Passa ai contenuti principali

Sanità ciociara. Grande manifestazione a Roma contro il piano delle destre

Molto buona la manifestazione svoltasi a Roma contro la polverizzazione sanitaria della Polverini. Migliaia le persone in piazza. Anche la Ciociaria ha fatto la sua parte. Ed Anagni ha dato ugualmente un buon contributo. La zarina, però, continua col suo atteggiamento ambiguo e sfottente.

Avrebbe infatti affermato: «Da oggi pomeriggio incontrerò tutti i sindaci dei 24 comuni coinvolti dal piano. Quella sarà la sede per parlare e insieme stabilire come migliorare la sanità. Il piano non è modificabile ma si possono eventualmente stabilire insieme dei percorsi diversi. Comunque, siccome non siamo dei folli ma persone che usano la testa, dei lievi miglioramenti sono possibili dal punto di vista organizzativo se i sindaci dimostreranno carte alla mano che qualche errore è stato commesso. Lo dubito. Comunque non mi pare che la mobilitazione, molto spesso in assenza dei cittadini, sia la strada giusta". Polverini si è infatti detta convinta che i cittadini apprezzino le sue politiche sanitarie.»

Parole che evidenziano ancora una volta la lontananza abissale di questa destra autoritaria ed autoreferenziale dai problemi concreti dei cittadini. Il dialogo andava sviluppato per tempo, non certo ora che i giochi sono chiusi. Inoltre è segno di miopia politica e chiusura mentale sedersi al tavolo con l'affermazione che il piano non si può cambiare, e che errori non se ne sono fatti. E' una vergogna linguistica prima ancora che politica. E' questo il livello delle destre. Impongono i sacrifici ai poveracci. Tagliano i servizi essenziali ai cittadini. Per mantenere i privilegi della casta e favorire la sanità privata, quella che ci costa molto più della pubblica.

La zarina dovrebbe ricordare che nessuna era prima di diventare governatrice. E che nessuna tornerà ad essere a breve, quando i cittadini, esasperati, la rimanderanno nell'anonimato da dove è venuta. Perchè di una cosa tutte le destre possono stare sicure. Nessuno dimenticherà.

Almeno, quelli che riusciranno a sopravvivere nel deserto che hanno creato.

[Ave]

Commenti

  1. Caro prof.oggi ci siamo proprio stancata,insieme agli amici della ciociaria e di altre province del Lazio abbiamo cercato di far sentire la nostra voce a chi di noi importa sicuramente poco.Potevamo essere molti di più,ma la pochezza di larghe vedute ha sicuramente impedito a molti di condividere con noi la lotta per una sanità pubblica migliore a scapito di scelte che ricadranno sui nostri figli e sul loro futuro e su quanti non potranno accedere a servizi privati costosi.La speranza è tutta riposta nel lavoro che svolgeranno le istituzioni locali,alle quali va tutto il nostro riconoscimento,ci dispiace che parecchi politici di sinistra e di destra locali ,hanno perso un'altra occasione per fare qualcosa di giusto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.