Passa ai contenuti principali

Anagni. Il PD stamattina in piazza. Per l'ospedale

Il PD di Anagni sostiene l’iniziativa dei Gruppi Consiliari dell’opposizione, che hanno presentato al Presidente del Consiglio Comunale una richiesta di convocazione straordinaria per una seduta consiliare aperta, (cioè con la possibilità per il pubblico di intervenire) sul tema dell’ospedale.
Il PD è al fianco dei partiti di opposizione e dei cittadini che chiedono chiarezza ad un Sindaco latitante sul tema della sanità locale, capace soltanto di annunci e dichiarazioni di intenti e del tutto incapace di assumere posizioni nette. Abbiamo letto tutti le dichiarazioni rese alla stampa nei giorni scorsi dal dr. Carlo Noto sull’iniziativa dei comitati di ricorrere al TAR contro la chiusura dell’ospedale: anziché mostrare solidarietà e sostenere con forza l’iniziativa di questi nostri concittadini, dal primo cittadino sono arrivati solo dubbi, riserve mentali ed un atteggiamento attendista che non trova nessuna giustificazione.



Perché il Sindaco Carlo Noto non si comporta come il Sindaco PDL di Pontecorvo, che si è speso sul serio per il suo ospedale, scendendo in piazza al fianco dei suoi concittadini, al di là dell’appartenenza politica? Perché il Sindaco Carlo Noto non sollecita la Governatrice Polverini, come facemmo noi con Marrazzo? Perché il Sindaco Carlo Noto non pretende risposte ed impegni precisi dal Consigliere Franco Fiorito che, in campagna elettorale diceva di amare la sua terra e oggi, invece, nella sua terra, non si fa vedere da un pezzo?

L’ospedale sta chiudendo, il nostro diritto alla salute viene compromesso ed il Sindaco Carlo Noto, anziché dare battaglia, accoglie con tutti gli onori la Polverini in visita presso una fabbrica locale, ad Anagni: e la Presidente della Regione Lazio, ad Anagni, anziché chiedere scusa dice ai giornalisti che noi anagnini e cittadini del comprensorio non dobbiamo lamentarci, che va tutto bene, che privarci del diritto alla salute non è un’ingiustizia!


Il Partito Democratico di Anagni non intende restare a guardare. Invita tutti i cittadini a far sentire la propria voce verso un Sindaco, un Consigliere Regionale ed una Presidente di Regione che hanno illuso e preso in giro tutti noi in campagna elettorale e che oggi stanno umiliando la sanità ad Anagni e nel territorio. Il PD di Anagni invita tutti gli anagnini a contribuire concretamente per sostenere i comitati e le associazioni nella battaglia per il ricorso al TAR contro la chiusura dell’ospedale di Anagni. 


Mercoledì 20 aprile, in occasione del mercato cittadino, il PD di Anagni sarà presente con un gazebo per incontrare i cittadini e diffondere del materiale illustrativo.
Il Circolo di Anagni

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.