Passa ai contenuti principali

Questa politica fa lo sciopero della fame. Tocca ai cittadini ricostruirla

A questo siamo arrivati. Allo sciopero della fame. Maggioranza ed opposizione finalmente uniti sotto la stessa bandiera della difesa dell'ospedale. Adesso che l'ospedale è davvero arrivato al capolinea.

Un anno e mezzo di immobilismo destro. Solo dichiarazioni di principio ed opposizioni formali. Ma un anno e mezzo anche di smarrimento sinistro. Per non parlare dei sindacati. Perchè, nella guerra tra poveri alla quale le disastrose scelte politiche delle destre regionali hanno costretto i cittadini, chiudere un ospedale qui potrebbe dire salvarlo là. Quindi anche la solidarietà è diventata merce rara. O, al massimo, una scatola vuota non destinata a produrre alcun risultato concreto.

Arrivare allo sciopero della fame, adesso. Da parte della destra e della sinistra. Significa che il re è definitivamente, ed ufficialmente, nudo. La politica ha tragicamente fallito. Detto in parole semplici, non è servita proprio a nulla.

La classe politica che ci ritroviamo, e che abbiamo colpevolmente votato, non è riuscita in nulla. La sua impotenza è talmente devastante, e certificata, che è lei stessa ad ammettere la sua sconfitta. Deponendo gli strumenti che le sono propri ed assumendo gli atteggiamenti ed i comportamenti che, normalmente, usano altri. Quelli che nelle stanze dei bottoni sono destinati a non entrarci mai.

Se questo è il risultato che tale classe politica è stata in grado di raggiungere, a che cosa potrà mai servirci? Il gruppo civico VitamineK, pur sottoscrivendo la propria solidarietà al Sindaco Carlo Noto ed al consigliere Aurelio Tagliaboschi, protagonisti di questa nuova, estrema forma di protesta, ribadisce senza indugio che questa classe politica deve andarsene a casa.

Altri erano gli strumenti, tutti specificatamente politici, che la politica stessa avrebbe dovuto utilizzare, già un anno e mezzo fa, per affrontare e risolvere il problema della salvezza del nostro ospedale.

Perchè anche se, come pare, la vicenda del nostro Pronto Soccorso potrebbe avviarsi presto verso una soluzione positiva.

Non è con gli scioperi della fame che sarà possibile ridare un futuro dignitoso a questa città.

Gruppo civico VitamineK

Commenti

  1. altro che fame... senza il comitato il 1 ottobre 2011 il nostro ospedale era chiuso!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.