Passa ai contenuti principali

Anagni. Il Comune assume ideologi. Anche part-time

Quale cosa è peggiore di uno sbaglio? Continuare a sbagliare anche dopo che, palesemente, dovresti aver capito l'errore commesso. Com'è che si dice? Diabolico non è tanto lo sbagliare, ma il perseverare. Specie se, per ostinarti a difendere cause perse in partenza, perdi la testa e fai cose che non dovresti fare. Che è accaduto ancora, chiederete voi? Bè, signori, è accaduto, anzi sta accadendo ancora, che lo spazio virtuale del comune, qui su internet, ospita interventi che non dovrebbe ospitare. Perchè il sito di una amministrazione pubblica ha l'obbligo di diffondere notizie sulle attività, sulle procedure, sulla documentazione inerente il lavoro dalla stessa svolto. Deve contenere anche tutti i comunicati ufficiali della stessa amministrazione, che hanno valore legale ad ogni buon fine di rivalsa da parte degli interessati.



Ciò che NON può ospitare, il sito ufficiale di una amministrazione pubblica, è l'intervento di soggetti, singoli o di gruppo, che non hanno alcun ruolo istituzionale all'interno della stessa amministrazione. Per intenderci: non sarebbe lecito che fosse ospitato un mio comunicato, perchè io sono un cittadino comune. Non sarebbe lecito neppure che fosse ospitato un intervento di RETUVASA, perchè essa è una libera associazione che non ha alcun rapporto istituzionale con l'amministrazione. Per questo, in assoluta libertà, chiunque lo desideri si apre il sito, od il blog, che vuole. E lì ci scrive tutto quello che gli pare. Comune cittadino oppure associazione ambientalista. Come, per esempio, fa il sottoscritto e fa RETUVASA.

Invece, se andate a dare un'occhiata al sito del comune, troverete ben due interventi che non dovrebbero stare lì. Il primo è di un certo signor Gioacchino Pesoli. Il quale, a parte essere stato candidato in una lista destra, non risulta avere alcun titolo per essere diffuso da un comunicato stampa del Comune. Non perderò neppure un minuto del mio tempo a commentare le sue parole. Esse si commentano ampiamente da sole. Sottolineo solo che su una cosa sono assolutamente d'accordo con lui: «non tutti sono emancipati e dalla mente aperta». Parole sue. Parole sante. Trovo sempre ammirevole chi riesce a dimostrare, nella pratica quotidiana, concetti a volte un po' troppo nebbiosi.

Il secondo intervento, invece, è una dichiarazione di CasaPound (e non di casa Pund, come ridicolmente indicato sul sito). Per chi non lo sapesse, CasaPound è una organizzazione ultra super maxi fascista, che non nasconde la propria ammirazione per l'Adolfo germanico. Vi posto solo questo articolo e quest'altro, a mo' di esempio, tra migliaia di riferimenti che potete trovare sul web. Il resto ve lo potete leggere da soli.

E dunque. Che ci fanno le parole di un cittadino comune e di una associazione sotto forma di comunicato stampa di un'amministrazione pubblica come il comune di Anagni, con la quale non hanno alcun rapporto istituzionale? A che titolo si diffondono come comunicati stampa del comune? Inutile dire che entrambe le note si dichiarano a favore del sindaco Noto, ultimo difensore di un medioevo ideologico che ben si riconosce nelle strade sporche, nel letargo culturale, nel nulla imprenditoriale, nel letargo progettuale di questa città.

E dire che, nel vano tentativo di mascherare la figuraccia cosmica, il signor sindaco ha ripetutamente garantito la sua disponibilità al confronto attraverso un convegno pieno zeppo di "esperti". Solo così, ha affermato, potremo evitare traumi ai nostri giovani.

Aspettiamo fiduciosi che il Comune ci fornisca, in un comunicato stampa, l'elenco di questi esperti.

[Ave]

Commenti

  1. L'opposizione dovrebbe presentare un'interrogazione sull'uso improprio del sito del Comune.

    RispondiElimina
  2. ...quelle non sono parole di gioacchino,ma di chi ha scritto l'articolo,siamo purtroppo abituati agli articoli filo governativi,la mascherina è ormai tolta.

    RispondiElimina
  3. il comune dimostra come stia alla frutta avvalendosi di questi soggetti!

    RispondiElimina
  4. L'opposizione sarebbe bene non disturbarla. Potrebbe anche finire con lo svegliarsi.
    L'unica opposizione reale a certi soggetti siamo noi cittadini. Dovremo solo imparare ad organizzarci. Magari con le vitamine K.
    [Ave]

    RispondiElimina
  5. Ragazzi iniziamo a dare retta a grillo, mandiamo a quel paese tutti i partiti di destra e di sinistra......ognuno cura i propri interessi, facciamoci sentire con le associazioni e comitati ma non inviatiamo sempre i politici ...ripeto curano solo i propri interessi....

    RispondiElimina
  6. a questo punto, dovreste spiegare anche a noi cosa sono queste "vitamine K"..........

    RispondiElimina
  7. BREVISSIMA STORIA DELLE VITAMINE K

    Eheheh. Tana per l'impreparato!

    Ma li leggete i commenti? Perchè in un commentino avevo già spiegato, assai succintamente invero, cosa sono le vitamine K. Vabbè, per stavolta giustifico tutti.

    A raccontarlo mi viene un po' da ridere, però ci provo lo stesso.
    E' successo che, grazie al web, al blog ed a FB, si è ampliato e di molto il ventaglio delle mie conoscenze. Con qualcuna ha cominciato ad esserci uno scambio più assiduo. Che ha permesso di riconoscersi in un sottofondo ideologico ed ideale molto ma molto simile.

    Il passo successivo è stato, allora, il desiderio di conoscersi un po' meglio, di persona, ed andarsi a mangiare una pizza. Quattro gatti buontemponi per scambiare due chiacchiere. Niente di più, niente di meno.

    Doveva essere in estate. Ma, per problemi di ferie, è stata spostata a settembre. L'abbiamo fatta qualche giorno fa, sta famosa pizza. Per scherzo, nei giorni antecedenti l'organizzazione (avvenuta rigorosamente attraverso mail, blog e FB) ho scritto agli amici che erano invitati tutti i Komunisti (con la K).

    Da lì, per chiamarci, siamo passati prima per il gruppo K. Poi per il movimento K. Infine, proprio qui sul blog, in un commento il grande Nik (Lauretti), ha parlato di "vitamine da dare al paese per farlo risollevare". E così sono nate le vitamine K.

    Cosa siamo? In questo momento assolutamente niente. La pizza che abbiamo fatto è stata non solo piacevolissima, perchè le persone son gradevoli e ci siamo subito familiarizzati (non vi dico il taglia e cuci su tanti personaggi anagnini... ihihih... peggio delle comari!).

    Ma è stata anche interessantissima. Perchè, e non poteva essere altrimenti, abbiamo parlato (e molto) e discusso (e molto) di politica. Di Anagni. Di progetti. Di futuro.

    Sono assolutamente convinto che se i cittadini di Anagni ricominciassero ad uscire dalle tane, a (ri)associarsi anche solo per (ri)scoprire il gusto di stare insieme, questa città potrebbe avere un possibilità in più.

    E poi, volete mettere il divertimento?

    [Ave]

    RispondiElimina
  8. una volta Anagni era conosciuta per i suoi monumenti, per aver dato i natali a quattro papi, per la cordilita' nei confronti dei forestieri per le grandi fabbriche. oggi purtroppo siamo famosi per chi ci rappresenta e come ci rappresenta lui e i suoi portavoce

    RispondiElimina
  9. Facendo una ricerca su internet a proposito di vitamine K (potassio) ho letto una cosa carina su questo sito http://www.anagen.net/potassio.htm.
    "La somministrazione di potassio nei topi ipertesi ha aumentato la durata della vita fino a 8 mesi pari a 32 anni di vita umana, e li protegge dalla morte per ictus"."I sintomi di carenza di potassio includono astenia, vomito, bassa pressione arteriosa, coma".
    Queste poche indicazioni riusciranno a convincere gli anagnini che è meglio assumerli questi sali minerali, se vogliamo uscire dal coma?
    POiché il potassio è contenuto in grande quantità nella frutta, nella verdura e nei cereali, vogliamo fare in modo che nessuno ce li inquini più?
    Una piccola considerazione anche a proposito della dichiarazione di un signore sul sito del Comune: se fossimo stati a scuola ai miei tempi e io fossi stata il professore, correggendola avrei scritto in rosso: "non è farina del tuo sacco".
    Almeno parliamo e scriviamo quello che pensiamo,a "parole nostre"!
    Perché ci si preoccupa se un nostro figlio va alla conferenza di Luxuria e non si preoccupa di quello a cui può accedere utilizzando internet, il telefonino oppure il televisore che tutti hanno in cameretta? Quanti genitori sono vicini ai loro figli mentre li usano, visto che il regalo più gettonato della prima comunione è il telefonino?
    Le scommesse sono aperte.

    RispondiElimina
  10. Ebbene si, sono impreparata Prof.!
    Ma ho una giustificazione..... forse ero troppo impegnata a ragionare sul livello depressivo dell'immagine del Paese intero... Paese inteso come Italia. Povera patria.
    Citando Battiato: "schiacciata dagli abusi di potere di gente infame che non sa cos'è il dovere".
    Dunque, perchè se il Paese intero è avviluppato in una cappa di soprusi, soggiogato dalla cronica mancanza di lavoro, umiliato dall'arroganza dei potenti, annichilito dai 40 milioni (40.000.000.000) di euro che il sig Profumo ha percepito come buonuscita, piegato dalla vergognosa prassi dell'evasione fiscale..... perchè, dunque, Anagni dovrebbe essere diverso? Perchè dovremmo noi, piccola città di provincia, non assimilarci al resto dei paesi, paesoni, cittadine, città e metropoli di questo meraviglioso e disgraziato Paese?
    Cosa ci dovrebbe far credere di essere diversi, - migliori, ripetendo le mie stesse parole- ?
    Ci pensi, professore. 20 anni di lavaggio del cervello e di annientamento delle coscienze perpretrati a mestiere in tutte le case, in tutte le stanze -chi di noi non ha almeno due televisori?- hanno dato i frutti sperati.
    Siamo qui a discutere sulla ormai famosa casa di Montecarlo, mentre 1 giovane su 3 è disoccupato.
    I politici che siedono in Parlamento -pagati dal suo stipendio, dal mio, da quello di tanti come noi- non riescono a decidere chi deve sostituire lo smemorato ministro Scajola e lasciano l'interim del ministero dello sviluppo industriale - mica bruscolini- nelle mani di Berlusconi in un gigantesco nonchè immorale conflitto di interessi.
    E noi ci preoccupiamo delle sorti di Inter-Milan-Lazio-Roma in un eterno divertificio quando la Fincantieri minaccia la chiusura di siti industriali, la Fiat prende i soldi, chiude Termini Imerese e scappa in Polonia, le scuole... che ne parlo a fare, lei le conosce sicuramente meglio di me.

    Scusi lo sfogo. Sono molto amareggiata.

    Mi auguro che le sue vitamine K siano un rimedio.

    RispondiElimina
  11. Mi sento idealmente molto vicino ai due ultimi commenti. Ne condivido gli spunti e l'amarezza. Già che ci sono condivido pure l'incoraggiante e beneaugurante descrizione dei poteri taumaturgici della (già famigerata?) vitamina K.

    Ci tengo però a sottolineare una cosa. Ricordate Fox Molder, l'agente FBI protagonista di X-Files? Ebbene. Lui aveva un grande poster, attaccato al muro dell'ufficio, che diceva: I WANT TO BELIVE. Io voglio credere.

    Ecco. Anch'io sono così. Io voglio crederci. Anzi. Io ci credo. L'amarezza deve trasformarsi in rabbia. Poi in rivolta morale. Quindi in alternativa concreta.

    A proposito di canzonette. Il grande Renato Zero, prima di svendersi al commercio, cantava cose tipo: "Il tuo destino non è nelle stelle, ma nelle tue mani".

    Le vitamine K per adesso sono solo un gruppetto di sfaccendati che ha piacere di farsi due chiacchiere e due risate davanti ad una pizza. E' una specie di terapia di gruppo. Ma, proprio perchè ci divertiamo, siamo pure persone terribilmente responsabili.

    Siamo apertissimi ad altri sfaccendati/ate che avessero piacere di venire a mangiare la prossima pizza insieme a noi. Per il momento ci solo due regole da rispettare. La seconda è: CI DEVI CREDERE.

    La prima invece è: GLI ULTIMI ARRIVATI PAGANO IL CAFFE' (O L'AMARO).

    [Ave]

    RispondiElimina
  12. mi accorgo solo ora che, nella foga di digitare il mio precedente commento, ho trsformato in miliardi i milioni di Profumo.... Chiedo scusa, ma tanto il senso non cambia....

    regola 1: ok, proverò a crederci.... ma di delusioni ne ho avute tante...
    regola 2: perchè no?

    RispondiElimina
  13. In precedenza avrei evitato di intervenire,mi sento costretto a farlo perchè trovo mortificato l'impegno che metto nell'espletamento del mio mandato,consapevole dei miei limiti,ma sempre alla ricerca di migliorarmi,ascoltando le critiche che mi giungono, cercando anche di prendere spunto da queste.
    Sulla questione del sito istituzionale del Comune.
    Ho presentato stamattina un'interrogazione con richiesta di chiarimenti sull'improprio utilizzo dello stesso, ritenendo che non possa essere utilizzato come un forum peraltro riservato a chi rientra nelle grazie di coloro che ci (mal)governano e (mal)rappresentano.
    E l'ho fatto su segnalazione di un amico ci tengo a precisarlo, non perchè criticato in tal senso su questo Blog,che peraltro leggo assiduamente e con attenzione e dal quale traggo spesso spunti.
    Sulla questione ambiente e sulla relativa commissione andata deserta per mancanza di numero legale devo precisare che lo scrivente era presente,nonostante non sia membro della relativa commissione ma un semplice auditore in qualità di capogruppo del mio partito.
    Dico questo non per essere lodato ci mancherebbe,so che si può e si deve fare di più, ma perchè bisognerebbe evitare di fare di tutta l'erba un fascio.
    A Sinistra,perchè questa è la mia collocazione naturale,abbiamo,a tutti i livelli,l'abitudine di farci del male a vicenda.
    Questo è un atteggiamento da me non condiviso,visto che ci metto la faccia sempre,consapevole che alla fine è per prendere schiaffi non lodi.
    Roberto Cicconi,SEL.

    RispondiElimina
  14. @Roberto.
    Mi addolora che tu ti sia sentito mortificato, perchè in effetti mai è comparso il tuo nome in questa circostanza.

    Ritengo quindi che tu ti riferisca alle critiche generiche all'opposizione. In questo caso mi pare che esse non siano affatto diverse da quelle che non solo il sottoscritto, ma anche membri effettivi ed arruolati del variegato mondo sinistro hanno formulato e formulano quotidianamente.

    L'erba non è mai cibo buono per gli esseri umani. Peggio ancora quando è raggruppata in fasci, puoi starne certo. Ma non sempre è possibile elencare e distinguere ogni singolo filo per nome e cognome.
    Specialmente in una discussione politica.

    [Ave]

    RispondiElimina
  15. vorrei essere dei vostri nella prossima pizza..sarò il primo ad arrivare e anch'io ci credo!!!

    RispondiElimina
  16. @Roby
    Alla grande! E' sempre piacevole sapere che sarà possibile gustarsi un caffè (od un amaro) offerto da un altro! Rimani in contatto e stai in campana. Potrebbe essere prima di quanto sospetti.

    [Ave]

    RispondiElimina
  17. Sai che non mi riferivo a te caro Professore,nonostante il tuo profilo polemico sono tante le cose che apprezzo di te e non starò qui ad elencartene in uno "sviolinamento" che non mi appartiene,mi riferivo a certi commenti nei quali vedo solo la voglia di sparare a zero,senza distinguo alcuno.
    Abbiamo dei grossi limiti è vero,ma abbiamo anche la voglia di superarli,con l'aiuto di chi vorrà.
    Roberto Cicconi.

    RispondiElimina
  18. "PROFESSORE" E "PROFESSORI" PRESENTI....COME E' BELLO PARLARE DA DIETRO ...IL PC...
    PARTECIPATE AI CONSIGLI, PRENDETE PAROLA, USCITE ALLO SCOPERTO, PROPONETE!!!!
    SAPETE CHI CONTRIBUISCE A FAR DIVENTARE ANAGNI SEMPRE PIU' UNA M....!!?!?!? GENTE COME VOI!!! CAPACE SOLO DI SMINUIRE E CRITICARE!!!! DI GIUDICARE!!! ECCO, SI DI GIUDICARE!!!
    IL RESTO...PUR SE SI PROVA A FAR QUALCOSA...E' COMUNQUE CRITICABILE!! MA SMETTIAMOLA!!! PERDITEMPO INTERATTIVI!!! SCENDETE IN PIAZZA E FATELO DAVVERO SE AMATE LA VOSTRA CITTA' E SE VOLETE CHE I VOSTRI/NOSTRI FIGLI ABBIANO UN FUTURO!!!
    ANAIS

    RispondiElimina
  19. Perditempo interattivi è fantastica. Sarà il motto delle Vitamine K.

    Grazie per il contributo.

    [Ave]

    RispondiElimina
  20. I Don't Belive !!!! che in questa città oramai ridotta in una latrina, sporca, inquinata, invivibile, menefreghista e ignorante, abbia la forza morale di cambiare.

    Buone vacanze

    RispondiElimina
  21. Er compagno scompagno

    Un Gatto, che faceva er socialista
    solo a lo scopo d'arivà in un posto,
    se stava lavoranno un pollo arosto
    ne la cucina d'un capitalista.

    Quanno da un finestrino su per aria
    s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio,
    pensa - je disse - che ce so' pur'io
    ch'appartengo a la classe proletaria!

    Io che conosco bene l'idee tue
    so' certo che quer pollo che te magni,
    se vengo giù, sarà diviso in due:
    mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni!

    - No, no: - rispose er Gatto senza core
    io nun divido gnente co' nessuno:
    fo er socialista quanno sto a diggiuno,
    ma quanno magno so' conservatore!

    Trilussa

    RispondiElimina
  22. Beato te, Pasquì. Ancora in vacanza?

    Eppure son convinto che la tua rabbia potrebbe essere utile alle Vitamine K.

    E comunque, mi permetto di farti osservare che io dico, come gli X-Files, I WANT TO BELIVE. C'è un atto di volontà fondamentale. E' il WANT il protagonista. Dopo viene il BELIVE.

    Tu invece dici I DON'T BELIVE. Manca proprio l'elemento fondamentale. Manca la volontà.

    E non è proprio la stessa cosa. Per niente.

    Buone Vacanze pure a te. E grazie per il grande Trilussa.

    [Ave]

    RispondiElimina
  23. A quello - ma sono più sicuro che si tratta di una quella - che si firma Anais: ti dà molto fastidio che si dibatte, vero? Tutti a dare addosso a quella specie di governanti per i quali lavori.... Poverini.... Si dovrebbero vergognare anche perchè finalmente la gente sta aprendo gli occhi e sta capendo con chi ha a che fare. Tu non ti vergogni di lavorare per loro, ti rispetto ma rispetta anche tu chi non la pensa come te ed è stufa di vedere questa città andare in malora perchè chi amministra non pensa agli interessi di Anagni. P.s. tu dici di scendere in campo e di esporsi. Vuoi dire di candidarci? Sarebbe bello farlo se la dialettica politica fosse sempre corretta.... Ma sappiamo che non è così.

    RispondiElimina
  24. Che bello vedere che unA perchè di una donna si tratta,nemmeno particolarmente bella,viene quì a dire di uscire dall'anonimato e poi.....non si firma....che coerenza!!!
    Continua a leccare i piedi ai tuoi capi,tanto è l'ultimo giro che ti fai signora ANAIS,poi dovrai cercarti un lavoro vero.

    RispondiElimina
  25. X la signora Anais, visto che qualcuno l'ha individuata ma io no:
    1- l'unica cosa per cui mi sento di difenderla nei commenti è il "non particolarmente bella", che cavolo c'entra?
    2- ma in quale Anagni vive? Me lo dica, perché sarebbe un buon motivo per farmi passare il desiderio di andarmene da Anagni e dall'Italia.
    L'Anagni che conosco io è quella dei posti di lavoro venduti per un voto, e, vedo che più c'è perdita di lavoro nella zona, più si sentono le promesse a ridosso delle elezioni. I politici che nei loro discorsi dicono di essere vicini ai lavoratori, in pratica questa vicinanza come l'hanno dimostrata? Con fabbriche tipo la Videocon, la Marangoni, la Bioprogress e tutte le altre piccole realtà in crisi della zona, i politici che si riempono la bocca di belle parole, come minimo si sarebbero dovuti incatenare davanti al Ministero dello Sviluppo Economico e chiedere tutti insieme di fare qualcosa per le migliaia di persone in Cassa integrazione, sistema che sta creando un giro perverso di lavoro nero, corsi di formazione inutili per i lavoratori ma non per chi li organizza. Ma guai a parlarne perché così tutti sono a posto!
    3- alla fine è lei che giudica non proprio correttamente, chi da dietro un PC esprime una propria opinione, persone comunque con un proprio percorso di vita che non è detto sia stato fatto seduto su un divano a guardare le telenovelas. Detto questo a far diventare Anagni una merda non siamo noi, perché già c'è.
    Reale e vera: tutte le merde dei piccioni lungo il corso, le merde dei cani randagi a cui nessuno provvede e quelle dei cagnolini a guinzaglio di persone poco educate che nessuno ammonisce per non raccogliere le perle che lasciano in terra!
    4- Che cosa avete provato a fare e che la gente critica? Il museo inaugurato e mai aperto? Le scuole nuove in edifici commerciali? Il centro anziani che è uno scandalo? Il centro storico valorizzato con fiori di plastica, quando ci sono signore di buona volontà che autonomamente e a proprie spese stanno abbellendo il vicolo in cui abitano con fiori e piante vere?
    Le strade di accesso ad Anagni? Si potrebbe continuare ancora, ma perché insistere in queste difese d'ufficio difendendo l'indifendibile, negando l'evidenza?
    -Nel caso fossi una persona in là con gli anni, con problemi di disabilità e fossi un po' indigente, senza familiari che mi possano assistere, che dice signora Anais (che bel nome)?
    Metterebbe una buona parola con il "Comune" per aiutarmi a mangiare, ad andare a fare una passeggiata, a cambiarmi il pannolone?

    RispondiElimina
  26. Sono una perditempo, che prima di scrivere qualche pensiero, ha fatto tutti i servizi domestici, ha passato un po' del suo pomeriggio con un anziano e che quando lavorava faceva i turni e in contemporanea assisteva familiari malati, ha cresciuto un figlio. Ho contribuito a fare di Anagni una merda?

    RispondiElimina
  27. Considero gli ultimi due commenti interventi di spessore. Sebbene assai diversi.

    Non ho nulla da aggiungere. Solo questo. Che, sebbene non abbia mai condiviso l'idea delle cosiddette "quote rosa", questa città non può più fare a meno di un contributo più coinvolgente ed istituzionale da parte delle donne.

    E' una ricchezza ed una freschezza che non possiamo più permetterci di trascurare.

    [Ave]

    RispondiElimina
  28. I due commenti sono della stessa persona, una donna che vorrebbe avere tanto fattore K, ma che purtroppo la realtà non riesce a darle la giusta dose di ottimismo per credere in una società migliore.

    RispondiElimina
  29. Fermi tutti. Le quote rosa NO.
    E tento di spiegarmi.
    Alle ultime amministrative mi sono sentita rivolgere da un noto esponente politico cittadino (maggioranza o opposizione non ha alcun senso specificarlo, oramai) una richiesta volta a candidarmi in una lista.
    Alla mia obiezione di non ritenere logico nè dignintoso candidarmi solo per riempire un buco, mi è stato risposto che servivano donne "nuove" per dare del partito un'immagine diversa. Ovviamente, tale risposta ha rafforzato il mio rifiuto.
    Non è questo che serve per una politica fatta dalle donne.
    C'è troppo maschilismo in tutta la società, dalle industrie alla politica.
    Le donne dovrebbero essere consapevoli del'enorme potere decisionale che hanno nelle scelte quotidiane e da questo partire per migliorare la nostra comunità nel rigore e nella serietà dei comportamenti, nell'onestà e nella pretesa dei servizi, nel sorriso contro la prepotenza, ma soprattutto, per chi è madre, nell'educazione dei figli.
    Non credo di sbagliare dicendo che le quote rosa sono un alibi dato ai politici per continuare ad essere maschilisti e settari.

    Per quanto mi riguarda continuerò a commentare in maniera anonima, ringraziando questo blog che me ne dà l'opportunità. Credo che per riflettere e confrontare le proprie riflessioni con gli altri sia comunque un esercizio di democrazia.

    RispondiElimina
  30. D'accordissimo sulle quota rosa. Non sono riserve indiane che servono. Invece occorrono le condizioni affinchè tutti possano avvicinarsi responsabilmente e consapevolmente alla politica. Fin dove vogliono, fin dove si sentono di arrivare.

    Ma è chiaro che, finchè questi partiti continueranno ad essere gestiti da consorterie di potere dedite alla spartizione di orticelli ed aiuole, nessun ricambio reale sarà mai possibile.

    Nè donne, nè giovani, nè uomini (nuovi) saranno invogliati a fare passi avanti.

    [Ave]

    PS= Sull'anonimato, invece, proprio non ci siamo. Vi ODIO per questo.

    RispondiElimina
  31. Non sono sicuro di aver individuato la persona che si firma come ANAIS ma una cosa mi sento di dirle:se avesse avuto il coraggio di firmarsi avrebbe avuto tutto il nostro rispetto,quanto meno il mio.
    Do del Professore a Mauro Meazza perchè è un Professore,lo stesso non possono dire alcuni che si fregiano di titoli che non hanno e da quello che sto verificando sono in molti.
    Impari la persona de quo ad accettare le critiche e a trarne spunto,la smetta di sparare a zero su chi esprime liberamente il proprio pensiero.
    Voltaire docet.
    Roberto Cicconi.

    RispondiElimina
  32. MI FA PIACERE VEDERE CHE IL MIO COMMENTO ABBIA SCATENATO UNA SERIE DI INNUMEREVOLI ALTRI "COMMENTI"... IN REALTA' LA MIA INDIGNAZIONE E' PROPRIO SU COME VEDO LA MIA CITTA', SU COME VEDO IL NOSTRO FUTURO, AL DI LA' DELLA MIA IDEA POLITICA, CHE PUO' ESSERE DIVERSA DALLA VOSTRA, MA E' PUR SEMPRE UN'IDEA...
    MI FA PIACERE SAPERE CHE AVETE COMMENTATO ANCHE IL MIO "ASPETTO" PUR NON CONOSCENDOMI ... E INDIVIDUATO IN ME UNA "LEI" . . .
    MA SUL LAVORO NON TOLLERO!! IO MI FACCIO UN BEL SEDERE DALLA MATTINA ALLA SERA!! NON "CAMPO" DI CERTO CON LA POLITICA, E GRAZIE AL CIELO IL LAVORO NON MANCA....
    PERO' CON LE VOSTRE PAROLE NON SI CAMBIA IL FUTURO DI UNA CITTA'!!!! SERVONO I FATTI E VOI NON CONTRIBUITE DI CERTO!!!
    CANDIDATURE?!?!?!
    SOLO A QUESTO PENSATE....
    ANAIS

    RispondiElimina
  33. Complimenti, signora Anais, lei è una delle poche persone che in Ciociaria può ringraziare il cielo per il lavoro che non manca!
    Sicuramente lei si farà tutti i giorni il sedere, come tutte quelle persone (1300 solo della Videocon, e tutti gli altri lavoratori iscritti nelle liste dei Centri per l'impiego, i laureati che vanno pietendo un lavoro da commessi all'outlet, i precari della scuola, della sanità)che hanno dato e darebbero l'anima per averne uno.
    Visto che lei è così oberata di lavoro, per favore ne offra, anche par-time, un po' agli altri!
    Secondo lei, visto che con le parole non si cambia il futuro della città, e non si deve parlare o pensare delle candidature, ma fare fatti, le persone di cui ho detto sopra sono state fin troppo tranquille. Sarebbero dovute andare tutti i giorni sotto le finestre dei politici che ci rappresentano (male), tallonarli e con la loro presenza costante togliere loro il respiro, attendarsi dentro e fuori gli edifici pubblici ogni volta che un diritto viene negato, mandare all'aria le sedie a cui il deretano dei nostri politici tengono tanto?
    Immagini cosa succederebbe se tutte le persone che hanno qualcosa di cui lamentarsi la smettessero di lagnarsi al bar, fuori dalle scuole quando si va a riprendere i figli, dietro un computer?
    Forse arriverà il giorno in cui la goccia farà traboccare il vaso.
    P.S. Non so che lavoro faccia,ma approfitto dell'occasione per suggerirle il sito di GREENPEACE dove potrà vedere i risultati freschi freschi della battaglia fatta contro le coltivazioni OGM.
    Qualcuno dei suoi amici politici, tanto bravi, ha fatto qualche controllo sulle coltivazioni fatte nel territorio di Anagni? Non vorrei che oltre a pensare alla diossina, un giorno prossimo venturo dovremmo preoccuparci anche di OGM ad Anagni.

    RispondiElimina
  34. @Anais.
    Bè. A dire il vero la mia risposta alle sue prime parole aveva puntato direttamente alla levità. Nonostante esse appartenessero ad un livello piuttosto basso dal quale, purtroppo, mi pare non si siano risollevate granchè.
    Infatti lei continua a dire cose che non hanno alcun rapporto con la realtà dei fatti. Perchè non è vero che ha parlato della sua indignazione verso lo stato miserevole della sua (nostra) città. Lei si è indignata contro i "professori" che bazzicano questo spazio. Lei ha accusato i frequentatori di questo blog di essere la causa di tutta la "m..." che soffoca Anagni. Lei ci ha invitato a prendere la parola nei consigli comunali, cosa impossibile perchè illegale. Lei ci ha ordinato di uscire allo scoperto, ma ha preferito nascondersi dietro il velo di una discussa scrittrice erotica.
    Ora dice di non campare di politica, ma al buio pure io potrei presentarmi come Alain Delon. E se la prende con "candidature" delle quali nessuno ha parlato e che in questo blog, finora, nessuno ha tentato di pubblicizzare o caldeggiare.

    In quanto cittadini, esprimere il disagio di vivere in una città che lei ha già definito di m***a è di per se stesso atto politico. Non è un punto d'arrivo. Ma di partenza. Accusare la luna di non favorire l'abbronzatura sarebbe idiota quanto lo sarebbe criticare un giornale perchè non risolve il problema della disoccupazione. Quanto può esserlo prendersela con un blog che, mi pare, non ha diritto di voto in nessun consiglio comunale del mondo. E, se per questo, non ha diritto neppure di ricevere i comunicati stampa da chi è pagato profumatamente proprio per divulgarli.

    Per chiudere. Lei ci aveva anche sfidato a scendere in piazza. Ebbene. Per quanto mi riguarda non solo mi son fatto le piazze anti car-fluff e pure quelle pro ospedale. Ma io scendo in piazza tutti i giorni. Più volte al giorno. Anche in questo momento ci sto, in piazza. In questa piazza virtuale nella quale, insieme a tutti quelli che vogliono starci, sto parlando con lei.

    Non cambierà il mondo. Non cambierà Anagni. Non cambierà neppure lei, cara Anais. Ma in questo blog c'è più vita. Ci sono più parole. Ci sono più idee. C'è più comunità. Di quanto potrà trovare in tanti partiti, in tanti politici, in tanti quartieri di questa miserevole città.

    [Ave]

    RispondiElimina
  35. MI FA PIACERE VEDERE CHE IL MIO COMMENTO ABBIA SCATENATO UNA SERIE DI INNUMEREVOLI ALTRI "COMMENTI"... IN REALTA' LA MIA INDIGNAZIONE E' PROPRIO SU COME VEDO LA MIA CITTA', SU COME VEDO IL NOSTRO FUTURO, AL DI LA' DELLA MIA IDEA POLITICA, CHE PUO' ESSERE DIVERSA DALLA VOSTRA, MA E' PUR SEMPRE UN'IDEA...
    Dice La Sig. o signora Anais e parla di idea politica diversa dalla nostra.
    Cara Sig. Signora, quale, siamo curiosi di saperlo??????
    è quella di Berlusconi, che si è circondato di gente inquisita e pensa solo a se stesso?
    Quella della Polverini che vuole,ultima notizia, chiudere tutti gli ospedali della Ciociaria?
    O quella della giunta Noto, che fa due consigli comunuli per chiedere delle variazioni di bilancio e, quello che vediamo realizzato è solo un tappeto verde su un marciapiede per farci fare i bisogni ai cani?? Perchè altre grandi opere ad Anagni non si sono viste.
    O vogliamo parlare delle feste di San Magno!!!!!
    La mostra dei fiori di plastica.
    Come grande evento!!!!!!
    Dici che tieni al futuro dei tuoi figli?
    Allora se ci tieni così tanto , apri gli occhi prima che un sedere così te lo fanno per davvero e non solo sul lavoro...

    Buone vacanze a tutti!!!!!

    RispondiElimina
  36. @PASQUINO
    @PROFESSORE
    AAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!
    SIETE TETRI, MI FATE PAURA!!! VI RABBUIATE E OFFENDETE E MINACCIATE . . .
    PENSATE DI PARLARE CON CHI PENSATE VOI CHE IO SIA....
    NON CREDO CHE RISPONDERO' MAI PIU'...IL VOSTRO SPAZIO E' COME UNA SETTA, DOVE CHI NON CONDIVIDE VIENE PRESO DI MIRA...ED IO PROBABILMENTE NON HO SAPUTO SPIEGARE QUANTO AVEVO IN MENTE...
    RABBIA, DELUSIONE, INDIGNAZIONE!!! IO LAVORO SI E TANTO PERCHE' ABBASSO LA TESTA E DICO DI SI E MI ADATTO NONOSTANTE I MIEI SOGNI/DESIDERI FOSSERO ALTRI...E LO FACCIO PERCHE' PENSO AGLI OCCHI STANCHI DI MIO PADRE E DI MIA MADRE... PERCHè RICORDO CHI CREDEVA NEL FUTURO, NEL SUO E NEL MIO...E CERCO DI RENDERLO DIGNITOSO E ONESTO...
    LA POLITICA!!?!?!? SERVE ANCHE QUELLA, E' COME UNA RUOTA CHE GIRA, ORA PER GLI UNI E ORA PER GLI ALTRI...
    IL MIO UNICO PENSIERO E' CHE QUESTI TEMPI POTREBBERO NON COMBACIARE..E QUALCUNO CHE PERDE IL GIRO C'è SEMPRE...
    CHE TRISTEZZA!!! PIAZZA DEMOCRATICA!?!!
    MA DDE CHE?!?! QUA SE DICI QUALCOSA CHE ESCE FUORI DAL "GRUPPO" TI LAPIDANO...
    O TI MINACCIANO "Allora se ci tieni cosi' tanto , apri gli occhi prima che un sedere cosi' te lo fanno per davvero e non solo sul lavoro...."
    MA CHI DIAVOLO CREDI DI ESSERE?!?!?!?!?!
    ADDIO
    PENA
    ANAIS

    RispondiElimina
  37. Mah.
    Io sono responsabile delle mie parole, ovviamente. Che non contengono alcuna minaccia. Figurarsi. Tra l'altro come si fa a minacciare un anonimo?

    Sarebbe sufficiente andarsi a rileggere le prime parole di Anais, poco più su, per rendersi conto che non ha mai espresso alcuna idea "contraria". E' arrivata qui solo sbattendo i pugni sul tavolo ed indignandosi di noialtri giudicati spargitori di "m...". Parole sue, non mie.

    La signora parla di democrazia ma evidentemente non è argomento che frequenta con cognizione di causa. Rivendico orgogliosamente, per questo spazio, una patente di democrazia che non sempre è facile trovare altrove. Mi viene in mente il comune, ma sarebbe come sparare sulla Croce Rossa.

    Tra l'altro, faccio presente che proprio qui, in questo spazio nel quale potrei fare il padre padrone, avete avuto modo e continuerete ad avere l'occasione di leggere cose che personalmente non condivido affatto. E proprio la signora Anais ne è esempio palese. Spero però che non si pretenda che me ne rimanga zitto, senza provare a spiegare ragioni diverse.

    Per il resto tanti tanti auguri alla signora. Che possa trovare modi a lei più adeguati per capire e farsi capire meglio. Sempre che riesca a trovare qualche cosa di concreto da dire.

    Anche perchè usare sempre la maiuscola, sul web, equivale a strillare a squarciagola. Non aiuta per niente la comprensione. E non aumenta il valore di ciò che è gridato. Senza contare che il sottoscritto è vero che non c'ha più tanti capelli. Ma sentire ci sente benissimo.

    [Ave]

    RispondiElimina
  38. Ehi, Signora Anais?!
    Io l'ho difesa,da donna, quando qualcuno nel controbattere le sue parole ha fatto riferimento al suo aspetto fisico, ma democraticamente ho detto anche quello che pensavo.
    Perché i nostri amici maschietti, quando parliamo e cerchiamo di dire qualcosa, giusta o sbagliata, ancora non sono entrati completamente nell'ordine di idee che un cervello le donne ce l'hanno.
    Si, si rinunciano ai sogni, si lavora anche dicendo di sì, ma sposare idee politiche solo per tornaconto o per motivi che niente c'entrano con gli ideali, secondo me non è dignitoso e poi parlare di politica come il gioco della ruota significa darne la peggiore rappresentazione. Io non la conosco e parlo in generale, pensando però che noi donne le "palle" le dobbiamo far vedere sempre, ogni volta che ci vogliono negare la dignità di persone pensanti, dicendo di sì ma spiegando perché si pensa no.
    Se poi si accusano altre persone, come ha fatto lei, è chiaro che ci sia una reazione.
    E poi, non facciamo gli ipocriti, tutti giudicano e sono giudicati e penso che passato il momento dell'incavolatura si debba riprendere a parlare, anche mandandosi a quel paese (LIBERATORIO!)o sbattendo la porta come ha fatto lei.
    Anche se nessuno farà cambiare idea né a me, né a lei.

    RispondiElimina
  39. Ho visto che il Sig.o Signora Anais ha interpretato le parole " Allora se ci tieni cosi' tanto , apri gli occhi " come una minaccia.
    Non era mia intenzione minacciare alcuno, ma la frase era riferita a lei come a noi tutti per quello che sta succedendo oggi in Italia.
    Era solo una metafora!!!!!!
    Ma come sempre,i berluscones si fanno riconoscere sempre per la loro prosopopea e la loro superficialita'.
    Cara Anais, se tieni veramente a quello che dici, non puoi lanciare il sasso e nascondere la mano, nel momento che vieni criticata!!!!!!
    Ti aspettiamo per altre puntate......
    E per favore, scivi in minuscolo perche' il maiuscolo e' orribile sul web.

    Buone vacanze a tutti!!!!!

    RispondiElimina
  40. @Anais.
    Se poi vuoi parlare di sette, queste non non riposano sicuramente su questo blog, ma in altri ambiente molto + vicini al centrodestra!!!!
    Vedi P3!!!!!

    Buone vacanze to all !!!!!

    RispondiElimina
  41. Se stà a fà sera e nantra giornata de lavoro se n'è annata:
    c'ho l'ossa tutte rotte, la capoccia frastornata.
    Cammino senza prescia, tanto, che devo fa?
    Si torno a casa me tocca pure sfacchinà!
    Sur viale del tramonto me fa l'occhietto er sole, e dopo nà giornata a dà i resti a chi li vole,l'osservo m'bambolato, come fosse, nà visione.
    Me fermo lì a guardallo, ma chi l'avrà inventato?
    È bello forte, nun l'avevo mai notato!
    Sempre a combatte, sempre appresso a tutti i guai, splende splende, ma nun m'o godo mai.
    È robba che co quell'aria bonacciona e rassicurante, riuscirebbe a fà sentì amico ogni viandante.
    Stà palla arancione m'ha messo pure arsura, ma, ahò!
    Nun so mica nà monaca de clausura!
    E allora ò sai che nova c'è? Io nun c'ho più fretta e me butto drent'ai meandri dè nà fraschetta.
    Con le zampe sotto ar tavolino, e in compagnia dè n'ber fiasco de vino, me guardo intorno soddisfatto, finalmente ho smesso de sbrigamme come un matto!
    E mentre er Cannellino m'arriva ar gargarozzo
    Rido cò n'amico e ordino nantro litrozzo.
    La vista me se annebbia ma non la mia coscienza
    che se mette a riflette sull'umana esistenza:
    a che serve stà sempre a core pè tutte le raggioni si so quasi sempre rotture dè cojoni!

    Trilussa!!!

    Buona lettura e buone vacanze!!!!!

    RispondiElimina
  42. ...mi dispiace che di tutte queste persone interessante nessuna si sia vista l'altra sera a cena con le vitamine.
    Nik VitK

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.