Passa ai contenuti principali

Anagni. Roberto Cicconi risponde ai lettori. Sulla scuola media

L'altro giorno, a proposito del pasticcio sulla scuola media, Simone ha postato un commento nel quale chiedeva all'opposizione una presa di posizione chiarificatrice sulla questione.

Roberto Cicconi, consigliere di SEL, ha provveduto ad inviarmi questa nota che, volentieri, pubblico.

Di altre opposizioni non si hanno, invece, notizie. Forse disperse sui dolci pendii innevati del nostro bel paese? Buona lettura. [Ave]



Rispondo alla domanda posta dall'autore del commento.
Ed è per questo necessario ripercorrere i fatti relativi al finanziamento per la Scuola media erogato dalla Regione Lazio.
I soldi che oggi sbandiera il sig. Fiorito con i manifesti apparsi sui muri di Anagni, peraltro anche in posti a ciò non deputati, erano stati stanziati dalla Giunta Marrazzo e maldestramente persi dalla Maggioranza Comunale di centro-destra per non aver adempiuto ai due oneri subordinati all'erogazione del medesimo finanziamento: l'individuazione con contestuale espropriazione del fondo su cui costruire e la presentazione del relativo progetto.

L'attuale Amministrazione si è giustificata asserendo che fosse attribuibile alla gestione Commissariale il mancato accesso al fondo per non aver ottemperato ai succitati adempimenti.
Quella stessa gestione Commissariale che nel periodo in cui è rimasta insediata, non hanno mai smesso di incensare per l”'oculatezza nella gestione amministrativa”, così dicevano diversi membri dell'attuale maggioranza.

Va tuttavia ricordato che presso l'Ufficio Tecnico del Comune di Anagni i Responsabili dei procedimenti più importanti ed il Responsabile della struttura, legati all'Amministrazione da contratto FIDUCIARIO, erano presenti all'epoca della gestione Commissariale (tranne l'allora capo dell'ufficio tecnico che ha deciso di trasferirsi in un Comune limitrofo) e sono stati confermati in blocco dall'attuale Maggioranza.
Per farla breve sono stati scelti e confermati da loro.
Eppure è dall'Ufficio tecnico che doveva uscire quel progetto.

Il luogo ove costruire l'edificio scolastico, almeno a parole, era stato individuato (e ci sarebbe veramente da discutere se fosse proprio nel posto di cui si vocifera), se poi non si sono attivate le giuste procedure per tempo di chi è la responsabilità se non di chi amministra da dieci anni ormai?
Perchè se anche il sig. Fiorito, dopo un assordante silenzio nei confronti della chiusura dell'Ospedale sentenziata dalla sua Presidente, è riuscito a riottenere i soldi per la nuova Scuola che aveva stanziato la Giunta Marrazzo e non la signora Polverini badate bene, non bisogna dimenticare che ci ritroviamo in ogni caso a pagare un salatissimo affitto per una struttura che non è nata per essere una Scuola e che non potrà mai essere veramente tale,e lo avremo in ogni caso pagato almeno per un anno in più di quanto lo avremmo dovuto pagare visto il ritardo nell'accesso ai fondi.

Ricordo che l'affitto in questione è pari ad € 204.000,00 l'anno. (duecentoquattromila) pagabili in profumate rate mensili da 17.000,00 euro cadauna.
Senza stare qui a ripercorrere l'iter che ha portato all'opinabile decisione di abbandonare la storica sede della Scuola media Giovanni Vinciguerra a S. Angelo, scelta che ha evidentemente contribuito all'inesorabile declino del nostro Centro Storico.
Una sede di proprietà del Comune, non in affitto, che in ogni caso andava restituita alla fruizione della Comunità Anagnina e non condannata alla decadenza dell'abbandono, e sulla quale sembrava logico dover destinare i soldi che attualmente si pagano per l'affitto della sede dell'Osteria della Fontana.

Ho cercato di non omettere nulla nel ripercorrere la vicenda, riportando anche gli argomenti addotti dalla Maggioranza a giustificazione della prima mancata erogazione del finanziamento credendo che il quadro debba essere completo.

Niente mistificazioni. Nessuna omissione voluta.

Ognuno si faccia la propria idea liberamente. Io, la mia, me la sono fatta da tempo.

Roberto Cicconi.
S.E.L.

Commenti

  1. Ma perchè queste cose,non si scrivono a caratteri cubitali, per smentire falsità propagandate ai quattro venti su manifesti che tutti hanno modo di leggere e, non solo sul blog che pochi invece leggono?

    RispondiElimina
  2. Grazie molto mi hai anticipato Prof come mi ha anticipato il caro amico e nonchè consigliere Cicconi perchè per questione di tempo non ho potuto scrivere la mail che volevo a Roberto dove volevo chiedergli se per favore poteva farci un breve racconto dello strano viaggio di quei finanziamenti.
    Grazie a tutti voi dalle VitamineK
    Nik

    RispondiElimina
  3. Apprezziamo Roberto Cicconi,sempre intrepido a fornirci notizie dettagliate,però bisognerebbe fare in modo che le sappiano anche gli altri,quelli cioè che non si avventurano su internet,magari con dei volantini o manifesti.

    RispondiElimina
  4. Ecco. Per l'appunto.

    Ognuno dovrebbe in ragione delle sue capacità e possibilità. Ma non solo in senso passivo, ossia stare lì appollaiato in attesa che l'informazione cali giù dall'alto e vada a sbattere proprio sul suo naso.

    Occorrerebbe anche avere un atteggiamento attivo. Ossia, l'informazione andrebbe anche cercata. Scovata. Pretesa. Confrontata.

    Ma per far questo dovrebbe esistere un altro popolo anagnino. Un'altra comunità. Un altro senso civico.

    Fino a quando tutte queste cose non ci saranno, sarà bene che, in effetti, i partiti ed i rappresentanti politici si diano molto più da fare. Sopratutto quelli di opposizione, ai quali spetta un ruolo fondamentale per il progresso effettivo di questa città.

    Ma non dovete tirarvi indietro neppure voi, cari popolani. Aumentate e qualificate la vostra partecipazione. Spandete il verbo ovunque vi troviate. Partecipate e condividete.

    Altre strade non ve ne sono.

    [Ave]

    PS= E comunque, naturalmente, grazie a SEL di esistere. In questo momento, gli unici che stanno davvero appresso a questa città sono loro.

    RispondiElimina
  5. Caro Proff. stai dicendo cose inesatte; non è che solo SEL segue i problemi di questa città, anche se in questo momento è quella più appariscente!!!!

    Buona befana a tutti !!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Un altro popolo,magari un'altra città nè meglio?

    RispondiElimina
  7. e cosa farebbe il pd a parte ridere Pasquino?

    RispondiElimina
  8. SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' ANAGNI3 gennaio 2011 21:46

    vi anticipo che stiamo organizzando un volantinaggio per mercoledi mattina su questa vicenda e cartelloni murali che verranno affissi nelle bacheche dei rispettivi partiti, in collaborazione con i compagni di Rifondazione Comunista ed IDV.
    La notizia circolerà, nei limiti delle nostre possibilità (non abbiamo tanti soldi quanti ne ha Fiorito per volantini e manifesti, ma ci arrangiamo...).non preoccupatevi comunque!

    RispondiElimina
  9. Ah Pasquino e chi sarebbero questi altri che s'attivano pe la città? Io da tre mesi a sta parte in giro vedo solo volantini de SEL, ho visto SEL alla manifestazione degli studenti, al presidio dell'ospedale, il mercoledi al mercato, sui giornali sulla questione Rapisarda, alle manifestazioni a Roma della Videocon. Gli altri andò stanno? La vincimo mo sta guera...

    RispondiElimina
  10. Viviana Cacciatori3 gennaio 2011 22:16

    Caro Pasquino, la frase "SEL è quella più appariscente" l'ho interpretata come una diminutio (ma spero di sbagliarmi). Quasi come a lasciar intendere che il nostro partito viva di pura apparenza, magari di luce riflessa, ma che manchi di contenuto. Ti ricordo che siamo riusciti ad organizzare una festa di partito nonostante le difficoltà ed il poco tempo a disposizione. Sai bene poi che siamo tutti i giorni a fare politica con e tra la gente. Questo non vuol dire che noi siamo l'unico partito che faccia qualcosa, lungi da me sostenere una cosa simile. E comunque parlano i fatti. Io di certo posso parlare per il mio partito che sento di difendere a spada tratta: quanto sudore stiamo buttando sulle iniziative che prepariamo di settimana in settimana... Ma non perchè sia nostra prerogativa apparire, ma perchè lo è il FARE. Non puntiamo ad una sterile pubblicità ma a cambiare, insieme ai partiti della coalizione, questa città. Voglio comunque pensare ad aver frainteso il senso della tua frase vista la simpatia e l'affetto che ho nei tuoi confronti.

    RispondiElimina
  11. Al fine di dare maggiore diffusione a quanto da me affermato, l'articolo in oggetto è stato pubblicato oggi su Ciociaria.
    Per quanto concerne manifesti e volantini ricordo a coloro che sollecitano un'azione in tal senso che purtroppo questi hanno un costo, che potrebbe anche essere sopportato se si agisce in un sistema di coalizione ma che diventa molto più gravoso se deve essere sostenuto da un solo partito.
    Stiamo, in ogni caso, cercando di adoperarci in tale direzione, con la speranza che il metterci la faccia nel dire certe cose porti a qualcosa di positivo, non per noi, ma per la nostra, un tempo, ridente cittadina.
    Roberto Cicconi.

    RispondiElimina
  12. Cara compagna Viviana, impegnare energie mentali per rispondere a questi anonimi fustigatori forze politiche, che pontificano e criticano da dietro un monitor ma che non si sognano minimamente di muovere il loro nobile deretano per partecipare a iniziative, alla ricostruzione di una sinistra che possa vincere, è tempo perso. Quando questi signori decideranno di metterci il loro impegno e la loro faccia nelle battaglie politiche, cosa che noi tutti perlomenio proviamo a fare, allora forse potranno essere riconosciuti come interlocutori. Nel frattempo non posso considerarli che aria, ma non quella che respiriamo tutti i giorni, bensì quella che ogni tanto le nostre narici hanno la sventura di incrociare, quella che viene dal profondo.

    RispondiElimina
  13. E comunque complimenti al compagno Cicconi per lintervento, di cui sottoscrivo ogni virgola.

    RispondiElimina
  14. aggiungo all'intervento del consigliere Cicconi, di cui lo ringrazio a nome di tutta la cittadinanza che non si arrende: MA CI SI RENDE CONTO CHE SI E' INSEDIATA UNA SCUOLA DI FRONTE AD UN CEMENTIFICIO? MA CHE GENITORI [...] CI SONO AD ANAGNI ?

    RispondiElimina
  15. Tonino Cellini5 gennaio 2011 10:33

    Condivido l'intervento del compagno Roberto Cicconi in pieno ed apprezzo gli interventi degli altri, a Pasquinio dico che l'opposizione va fatta nei confronti di chi amministra e non nei confronti delle altre forze d'opposizione..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.