Passa ai contenuti principali

Provolino va in città

[da Repubblica]

Indovinate un po'? Finalmente il signor Alemanno Gianni, sindaco (per caso) di Roma, ne ha sbagliata una. Dopo aver ampiamente dimostrato tutta la qualità della sua azione amministrativa, sopratutto nell'ambito della sicurezza della città, suo cavallo di battaglia elettorale. Adesso ha fatto il suo, piccolissimo, errore.

Un errorino veniale veniale. Da perdonargli subito immantinente. Si tratta di Provolino. Un simpatico personaggio che amerete anche voi. Potete leggere tutta la storia in questo articolo di Repubblica.

Vi ricordate delle vostre fatiche quotidiane? Di come tirate a campare tra mille difficoltà ed angustie quotidiane? Ecco. Sbagliate. Avete sempre sbagliato. Prendete la vita con serenità. Perchè una seconda chance le destre non la negano a nessuno. Ma proprio a nessuno.

Neanche se vi chiamano Provolino.

[Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.