Passa ai contenuti principali

VitamineK: «Il sonno della coscienza civile genera mostruosità»

Gli eventi politici di questi ultimi giorni, che hanno visto protagonista Fiorito Franco, cittadino anagnino, hanno raggiunto il punto di non ritorno. A prescindere da quello che sarà il risultato del percorso giudiziario, che spetta a chi di dovere, questa città ha bisogno di formulare un giudizio politico inequivocabile.

Tutto quanto accaduto, è stato reso possibile da un sonno profondo. E colpevole. Il sonno della coscienza civile e politica. Che ha perso questa città in una nebbia sottile ed illusoria. Adesso che quella nebbia si sta diradando, non possiamo fare altro che rimanere abbagliati dalla luce sconvolgente dell'abisso in cui questa città è fatalmente caduta. Fabbriche e scuole chiuse. Un ospedale lasciato in agonia. Sporcizia diffusa. Parchi pubblici coi lucchetti oppure invasi dalle auto. Il cimitero dalle tariffe impossibili. Le strade non curate. Servizi del tutto insufficienti. L'IMU al 5%.

Questo è l'abisso in cui la città è stata trascinata. Incatenata a quello che doveva essere un futuro fiorito. A quelle che dovevano essere le sinergie virtuose di comune, provincia e regione. Che avrebbero dovuto trasformare Anagni nella capitale della Ciociaria. Purtroppo, Anagni adesso capitale lo è diventata. La capitale del nulla. Delle promesse sfiorite. Il centro dal quale tutto è cominciato. Poichè tutto è iniziato ad Anagni, tutto dovrà finire ad Anagni. E' qui che dovremo riguadagnarci il riscatto. Non solo per il paese intero. Sopratutto per la città che avrebbe potuto essere, e non è stata.

Adesso tocca a noi. Noi cittadini. Il gruppo civico VitamineK vuole scuotere al risveglio dal sonno civico che ha generato questa tempesta. Abbiamo una grande occasione. Perchè, quando si tocca il fondo, non si può fare altro che risalire. Ma bisogna volerlo sul serio. Noi anagnini possiamo dimostrare che dal fondo vogliamo staccarci per davvero. E possiamo farlo. Possiamo dimostrare all'Italia intera che Anagni è altro. Che noialtri siamo diversi.

Adesso tocca a noi. Non potremo recuperare la dignità perduta della nostra città, finchè non dimostreremo che proprio qui, dove tutto è iniziato, è possibile il cambiamento. Solo gli anagnini potranno riscattare Anagni. E questo riscatto è possibile. Attraverso un nuovo senso civico. Un nuovo patto di corresponsabilità. Un nuovo spirito di partecipazione alla gestione della cosa pubblica.

Le VitamineK invitano tutti. Tutti coloro che hanno coraggio. Che sono stanchi di aspettare. Che non vogliono più delegare. Tergiversare. Patteggiare. Procastinare. Inciuciare.

Adesso tocca a noi. Perchè il futuro torni ad essere realmente fiorito. Con la effe rigorosamente minuscola.

Gruppo civico VitamineK

Commenti

  1. ...Se rinascita ci dovrà essere non potrà essere portata avanti né dall'attuale maggioranza né da una opposizione che si è voltata dall'altra parte oppure ha sospirato facendo spallucce...

    RispondiElimina
  2. bisogna avere il coraggio di metterci la faccia, almeno c'è di buono che tra il prof e qualcunaltro di queste vitamine è da un bel po' che rompono le scatole per il cambiamento, sempre meglio che quelli che si svegliano all'ultimo, e magari pretendono pure de commannà.

    RispondiElimina
  3. si ma come se la faranno la campagna elettorale? con quali soldi? ahahahah me vie da ride

    RispondiElimina
  4. Ahahahah... vero. Non abbiamo un centesimo. E, sebbene controlliamo tutti i santi giorni, neanche un bonifico c'è arrivato in banca. Neanche uno per sbaglio, accidenti.

    Però puoi stare tranquillo, anonimo. Le VitamineK le campagne elettorali non le fanno coi soldi.

    Le fanno con le idee.

    [Ave]

    RispondiElimina
  5. Grande Mauro!!!vero, siamo senza un cent. ma abbiamo tesori piu' preziosi dei SOLDI... l'onestà, le idee e specialmente, ASCOLTIAMO le persone, dando loro voce, cosa che da oltre 10 anni qui ad Anagni è andata persa. Preciso anche che noi VitamineK, infatti, non siamo una elite a parte... non ci sentiamo una spanna su ai nostri concittadini, anzi, vi invitiamo TUTTI al rinnovamento, a valorizzare e a far risalire la nostra città... e, dopo gli ultimi eventi, credo e spero che vi siate resi conto che se girano troppi soldi e poche idee il paese va nello sfacelo piu' totale!! quindi forza amici, uniamoci... ISA

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.