Passa ai contenuti principali

Ospedale. Il Comitato incontra Buschini

                             
COMUNICATO STAMPA DEL GIORNO 30 MARZO

Si è svolto giovedì 28 marzo 2013 alle ore 16.00, l’incontro del Comitato Salviamo l’Ospedale di Anagni con il  consigliere regionale Mauro Buschini, organizzato con il contributo del Partito Democratico di Anagni. La sede di Anagni Viva è stata appena sufficiente a contenere tutti i partecipanti tra aderenti al Comitato, cittadini, politici, sindacalisti, giornalisti, pensionati e operatori sanitari.

Al consigliere Buschini è stata descritta la deriva in cui versa attualmente l’Ospedale Civile di Anagni in cui, ogni giorno, fioccano le lettere di trasferimento del poco personale rimasto ed in cui, ogni giorno, arriva qualcuno a prelevare attrezzature e suppellettili. Nelle sale operatorie nuove, costruite a monoblocco qualche anno fa con criteri di massima sicurezza igienica, la direzione sanitaria dell’ospedale ha dislocato lo sgabuzzino per le pulizie. Al medico gastroenterologo che, per malattia, si è dovuto assentare per un mese è stata tolta l’ attrezzatura per le visite ambulatoriali e trasferita in altri ospedali. Nel frattempo è peggiorata la carenza di posti letto e la possibilità di far fronte alle emergenze nella provincia. Ad Anagni, sempre più spesso, le due ambulanze, non medicalizzate, di stanza davanti all’Ospedale, vengono impegnate contemporaneamente, lasciando privo di copertura per le emergenze un territorio con oltre 80 mila abitanti.

Un territorio, lo ricordiamo, dove ogni giorno affluiscono per motivi di studio, di lavoro, di turismo migliaia di persone. La popolazione della zona nord del frusinate, chiuso l’Ospedale di Anagni, si riversa naturalmente e in maniera sempre più consistente verso la provincia di Roma e, in particolare, a Colleferro e a Tor Vergata. Molte volte invano. I più fortunati che resistono e hanno parenti e amici che li accompagnano, fanno il giro di diversi ospedali, tra le due province, prima di trovare un pronto soccorso con meno ore di attesa e un posto letto disponibile. Sono gli orrori della spending review  e dei decreti Polverini di chiusura degli ospedali nella Regione Lazio. Un piano di riassetto della rete ospedaliera da rivedere come ha subito dichiarato il nuovo governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Per questo il Comitato Salviamo l’Ospedale di Anagni ha chiesto al consigliere Buschini, come chiederà allo stesso Presidente Zingaretti, di fermare lo smantellamento dell’Ospedale di Anagni e, sospendendo di comune accordo i ricorsi amministrativi, di partecipare alla fase di rielaborazione del piano dell’offerta sanitaria regionale. Un piano che preveda un ruolo anche per l’Ospedale di Anagni, sia da un punto di vista della medicina preventiva, con l’immediata riattivazione degli ambulatori e laboratori e sia con la attivazione di reparti di degenza che prevedano la presenza di cardiologi e rianimatori, come l’hospice, in grado di garantire anche le emergenze di pronto soccorso.

Comitato “Salviamo l’ Ospedale di Anagni” - Per info: tel.: 3930723990
DirittoAllaSalute AnagniCaputMundi AnagniScuolaFutura

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.