto che afferma i numerosi iscritti, penso che i propri allenatori lavorano male, visto che negl'anni non e uscito nessun giocatore anagnino di basket ad alto livello e tutti i campionati vinti dal basket anagni sono avvenuti con persone che non sono anagnine."

    Il lavoro giovanile è un lavoro difficile ed è cominciato da pochi anni. Purtroppo ricominciare da 0 è un'impresa ardua.
    Le vorrei sottolineare come però lei manchi di rispetto ai nostri allenatori, tra cui ci vantiamo di avere molti persone riconosciute nel settore: in primis, coach Luca Zavaroni, PREMIATO NEL 2008 COME MIGLIOR ALLENATORE GIOVANILE NELLA REGIONE LAZIO PROPRIO PER IL LAVORO SVOLTO PRESSO L'ANAGNI BASKET.

    Abbiamo il miglior settore femminile della provincia, con le ragazze del 96 che hanno vinto gli ultimi due campionati. Inoltre, il gruppo under 17 ha quest'anno vinto la categoria regionale, GIOCANDO UN ANNO SOTTO ETA'.


    SE POI LE VALUTA L'EFFICACIA DI UNA SOCIETA' IN BASE AI "CAMPIONI" O AGLI ATLETI DI LIVELLO, LE RISPONDO:

    LO SPORT ITALIANO VA MALE PROPRIO PERCHE' ESISTONO PERSONE CHE PENSANO CHE BISOGNI CREARE "CAMPIONI" O "STELLE". PER NOI, PER ME, CHE FACCIO L'ALLENATORE ANCHE, LO SPORT E' SOPRATTUTTO AGGREGAZIONE, ATTIVITA' SOCIALE E CIVILE. Per me, per l'Anagni Basket è fondamentale che crescano come RAGAZZI, come persone, perchè lo Sport può essere una sana scuola di vita.

    Se poi non diventeranno campioni, pazienza: magari saranno degli ottimi genitori, come il Signor Carlo, che con la loro passione faranno amare uno Sport, non necessariamente il basket, con tutto il loro cuore. Magari diventeranno allenatori, arbitri, dirigenti o semplicemente tifosi.
    PERO' UNA COSA E' SICURA: AVRA' DENTRO DI SE' UNA GRANDE CULTURA SPORTIVA. QUELLA CHE MANCA AD ANAGNI...

    RispondiElimina
  8. Sono pienamente d'accordo con Andrea Di Palma nell'affermare che prima di tutto bisogna formare i ragazzi alla cultura sportiva, purtroppo oggi viviamo in una società dove il più bravo e il più forte viene considerato e gli altri sono tutti mezze calzette come intende L'Anonimo che evidentemente lo sport lo guarda solo in televisione!!.

    RispondiElimina
  9. ANDREA DI PALMA13 agosto 2010 15:21

    Riprendendo il discorso della qualità dei nostri ragazzi.

    A livello giovanile, il gruppo 1995 ha vinto dominando gli ultimi campionati regionali. Dall'anno scorso disputa anche il Campionato Nazionale.
    Il gruppo dei 1996 è arrivato alle finali regionali nell'ultimo campionato.
    I nostri ragazzi sono, da anni, stabilmente nelle finali dei tornei federali del JOIN THE GAME, torneo nazionale di 3on3.
    3 nostre atlete hanno raggiunto le finali di Milano, arrivando 4^ in tutta Italia, nel torneo di 3on3 riservato alle scuole, organizzato dal pres. DINO MENEGHIN.
    Due noste atlete (del 1996 e 1997) sono state selezionate per la rappresentativa della squadra laziale di basket. Due nostre atlete (1995) hanno disputato il TROFEO DELLE REGIONI in Veneto indossando la maglia della Regione Lazio. Due nostri atleti (1997) sono stati in prova presso la Scavolini Pesaro.

    La squadra di Promozione, seconda squadra senior, formata da SOLI ANAGNINI, tra i 19 e i 27 anni, ha vinto il proprio campionato.

    Poi, ripeto, i risultati sportivi, in termini di trofei, per me sono quelli che meno contano, se i giocatori non diventano SPORTIVI in tutti i sensi.

    Capisco, inoltre, i dubbi e le preoccupazioni, legittime. Non capisco le accuse e le falsità verso una Società che ha sempre lavorato per i ragazzi. Forse, nel momento in cui qualcuno ha visto che non poteva più fare i propri interessi, si è risentito...

    RispondiElimina
  10. Allora. Proviamo a fare un pochino d'ordine?

    [1] Coloro ai quali non piace la gestione dell'AnagniBasket dovrebbero cominciare a lasciar perdere il discorso dei meriti sportivi. Perchè vincere è sempre estremamente difficile. E non basta avere la squadra forte. Serve anche una grande organizzazione ed una grande società. Capace di creare un gruppo con la mentalità vincente, e di lavorare per e con il gruppo. Il basket anagnino ha dimostrato ampiamente di essere a questi livelli. Gliene va dato atto con grande riconoscenza. Dice bene Carlo: è l'unica volta che il nome di Anagni esce positivamente sul mercato nazionale. Perchè dovremmo remarci contro?

    [2] Condivido anche il punto di vista della cultura sportiva. Di grandi campioni ne nascono una manciata a secolo, non si penserà davvero che siano sufficienti pochi anni di attività, sebbene benemerita, per avere il Jordan anagnino, vero? Il primo requisito è la capacità di "rubare con gli occhi", come si dice. Ossia d'imparare dai migliori. Il fatto che l'AnagniBasket non abbia giocatori anagnini non toglie nulla ai suoi meriti. Sta creando il terreno adatto. Non è certo che nei prossimi 20 anni nascerà la stella anagnina del basket, ma è certo che, se ciò accadrà, questo sarà possibile solo nel contesto adatto, creato e sostenuto appunto dall'AnagniBasket.

    [3] Sicuramente sarà colpa mia, chè son un po' ottuso, però continuo a non percepire, nel concreto, in che senso la gestione data all'AnagniBasket danneggerebbe gli altri sport. Mi piacerebbe che qualcuno entrasse un po' più nel merito. Qual è, esattamente, la natura del problema? Che l'AnagniBasket usa le strutture e non le "presta" agli altri? Che l'AnagniBasket fa pagare un ticket particolarmente gravoso agli altri sport che vogliono usufruire delle strutture? La mia impressione è che si continua a rimanere ancora un po' troppo sul generico. La domanda diretta è: perchè gli altri sport sarebbero danneggiati da questa situazione? In che senso?

    [4] La domanda sullo stato delle strutture fra 25 anni è legittima. Come cittadini, il nostro interesse è che, fra 25 anni, esse siano in condizioni tali da non farci pentire della gestione consegnata oggi all'AnagniBAsket. Ma questo non può essere argomento d'accusa, oggi. Occorre che passino tutti e 25 gli anni. Non si può massacrare una società per qualcosa che ancora (non) è stato fatto.
    Da questo punto di vista, non sarebbe inutile conoscere un po' più nel dettaglio il contratto di gestione firmato dal comune. Che cosa prevede? I lavori di ristrutturazione debbono essere svolti entro un certo periodo? E quali lavori? E quali dovranno essere le condizioni minime degli impianti quando, fra 25 anni, torneranno nella piena disponibilità dell'amministrazione comunale?

    Ecco. A proposito di trasparenza. Magari qualcuno di buona volontà potrebbe illuminarci, o magari inviarci copia del documento firmato.

    Vabbè. Era solo un sogno. Il sogno di un vivere in un paese normale.

    [Ave]

    RispondiElimina
  11. L'ANAGNI BASKET SI E' IMPEGNATA NEL GIRO DI 3 ANNI A FARE LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE CHE VANNO DAL RIFACIMENTO TOTALE DEL TETTO, DEGLI INFISSI INTERNI ED ESTERNI, TINTEGGIATURA ECT....
    IL COMUNE SI ACCOLLA LE SPESE STRAORDINARIE, ACQUA E LUCE! POI TRA 10 ANNI L'IMPIANTO TORNERA' AL COMUNE STESSO CON TUTTE LE MIGLIORIE FATTE!
    F.TO EGIDIO PROIETTI CONSIGLIERE DI MINORANZA!

    RispondiElimina
  12. Un grazie sentito all'amico Egidio. Ora possiamo cominciare a ragionare un po' meglio.

    Dunque, per tutti coloro che nutrono perplessità sulla gestione AnagniBasket, questo è un primo punto sul quale è possibile esercitare un certo controllo. Siamo nell'agosto 2010. Entro l'agosto 2013 il palazzetto dello sport di Anagni dovrà avere il tetto completamente rifatto. Una nuova tinteggiatura. E nuovi infissi internio ed esterni.

    Ecco. Questa è una cosa verificabile. E sarà possibile verificare che, tra 10 anni, queste migliorie siano ancora operanti al momento della riconsegna dei locali al comune, ossia alla città.

    [Ave]

    PS= A scanso d'equivoci, preciso che non ho contattato nè sollecitato l'Egidio nè altri a rispondere. Mi sembra allora corretto farvi notare che, nonostante il sottoscritto glien'abbia dette di cotte e di crude, ai sinistri, son però sempre loro che ci provano a metterci la faccia ed a venir qui a spiegare o controbattere qualcosa.
    Dalla maggioranza, piena di delegati, assessori, esperti, competenti, addetti stampa, simpatizzanti e semplici profeti, non è mai arrivata neanche una sillaba.

    Ognuno ne tragga i pensierini che più gli aggradano.

    RispondiElimina
  13. Vorrei rispondere anche io su questo punto in particolare descritto dal signore/a ANONIMA (se così si vuol far chiamare):

    2) Giusto che fra 25 anni le strutture torneranno di proprietà del come, ma voglio vede in che stato torneranno se rimangono come sono ora va bene alrimenti il comune si ritroverà due strutture da ristrutturare.

    Mi sembra che la situazione attuale del Palazzetto dello Sport di Via San Magno non sia stato lasciato nelle consizioni migliori che una società desidera... Infatti la società di basket si sta mettendo già all'opera per rendere l'impianto il più confortevole possibile, cose che, in tutti gli anni precedenti nessuno, e sottolineo NESSUNO, ha mai fatto!
    Lei dice che ritrovare tra 25 anni il Palazzetto nelle stesse condizioni di adesso andrebbe bene?!?!?! Ma falla FINITA! Sicuramente l'impianto tra 25 anni non sarà come adesso, ma sarà sicuramente meglio, perchè lì ci sarà il duro lavoro di chi, a differenza di alcuni, ci mette tempo e denaro.

    RispondiElimina
  14. Ecco il disaggio che mi crea non avere il palazzetto dello sport, io faccio l'allenatore della juoniores di calcio a 5, oggi mi dovrei allenare ma il tempo non me lo permette, nel mio girone tutte le altre squadre hanno un campo al coperto, quindi quando piove si possono allenare, la mia squadra purtroppo nel corso del campionato sara penalizzata per questo, visto che come sappiamo tutti allenarsi e fondamentale per avere dei risultati nello sport. SOLO PER FAR CAPIRE CHE IL CALCIO A 5 è NATO COME UNO SPORT AL CHIUSO, GRAZIE PER IL DISAGGIO COMUNE E BASKET. SIMONE AMBROSETTI

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.