giovedì 17 maggio 2012

Anagni. Polverini. Souvenir d'Anagnì

[foto da aDG News 24]
Dunque sembra che, in mattinata, dovrebbe giungere qui da noi niente di meno che la signora Polverini Renata. Indovinate un po'? Andrà alla VideoCon. Ma non per contribuire a risolvere la crisi del lavoro di questo territorio. Non sarà qui neppure per venirci a spiegare, in faccia, perchè ha così vergognosamente tradito il suo stesso programma elettorale, chiudendo gli ospedali che aveva garantito invece di rilanciare. Non una parola dirà sul perchè ha favorito la sanità privata romana.

Non ci spiegherà neanche con che coraggio la Regione Lazio ha deliberato di assegnare vitalizi ai suoi più migliori assai rappresentanti politici, mentre invece noialtri facciamo letteralmente la fame. Non dirà nè a nè ba sulla ragione per cui la Regione ha deciso di scorporare la nostra monnezza dall'ATO di Frosinone e l'ha invece inglobata in quello di Roma. E sul perchè s'intenda continuare a massacrare questo territorio chiudendogli l'unico ospedale disponibile per 80.000 anime. E perchè si è restati immobili di fronte alla chiusura di una fabbrica che, indotto compreso, dava da mangiare a più di 2.000 famiglie. O sul perchè continua a decidersi di concentrare proprio qui tutte le peggiori dicariche ed i peggiori bruciatori possibili ed immaginabili.

La signora Polverini Renata non ci dirà niente su tutto questo. Non ci guarderà proprio in faccia. Verrà con le sue scorte. Con la sua aria da vitaliziata. Con l'eleganza e la signorilità che l'hanno sempre contraddistinta, e che possono essere aggiornate quotidianamente sui giornali e su YouTube. Verrà a gettare al vento qualche bel pensierino in politichese. Ennesimo fumo che, oramai, non riesce neanche più a mascherare l'eterna, tragica assenza di qualsiasi parvenza di arrosto politico, da parte di queste destre.

Saranno presenti, le forze politiche della città, per fare le domande giuste alla signora? Saranno presenti per comunicarle integralmente il profondo rifiuto di una politica che si è disinteressata completamente delle nostre legittime aspettative? Ci saranno, per informarla che la città non vede l'ora di presentare a lei ed a tutte le destre il conto politico delle scellerate scelte che sono state fatte per questo territorio?

E gli operai VideoCon? Quegli stessi che qualche giorno fa hanno sfilato malinconicamente per la città, sotto la pioggia, per ricordare alla politica di non dimenticarsi della loro tragedia? Ci saranno anche costoro, a rinfrescare alla signora la loro condizione?

Chissà perchè, mi sento pessimista. Preferirei non scommettere che, di questa giornata, verranno fuori le solite foto di certi, celeberrimi, apprendisti locali. Piene di sorrisi. Di strette di mano. Di politici in divisa d'ordinanza. Tutte comparse di una realtà difficilissima della quale, invece, siamo solo noialtri disperati i protagonisti assoluti. Foto che, come al solito, non mostreranno nulla. Tanto meno la realtà. Souvenir che rimarranno buoni solo per incartarci il pesce del mercato.

Preferirei proprio non scommettere. Perchè, per una volta, vincere la scommessa mi darebbe tanta tristezza.

[Ave]

6 commenti:

Anonimo ha detto...

QUESTA E' SPECIALIZZATA IN CHIUSURE , CHI E' STO SCENZIATA CHE HA AVUTO LA BRILLANTE IDEA DI CHIAMARLA....QUESTA FA COME L'OSPEDALE.....

Anonimo ha detto...

Campagna elettorale.
Far credere ai "lacerati" lavoratori della Videocon, per l'ennesima volta, che si interesserà della vertenza...che farà di tutto per far riprendere l'economia del territorio...bla...bla...bla......................
Lei, i politici, i sindacati, che resuscitano a cadenza annuale (se va bene). Che ogni volta fanno "bla"...sembra ci stiano facendo il "bla" dello sberleffo, della linguaccia, della presa in giro.
Perchè ogni volta che parlano sembra che vengano da un altro mondo? Perchè quando viene fatta loro una domanda specifica, il detto "chiedere è lecito, rispondere è cortesia", non li sfiora nemmeno?
Perchè nessuno svela ai lavoratori della Videocolor, pardon Videocon, il vero motivo di quello che è successo in questi anni? Perchè si lascia ad ogni lavoratore la facoltà di farsi le domande ed allo stesso tempo di darsi le risposte? Probabilmente sbagliate, ma forse qualcuno, non so chi, vuole proprio che la situazione sia questa. Tutti contro tutti, ognuno avrà la sua ragione, e, nel frattempo tutto è fermo. Purtroppo, la cruda realtà è questa.

Il Marchese del Grillo ha detto...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/05/16/gala-renata-polverini-party-auto/231309/

LA CASTA AL COMPLETO ALLA FESTA:
La [...] ha Festeggiato i 50 Anni ???
Pensavo ne avesse almeno 70 !!!

Anonimo ha detto...

Ancora una volta la Città dei Papi ha dimostrato tutto il suo peso in Regione Lazio. Leggete quali sono i comuni che beneficeranno dei fondi per i danni causati dalla nevicata!
Leggete qui
http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20120517-lazio-fondo-neve-regione-a-favore-pmi

Anonimo ha detto...

Una persona che volesse interessarsi delle faccende della Videocolor potrebbe avere oltre ai vari giornali e televisioni locali anche due blogs: Tutti uniti per la Videocon e Tutti uniti per il lavoro...due blogs che, quando ci vai a curiosare, ti accorgi che non fanno bene alla causa dei lavoratori Videocon.
Gli iscritti (tanti il primo, meno il secondo), invece di gettarsi addosso tanto fango, si decidessero a sotterrare l'ascia di guerra ed a camminare uniti. Dicono di pensare al futuro della Videocolor e con il loro atteggiamento non lo fanno. Anche le posizioni riguardo l'incontro dei giovani industriali alla Videocolor, con la zarina annessa, si potrebbero tralasciare e se c'è qualcosa da chiedere fermamente a chi di dovere, siano sindacati o politici, va fatto tutti insieme e senza dare loro la possibilità di appello. Se si hanno dei dubbi vanno fatte le domande secche ed altrettanto si deve pretendere lo siano le risposte.
Basta, per favore.
Se i sindacati si devono mandare a quel paese, perchè il loro operato non soddisfa, si fa. Se si deve fare anche con i politici, si fa anche questo. Si vuole l'intervento dei segretari nazionali dei sindacati? Bene, invece di essere 50 da una parte e 20 dall'altra a parlare al vento, perché siamo tutti d'accordo che le battaglie non si fanno così, ci si mette insieme e anche a piedi i segretari si vanno a stanare dove stanno.
Grazie per l'ospitalità.
P.S. Il 24 maggio ci sono le casuse al Tribunale di Anagni e anche le persone che non erano presenti in autostrada per loro scelta personale, possono andare a dare solidarietà agli accusati. Potrebbe essere questo il momento giusto per ricominciare tutto dal 2005.

Il Marchese del Grillo ha detto...

‎"25 APRILE: POLVERINI, IO ANTIFASCISTA, FU MALE ASSOLUTO (ANSA) - ROMA, 25 APR - «Io antifascista? Assolutamente sì, non ho mai militato in movimento o partito che si richiamasse al fascismo, e ho anche una storia familiare e personale» che lo dimostra. Così la presidente della Regione Lazio Renata Polverini, a La Zanzara su Radio 24. «Se è stato il male assoluto? Io - ha risposto - mi sono unita come tutti gli italiani a chi ha visto il fascismo come il peggior momento vissuto dalla storia italiana. È stato il male assoluto. Stasera festeggerò con la comunità ebraica». (ANSA). J5J-RO 25-APR-12 19:05 NNN

Posta un commento

Abbonati!