Passa ai contenuti principali

Ideologie. Il fiore del deserto

No ma insomma. Voglio dire, l'avete visto, no? Hanno elencato i valori della sinistra. E poi quelli della destra. Hanno letto il compitino svolto da qualcuno che ha studiato molto. Anni. Un elenchetto per dire noi siamo qui. E voi siete dillà. Praticamente un gioco. Non più dei quattro cantoni. Solo delle due ideologie.


Ora però ditemi una cosa. Chi di voi ha potuto chiarirsi assai meglio su quelli che sono i valori degli uni, per poter scegliere di stare con quelli degli altri? Insomma. Tanto per esser chiari. Qualcuno ha notato delle differenze che possano dirsi significative? Qualcuno ha capito perchè non essere, ad esempio, di sinistra? Oppure perchè vale la pena non essere di destra? Qualcuno è stato fulminato sulla via di Damasco, o di Arcore, ed ora ha chiare le distinzioni che esistono tra destri e sinistri?

Sarà un caso che questo spettacolino è andato in onda su un canale televisivo? Sarà un caso che, oramai, la politica esiste solo tra uno spot pubblicitario e l'altro? Lo so di dire una cosa che non risulterà molto apprezzata. Ma quella scenetta, dal sapore barilloso del tipo volemose bbene, mi richiama alla memoria la polentata fatta dalla zarina de noantri con il capotribu della lega.

I violini ci sarebbero stati bene. Benissimo. Le caramelle coi palloncini pure. Perchè, invece di chiarirle, le idee, i due non hanno fatto altro che confonderle. Mischiarle. Renderle appiccicatamente indistinte. Non è un gran favore, secondo me. Non è neppure un passo avanti.

E' l'ennesima, smielata ed insensata certificazione del nostro declino. Laddove ci son solo mezze idee, la loro unione può forse servire a farne una intera. Anche se confusa assai. Ma non importa. L'importante è sorreggersi a vicenda. Giustificarsi a vicenda. Io devo esistere perchè ci son quelli dillà. E loro devono esistere perchè ci siamo noi. In mezzo, però, solo aria fritta. Fuffa. Un deserto nel quale non si vede neanche uno straccio di cattedrale.

Solo macerie. Mattoni sparsi disordinatamente. E topi. Tanti topi. A rosicchiare anche l'ultimo barlume di ideali nei quali non siamo più capaci di credere. Che non siamo più capaci di rinnovare.
Sarà forse per questo che continuiamo ad innamorarci del pifferaio magico?
[Ave]

Commenti

  1. in effetti m'hanno fatto un po' pena tutti e due, poverelli!
    All'inizio Bersani m'è piaciuto quando ha detto 'se guardi il mondo con gli occhi del più debole...' poi hai ragione tu, hanno fatto il compitino. Se copiavano facevano una figura migliore!

    RispondiElimina
  2. Hai assolutamente ragione.

    Ne approfitto per rilanciare il link postato da Antonio. Troverete un intervento molto ampio ma di grande respiro su quelle che, una volta, si chiamavano destra e sinistra.

    [Ave]

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.