Passa ai contenuti principali

Anche donare sangue è un problema, ad Anagni


COMUNICATO STAMPA AVIS ANAGNI

Il Direttivo dell’AVIS Comunale di Anagni si scusa con tutti i donatori e con i Soci che anche ieri si sono recati in ospedale per fare la loro donazione. Per  la quarta volta dall’inizio dell’anno è stata soppressa la raccolta prevista dal calendario e la motivazione è dovuta alla carenza di personale medico del centro trasfusionale di Frosinone.

Il Direttivo ci tiene a sottolineare che solo Anagni e qualche altra AVIS della provincia subisce questa situazione mentre ad altre sezioni viene sempre garantita la raccolta programmata da inizio anno.
Non per fare polemica, ma per chiarire  una situazione a dir poco paradossale, il Direttivo ci tiene a ribadire che il Dirigente del centro trasfusionale, più volte sollecitato, non dà altra spiegazione se non quella di avere poco personale.

La grave situazione in cui si trova la Sanità nel Lazio si sta ripercuotendo  anche sul sistema delle raccolte di Sangue e si sta mettendo a serio rischio un servizio di vitale importanza per la salute dei cittadini.
La nostra associazione  AVIS di Anagni denuncia questo malfunzionamento e sottolinea che la Direzione Sanitaria della ASL di Frosinone se non riesce a far fronte alle carenze di personale medico deve trarne le dovute conseguenze.

Il Direttivo AVIS Comunale Anagni spera che questa situazione precaria della Sanità sia presto risolta con interventi mirati e precisi, fatti con determinazione dal Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, non bisogna perdere altro tempo è ora di agire e di rivedere il sistema sanitario nella provincia di Frosinone.
Il Direttivo AVIS Comunale di Anagni si augura che presto torni ad essere operativo, anche se rivisto e ridimensionato, lo storico ospedale di Anagni, punto di riferimento per tutti i cittadini dell’area nord di Frosinone.

Una nota di merito va all’AVIS Provinciale di Frosinone che in questo drammatico momento, vista l’emergenza, si sta organizzando per far formare  personale medico abilitato alla raccolta sangue con l’aiuto e la disponibilità di alcuni medici di base che saranno disponibili per sopperire alle carenze della ASL di Frosinone già nei prossimi mesi.

Se questo disservizio continuerà ad esistere noi dell’AVIS di Anagni siamo pronti a far sentire la nostra voce a tutti livelli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.