Passa ai contenuti principali

Acqua. Acea ATO5 condannata a risarcire le bollette

Un grande, beneaugurante successo è stato ottenuto dai cittadini sul fronte delle bollette dell'acqua. L'Acea ATO5 è stata condannata a risarcire tutte le bollette illegittimamente fatturate all'utente. E' solo l'inizio di una lunga battaglia, ma la strada è aperta. Questo territorio deve smetterla di comportarsi da vittima sacrificale degli interessi illegittimi del quaquaraquà di turno. Direttamente da FB, ecco l'ultimo comunicato del Coordinamento per l'Acqua Pubblica di Frosinone.

Lunedì 24 gennaio l’Assemblea dei Sindaci ha il potere e la facoltà di scrivere un punto fermo nella vicenda dell’acqua. Ha la possibilità di svolgere, finalmente, il suo ruolo di tutela e difesa dei cittadini, di liberare i cittadini dalla maledizione di un gestore che fa quotidianamente strame dei loro diritti, del loro corpo e del loro sangue.
L’Assemblea dei Sindaci ha questa possibilità se non si fa incantare dalle sirene che da una parte e dall’altra, dal Sindaco di Monte San Giovanni Campano e capogruppo del PD alla Provincia, all’onorevole Fiorito, dal segretario nazionale di Codici (già distintosi a Latina per le parti prese a favore di un altro gestore non migliore del nostro) a CGIL, CISL e UIL, ecc., ecc., invocano prudenza e “ragionevolezza”.
Sono anni che questi cavalieri del nulla sulla questione dell’acqua cincischiano e tergiversano sulla pelle e in danno dei cittadini, lasciando in realtà il gestore libero di angariare con le sue omissioni e le minacce un territorio ed una popolazione al limite estremo della sopportazione.



Gli interessi dei cittadini, i loro diritti, i loro bisogni non sono mai nell’agenda politica di questi signori. Sono sempre altri, più “complessi” o semplicemente “diversi” gli interessi che determinano le loro prese di posizione, quantomeno sulla vicenda del Servizio Idrico Integrato.
Per quanto riguarda il Coordinamento Acqua Pubblica della provincia di Frosinone il 24 gennaio l’Assemblea dei Sindaci è all’ultima chiamata: o avvia la risoluzione per colpa della Convenzione, o è destituita di qualsiasi credibilità e i cittadini da quel momento in avanti si difenderanno anche istituzionalmente da soli.

In questi giorni abbiamo avuto la prima sentenza relativa alle prime cause intentate da singoli utenti dinanzi al Giudice di Pace di Frosinone contro ACEA ATO5 S.p.A., le sue inadempienze e le sue fatturazioni curate dall’Avv. Marco MACARI. Le ragioni dell’utente, le ragioni che ormai da anni rappresentiamo dinanzi ad istituzioni assenti o distratte, in sede giudiziaria sono state ascoltate, valutate alla luce delle ragioni addotte a difesa dal gestore, e ritenute pienamente valide, condivisibili e corrette. Il Giudice ha dato totalmente ragione all’utente, ha annullato tutte (tutte!) le fatture emesse sino all’avvio del procedimento e ha condannato ACEA ATO5 S.p.A. a restituire tutte (tutte!) le somme versate dall’utente.

Certo, il gestore – come suo diritto - ricorrerà in appello contro la sentenza, ciò non toglie che questo fatto apre dinanzi ai cittadini la possibilità immediata e concreta di agire senza più aspettare che le nebbie della palude istituzionale si diradino.
E’ nostro auspicio che da ora in avanti i cittadini avviino dinanzi al loro Giudice di Pace cause sulla falsa riga di quella conclusa positivamente.
E’ nostro auspicio che le cause divengano 10, 100, 1.000, 10.000, 100.000, 180.000.
E’ nostro auspicio che siano i cittadini stessi a cacciare questo gestore alla faccia e in scorno della palude istituzionale.

Per questa ragione nei prossimi giorni apriremo un apposito “Ufficio Vertenza” cui tutti gli utenti – ed in specie coloro che hanno sempre pagato le bollette – potranno rivolgersi per avviare le cause che gli avvocati del Coordinamento porteranno avanti.

COORDINAMENTO ACQUA PUBBLICA PROVINCIA DI FROSINONE

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.