giovedì 20 dicembre 2012

Ciociaria Oggi. La vertenza

[dal profilo FB di Daniela Pesoli]
CIOCIARIA OGGI NON SARA' IN EDICOLA 
La più longeva realtà editoriale della provincia di Frosinone non sarà in vendita nelle edicole. L'edizione di oggi dello storico quotidiano Ciociaria Oggi, presente nel nostro territorio dal 1988, non verrà pubblicata e diffusa. A questa conclusione si è arrivati in seguito al mancato accordo al tavolo delle trattative sindacali tra la proprietà da una parte,... rappresentata dall'editore Andrea Palombo, e la redazione dall'altra. L'editore deve saldare cinque mensilità di stipendi arretrati ai redattori e addirittura ventiquattro mensilità ai collaboratori. Di fronte ad un'offerta giudicata inadeguata la redazione di Ciociaria Oggi ha deciso di prolungare lo stato di agitazione e domani il quotidiano non sarà in edicola. Quello dell'editore Palombo è solo l'ultimo caso di imprenditoria che troppo spesso manifesta inadeguatezza e perseguimento degli interessi personali a danno dei lavoratori. (FB.Daniela Pesoli)
Un contributo di solidarietà e sostegno ad un gruppo di lavoratori. Per un Natale che si annuncia difficile e triste e che, invece, potrebbe essere l'avvio di un rinnovato rilancio editoriale.
Un pensiero affettuoso ad un gruppo di amici dai quali ho solo imparato.
[Ave]  

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Tanto dispiacere per i lavoratori ma non per il giornale, decisamente di parte, neanche ieri sono riusciti a mettere il sequestro della villa di Fiorito sotto la voce Anagni, come spesso capita quando si parla di notizie sfavorevoli alle destre locali. Auguri, nella speranza della rinascita di un giornale lontano da loschi politici regionali.
SCS

Anonimo ha detto...

Penso se ne potrà fare a meno...

P.S.: Mi sembra venisse allegato alla vendita anche "Il Giornale" il che è tutto dire...

La Voce del Padrone

Anonimo ha detto...

MA CHIUDESSERO SUBITO,,,, SI SCRIVONO DELLE STUPIDAGGINI....E SONO QUASI TUTTI DI DESTRA!!!!

Anonimo ha detto...

Vergognatevi. La solidarietà non può essere solo da una parte. I lavoratori sono sempre lavoratori anche se non la pensano come noi. Ma si sa che il buono sta solo a sinistra. Con questo modo di ragionare la sinistra non vincerà mai, e per non fargli fare danni al governo ci penserà Monti che è il minore dei mali.

Posta un commento

Abbonati!