Passa ai contenuti principali

Anagni. La battaglia della munnezza

Nel 1925 il regime diede il via alla battaglia del grano. Un gigantesco sforzo per portare il paese all'autosufficienza alimentare e per ridurre il gigantesco deficit conseguente alla grande guerra.
Poco meno di un secolo dopo, qui ad Anagni, oggi il sindaco della nostra città, dottor Noto Carlo, comincerà la sua battaglia della munnezza, ribattezzata Giornata Ecologica per esigenze televisive.

Schiacciata dalle critiche disgustate della cittadinanza. Chiamata a rispondere del lunghissimo elenco delle cose promesse e regolrmente non mantenute. Accusata ferocemente per le poche cose fatte, tutte inutili e fonte di sprechi assurdi. Condannata per il menefreghismo col quale ha trascurato la manutenzione e la cura della città, l'amministrazione destra è stata costretta ad inventarsi uno spettacolino per rinfrescare la sua immagine.

E così tra qualche ora, alle 10.00, in piazza Cavour avremo l'occasione di vedere una gran bella comica. Se saremo fortunati vedremo i destri in maniche di camicia, sudati ed accaldati, provvedere ad una piccola sistemazione simbolica del parco centrale. Parco che in questi giorni, come nella più classica tradizione delle fiction di regime, è stato visitato spesso e volentieri da operai e netturbini, che hanno già provveduto a renderlo un po' meno indecente.

Siatene consapevoli. Lo spettacolino che sarà, è il segno del profondo disagio che i destri si portano appresso nei confronti della città. Coprire l'immobilismo non è più possibile. Proprio come tutta la zozzeria che la domestica spazza sotto il tappeto. Che ad un certo punto è troppa è scappa fuori da tutte le parti. Ecco. Adesso noi viviamo in una città con un tappeto troppo piccolo per tutto il sudiciume ch'è stato nascosto sotto.

L'unica speranza, pei destri, è riuscire a distrarci. A farci pensare ad altro. Insomma. Il solito vecchio trucchetto della tv. Un po' di fuffa colorata, a coprire il degrado ed a mascherare il grigiore di una gestione amministrativa profondamente fallimentare.

Ma potete stare più che tranquilli. Anzi. Potete stare assolutamente certi. Che noialtri non si è dimenticato nulla. Abbiamo preso diligentemente nota di tutto. Noi ricordiamo e ricorderemo. Per voi ma anche per noi stessi. E per il futuro di questa città. Per il momento, andiamoci a godere lo spettacolo. Forse potremo vedere, finalmente, un destro che recita qualcosa di concreto per la città.

E poi, sopratutto, non ci costerà nemmeno un euro. Quando ci ricapita un'occasione del genere? [Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.