Passa ai contenuti principali

Claudio Zarcone. Un messaggio per ricordare

Ieri ho pubblicato un piccolo intervento sulla morte di Norman Zarcone, il giovane ricercatore palermitano che ha voluto difendere la propria dignità con un gesto estremo. Nella tarda serata ho ricevuto un messaggio di Claudio Zarcone, il papà di Norman, sotto forma di commento.
Poichè ritengo che le poche ma significative parole di Claudio abbiano un grande valore simbolico, non solo per ricordare Norman ma anche per tutti i padri di tutti i Norman del mondo, ho deciso di dargli adeguato risalto.

«Sono Claudio Zarcone, vi ringrazio, avete descritto chi era e come era mio figlio: brillante ricercatore, musicista, innamorato della vita. E questo essere innamorato non stride con il suo gesto. Voleva soltanto vivere con dignità. Avere un lavoro, quello per il quale si era preparato. fare il docente ed insegnare. Non voleva un posto da miliardario. Non era un bamboccione. grazie. Claudio»

Un ringraziamento a te, Claudio. Da padre a padre. Per la dignità e la compostezza, testimoniata anche in un momento tanto terribile.
[Ave atque vale]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.