Passa ai contenuti principali

Serbo di stato

Affidereste la protezione del vostro pollaio a quest'uomo? Che non è stato capace d'intercettare e prevenire i serbi ultras che hanno devastato Genova. Nonostante gli avvisi del governo di Belgrado. Ma che adesso, con qualche giorno di ritardo, mostra insolite ed inusuali doti di chiaroveggente diffondendo allarmismi a proposito della manifestazione di domani della FIOM? Gli stranieri incappucciati ed armati fino ai denti, che hanno attraversato tutte le terre padane qualche giorno fa senza destare alcun sospetto, ora sono attesi con preoccupante sicurezza dal signor ministro nella manifestazione di domani.
Vergogna. Vergogna. Vergogna.



Questo paese, per doloroso passato, sa riconoscere la strategia della tensione. Ha già condannato le attività sovversive e provocatorie di agenti di vari livelli con licenza di aizzare per giustificare gli spari. Le manganellate. La repressione. E l'ultima volta che questa strategia immonda è partita dall'alto, ufficialmente, con accorati appelli al grido di al lupo al lupo, è stato qualche anno fa. A Genova. Ed ora sappiamo tutto di quella vergogna di stato. L'ennesima. Organizzata e voluta dai gruppi anarco-insurrezionali col tesserino della questura. Fai un favore a te stesso, ministro. Vattene. Piantala d'inquinare la tranquillità già ampiamente sofferta di questo paese. Ritornatene alla tua musica. Tornatene a giocare con la protezione delle vacche padane. Gli occhialini fichi te li sei pure cambiati, ormai. Che ci fai ancora lì? Noialtri, qui, ci stiamo giocando il lavoro, la salute, l'istruzione. Che te ne può fregare, a te?
[Ave]

Commenti

  1. Maroni come il resto dell'esecutivo fa ridere i polli. Al governo abbiamo degli incapaci matricolati!

    RispondiElimina
  2. Qualcuno, vedendo le immagini di quella che dovrebbe essere stata una partita, ma anche quelle girate con i telefonini dei cortei per le strade di Genova e l'aggressione all'autobus dei giocatori serbi, ha rivisto passare davanti ai propri occhi quello che i black block hanno fatto in questa città anni fa?
    Per fortuna i manganelli questa volta non hanno sbagliato mira!

    RispondiElimina
  3. Questo governo di persone incapaci a guidare un paese come l'Italia deve andare a casa il prima possibile!!!

    RispondiElimina
  4. Maroni ride sulle critiche per la gestione della sicurezza. saranno contenti i genovesi che hanno visto la città messa a ferro e fuoco dai delinquenti serbi

    La tragedia sfiorata allo stadio di Marassi e le risate di Maroni

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.