Passa ai contenuti principali

COMUNICATO STAMPA: RIAPRIAMO IL PRONTO SOCCORSO DI ANAGNI


Cosa serve oggi per tamponare la mancanza di gestione di emergenze sanitarie della parte nord della Ciociaria?



Intanto occorre che l’ospedale di Anagni torni al centro delle strategie sanitarie regionali.  La recente apertura del nuovo reparto di dialisi, che rappresenta una vera e propria eccellenza provinciale capace di curare centinaia di pazienti, non risolve il dramma sanitario che questa parte del territorio vive. Occorre ristabilire un livello minimo di gestione dell'emergenza: un pronto soccorso e dei posti letto che siano in grado, quanto meno, di stabilizzare un paziente per poi eventualmente trasferirlo.

La sentenza 6727 del 2011 del Consiglio di Stato afferma che, vista la posizione e il bacino di utenza, l'Ospedale di Anagni non deve essere chiuso. In questi tre  anni di smantellamento la popolazione della parte nord della Ciociaria si è trovata deprivata di servizi  sanitari e costretta ad emigrare verso le strutture di Roma, con un aggravio di spese per le famiglie costrette a veri e propri viaggi della speranza, con una  mobilità passiva che è ormai di circa del 50% della popolazione.

A questo punto è da chiedersi: a chi ha giovato questo smantellamento dell’ospedale di Anagni?

Il trasferimento del personale verso le altre strutture (Frosinone, Alatri), non ha migliorato la sanità provinciale, la struttura è rimasta  aperta e le spese di gestione sono rimaste invariate.  Era stato detto che la chiusura di Anagni sarebbe stata decisiva per le sorti della sanità provinciale, si sarebbe ottenuto perfino il sospirato DEA di secondo livello allo Spaziani di Frosinone, si sarebbe finalmente dato un taglio alla mobilità passiva che costa 250 milioni di euro l'anno alla ASL di Frosinone. Domando: la chiusura dell’ospedale di Anagni è servito  per aumentare posti letto nella sanità privata? Perché sono stati diminuiti i posti nella sanità pubblica e aumentati quelli delle cliniche private?  Eppure era chiaro che, con la chiusura dell’ospedale di Anagni progettato dalla giunta Polverini, saremmo andati al disotto dei LEA e questo avrebbe creato  il caos  nei pronti soccorsi della provincia, che ancora oggi non riescono più  a smaltire gli interventi di emergenza.

Spero che l’incontro che avranno il Sindaco di Anagni Dott. Fausto Bassetta e i sindaci della parte nord della provincia (Acuto, Paliano, Fiuggi, Piglio, Sgurgola, Serrone) con Zingaretti, porti finalmente alla risoluzione della vicenda ospedaliera che dura ormai da troppi anni. Anagni è una città che si trova al centro  di importanti infrastrutture viarie come l’Autostrada, la Casilina, l’Anticolana e ferroviarie quali l’Alta Velocità e la Roma-Cassino-Caserta, oltre ad essere uno dei centri scolastici tra i più importanti della provincia con le sue migliaia di studenti giornalieri. In una realtà del genere non basta una “casa della salute”.

Piero Ammanniti, Anagni, membro dell'Assemblea Provinciale del Partito Democratico lista “Frosinone per Civati”

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.