Passa ai contenuti principali

Anagni. Inizia l'anno scolastico. Gli auguri della Noto2

IL SINDACO
CARLO NOTO
E L’ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE
LUIGI GALLIANO VECCHI
AUGURANO
UN BUON INIZIO DI ANNO SCOLASTICO
AL “MONDO DELLA SCUOLA”



Il Sindaco di Anagni, dottor Carlo Noto, e l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Luigi Galliano Vecchi, si rivolgono al “mondo della scuola” per augurare un buon inizio di anno scolastico.

"Carissimi Studenti, Docenti, Dirigenti Scolastici, Personale Scolastico tutto, Carissime Famiglie, anche quest’anno ci apprestiamo a vivere un intenso anno all’insegna dello studio, della formazione, della crescita e della condivisione. La scuola è come una grande famiglia che prepara alla vita, ed è per questo che, a nome dell’Amministrazione Comunale tutta, vogliamo rivolgere sentitamente l’augurio di buon lavoro a tutti coloro che si impegneranno anche quest’anno in ogni posizione e responsabilità in questo complesso, intenso e meraviglioso mondo. Con questo messaggio augurale di “buon inizio anno scolastico” vogliamo ribadire il ruolo fondamentale delle Istituzioni, che hanno il dovere di vivere attivamente e con presenza costante la vita scolastica e formativa, senza perdere di vista gli importanti obiettivi comuni contenuti nelle parole chiave: “futuro”, “speranze”, “aspirazioni”, “impegno”, “società” e “destino individuale”. Su questi concetti, che hanno ampio spazio nelle nostre menti di uomini, di genitori, di studenti, di educatori, di insegnanti e di amministratori, dobbiamo riflettere ed operare quotidianamente nella scuola, che “ci inizia” alla vita, e nella vita stessa. Un cordiale augurio a chi è preposto ad insegnare, educare, e a formare: in questo delicato compito che riveste un’importanza fondamentale, sono chiamati ad operare non solo da un punto di vista didattico, ma soprattutto a portare avanti quel formidabile processo di crescita, peculiare nella nostra comunità civile. Siamo sempre più convinti e desiderosi di lavorare, ciascuno per le proprie competenze, in piena sinergia, in condivisione di intenti e nella massima e fattiva collaborazione.
E ai nostri ragazzi, agli studenti,  a loro vanno gli auguri più sentiti, più fervidi, perché sia un anno intenso, proficuo, ricco di soddisfazioni e traguardi da raggiungere con impegno e dedizione. I migliori auspici di un sereno e fruttuoso anno scolastico a tutti coloro che operano nel settore “scuola” ribadendo sin d’ora piena vicinanza e massima disponibilità all’universo scolastico".

Commenti

  1. vorrei semplicemente far sapere che non tutto si svolge nel migliore dei modi.come si puo promuovere bambini, semplicemente perche' danno fastidio,oppure promuoverequelli che hanno avuto delle sospensioni,oppure dare per bocciato un bambino e poi ai quadri essere stato promosso?????COME SI SPIEGA TUTTO QUESTO?????? e di cose irregolari ce ne sarebbero tante...... comunque speriamo che questo anno sia migliore..IO NON CREDO perche' qui ho notato che chi si va avanti solo con l'irregolarita.arrivederci.....

    RispondiElimina
  2. pensavo che i commenti venissero visualizzati in modo tale che alcune persone potessero sapere alcune scorrettezze....arrivederci

    RispondiElimina
  3. E certo... vicinanza e massima disponibilità!!!
    Perchè non dite che il comune sta versando e non si sa per quanti anni ancora circa 20 mila euro al mese x la scuola privata ad Osteria della Fontana al Sig. Rotondi Giampiero?
    Poveri noi......!

    RispondiElimina
  4. @ll'anonimo un po' inca*****.
    Tutto ciò che concerne valutazione, e dunque promozione o bocciatura, è competenza della scuola. Il comune, ovviamente, non c'entra niente.
    Immagino che faccia riferimento ad episodi particolari dei quali è stato testimone, ma così in generale sarebbe impossibile dirne alcunchè. Son talmente tanti i casi e gli esempi che si potrebbero fare, ed i contesti nei quali maturano, che dare risposte assolute sarebbe impossibile.
    Per quanto riguarda i commenti, occorre solo avere un po' di pazienza. Non appena ho il tempo di leggerli, se sono pubblicabili, li trovate.

    Gli euro che ci costa la sede di Osteria dovrebbero essere 17.000. Mensili. Una cifra mostruosa con la quale si sarebbero potute fare tante altre cose. Utilissime per la città. Riutilizzare una struttura nata come mostra di mattonelle è, a prescindere, un'umiliazione.
    Altrove amministrazioni capaci hanno concordato, con privati, costruzioni di scuole ex novo. Dedicate appositamente all'istruzione. Spendendo, nel complesso, quanto spenderemo noi, ma potendo vantare la proprietà dell'edificio. A noi che rimarrà?

    [Ave]

    RispondiElimina
  5. Scuola media "G. Vinciguerra". Anno nuovo, problemi vecchi.
    La scuola è iniziata, ma molti problemi sono ancora da risolvere. Per questo motivo il dirigente scolastico e il presidente del consiglio di Istituto hanno preso oggi stesso l'iniziativa di sollecitare, per la terza volta, l'ARPA LAZIO, affinché effettui un'accurata indagine ambientale nell'area di Ponte Varano, dove sorge l'edificio che ospita alcune sezioni della Scuola media "Vinciguerra".
    Tale struttura, infatti è vicina all'A.R.N.O. calcestruzzo, alla statale Casilina e ad altri complessi industriali.
    In particolare, per quel che concerne la fabbrica di calcestruzzo le analisi dovrebbero appurare:
    l'eventuale utilizzo di additivi pericolosi per la salute e di cromo VI solubile nel cemento (vedi Direttiva Unione Europea 2003/53/CE) e la produzione di polveri, dovute alla movimentazione degli inerti e alla circolazione dei mezzi pesanti. Tali polveri infatti possono provocare danni alle vie respiratorie.
    Si chiede inoltre la presenza, anche temporanea, di una centralina per monitorare le polveri sottili, data la vicinanza con la via Casilina e con altri complessi industriali.
    Trattandosi di problemi di notevole gravità, che investono la salute dei nostri figli, invitiamo tutti i genitori a mobilitarsi, facendo anche pressione sui loro rappresentanti politici, affinché vengano effettuate tali analisi, i cui risultati dovranno essere resi pubblici e affissi alla bacheca della scuola.
    Sempre a proposito di sicurezza, si ricorda l'impegno preso dal Comune di disporre, nel tratto interessato della via Casilina, una segnaletica adeguata e ben visibile e dissuasori di velocità.

    RispondiElimina
  6. Informazione per Anagniscuolafutura:
    Oltre ai problemi sopra elencati, la via in cui si trova la scuola Vinciguerra, in questo anno scolastico 2010-2011 ha già fatto il collaudo per l'allagamento tre giorni prima l'inizio delle lezioni.
    Al primo acquazzone, la strada si è allagata...come sempre, da molti anni a questa parte!
    Io, come tutte le volte che succede, faccio la mia solita denuncia, purtroppo con zero risultati.
    Spero che, almeno voi, riuscirete ad ottenere qualcosa, perché vi assicuro, se le condizioni meteo non vi assisteranno, le probabilità di rimanere a piedi con la macchina in questa strada sono altissime. La domanda che mi sono fatta l'altro giorno quando questa strada era un fiume in piena è stata: "Ma il ragazzo che vedevo l'anno scorso andare a piedi a scuola in una situazione del genere che farà?"
    Ricordo anche che i fossi di questa via sono stati utilizzati come scarichi di sostanze non certo salubri da imprese che si trovano nella zona (anni fa una di queste vi ha scaricato un silo di nafta).
    Questo per dire che chi ha fatto la scelta di mettere la scuola in questa strada, in questa zona, a dir poco è stato un po'... superficiale?

    RispondiElimina
  7. risposta.Lo so che il comune non c'entra, con la scuola,e' stato uno sfogo,perche' alla Vinciguerra il sistema per andare avanti e' quello.E' ora di finirla di trattare i ragazzi in base al loro stampo.Li invece di capirli i ragazzi,di aprire con loro un dialogo, pensano solo ai loro affari.Chiedo se di tanto in tanto puo' scrivere qualcosa qui,con la speranza che qualcuno legga.Arrivederci.anonimo...un po inc............

    RispondiElimina
  8. Un augurio a tutti i studenti che si apprestano ad affrontare un nuovo anno scolastico,un incitamento a impegnarsi e non arrendersi mai per non fare come il sottoscritto e ritrovarsi a lavorare in fabbrica senza mensa (perche é un costo)con il sabato pagato con un giorno di ferie in piu da fare quando non c'é lavoro nutrirsi di una dose giornaliera di diossina perche i filtri costano a anche la corente costa meglio farsela da se possibilmente con qualsiasi cosa. Ei ragazzi non é un buon incitamento a studiare per uscire da questo paese di M.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.