Passa ai contenuti principali

«Il lavoro di Renzie»



Io non lo so, in effetti, dove stavano i sindacati quando in Italia ha cominciato a prodursi questo corto circuito sul lavoro. Ma, almeno, sono sicuro che non stavano a cena da Berlusconi.




E non stavano neppure apparecchiando per contraccambiare l'invito, al Nazareno. Sentire un Presidente del Consiglio per caso, non votato da nessuno, che dovrebbe venire da sinistra, affermare che i sindacati hanno difeso una ideologia e non delle persone, non ha prezzo. Il nuovo autoritarismo della pseudosinistra confonde l'ideologia con i diritti, che son diventati improvvisamente orpello pesante in un mondo che, velocemente, deve andare verso il pensiero unico. L'economia unica. Il mercato unico. La democrazia unica. Ossia ostaggio di uno solo. In questo caso, del signorino Renzie.

In Italia il lavoro non riparte non perchè abbiamo infrastrutture fatiscenti. Non perchè abbiamo una burocrazia elefantiaca. Non perchè abbiamo una corruzione da ottavo-nono mondo. Non perchè abbiamo una classe politica indecente e parassita. Non perchè abbiamo organizzazioni criminali potentissime infiltrate ovunque. In Italia il lavoro non riparte perchè, se non c'è giusta causa, il lavoratore licenziato deve essere reintegrato. E' questo il problema del lavoro italiano, secondo il vangelo di Renzie. Come per la sanità, per la quale si prevedono tagli mostruosi ma «senza intaccare i livelli assistenziali», così per il lavoro: «dare libertà assoluta di licenziamento, per aumentare il numero di lavoratori». Il primo problema, serio, di questo indecente Pd è la logica.

Chi lo sa dove stavano i sindacati. E chi lo sa dove stava il padre di Renzie. Quello che adesso è indagato per bancarotta fraudolenta. Vicenda che ha lasciato del tutto indifferenti i giornali di destra. Abituati a ben altre inchieste ed indagini. Questi stessi giornali, quotidianamente impegnati nello smontaggio del bluff governativo, hanno pensato bene di fare una pausa. E si son schierati in massa col povero papà. «La solita magistratura». «L'ostaggio dei giudici». Dimostrando chiaramente che il bluff, quello vero, è questa finta rivalità tra una destra ed una pseudosinistra che, invece, nascono dalla stessa pianta. E puntano allo stesso obiettivo. Una volta, la guerra non era che la continuazione della politica con altri mezzi.

Oggi, Renzie non è che la continuazione di Berlusconi con altre bandiere.

[Ave]

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.