Passa ai contenuti principali

Provincia. Grazie Iannarilli per tutto il freddo.

E dunque. La denuncia dell'articolo precedente l'avete letta. Siete contenti? Vi sembra che possa essere una cosa che riguarda anche voi, oppure siete già oltre, magari sulle macchine da scontro di carnevale?
E' sempre molto triste prendere coscienza delle miserevoli condizioni nelle quali versa la scuola, perchè i protagonisti sono i nostri figli. I nostri piccolini. Ai quali facciamo pagare il prezzo della nostra inefficienza. Peggio. Della nostra indifferenza.
Nel caso specifico, sarà bene chiarirlo subito. Le responsabilità più grandi sono tutte della Provincia. Il signor Iannarilli, presidente della nostra provincia, ed il signor Quadrini, assessore all'istruzione, sono i responsabili dello sfascio che è stato denunciato.
Se solo sapeste quante volte il dirigente ha sollecitato un intervento. Se solo sapeste tutti i richiami che sono stati fatti. Tutte le richieste d'aiuto che sono state inoltrate. La Provincia, che pure ha tra i suoi doveri istituzionali quello di occuparsi della manutenzione dei convitti, non ha letteralmente mosso un dito.


Peggio. Riprendendo i soliti comportamenti dei destri regionali, capaci solo di annunciare cifre appiccicate sui manifesti che imbrattano la città, privi di qualsiasi valore reale, anche i destri provinciali hanno servito la loro bella porzione di fuffa.
Infatti, all'inizio dell'anno, avevano parlato di due milioni di euro che sarebbero stati destinati al convitto di Anagni ed a quello di Arpino. Per una ristrutturazione generale e definitiva. Indovinate un po' che fine hanno fatto quei soldi? Puff. Svaniti. Non se ne parla neppure più.

E dire che, per la caldaia del convitto nostro, sarebbe sufficiente una cifra assai inferiore: 25-30.000 euro. Non che i problemi sarebbero tutti risolti, eh, ma almeno si potrebbero evitare le conseguenze più dolorose, come quelle descritte nella denuncia precedente.

Tanto per essere precisi, e visto che è una cosa della quale andare giustamente fieri, dovete sapere anche che, nell'ultima assemblea sindacale di tutto il personale afferente al convitto, fu votata all'unanimità la seguente mozione. Che il personale tutto si dichiarava disposto ad autotassarsi per raccogliere la cifra necessaria all'acquisto di una nuova caldaia, anticipando il denaro occorrente. Proposta che però è stata poi stoppata dal consiglio d'amministrazione, organo nel quale non è presente nè un docente, nè una maestra, nè un istitutore. Insomma ad esclusione del dirigente non ha al suo interno nessuno che abbia un pur minima esperienza di cosa sia un'istituzione educativa.

Allora. Vi faccio qualche domandina semplice semplice. Perchè l'istruzione pubblica non funziona? Perchè siamo tutti fannulloni? Perchè non ci va di lavorare? Perchè vogliamo inculcare valori diversi da quelli che vuole inculcare la famiglia? E' questa la più grande e definitiva (contro)riforma scolastica del regime. Distruggere l'istruzione pubblica. Toglierle ossigeno. Impoverirla al punto tale che la gente, esasperata, alla fine sia indotta a dire «...massì, chiudete tutto, tanto non funziona niente!».

Insomma. Faremo la stessa fine che stanno facendo fare alla sanità pubblica. Ve lo ricordate il nostro ospedale? Ecco. E' solo questione di tempo. Come ho già detto ieri, ultima viene la scuola. Pubblica. Una volta eliminata anche questa, cosa rimarrà dei servizi che uno stato dovrebbe garantire ai propri cittadini?

[Ave]

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.