Passa ai contenuti principali

L'infinita fase 2 della politica anagnina

Poco tempo fa era toccato ai c3. Capaci di diffondere un comunicato stampa incredibilmente pieno di confusioni linguistiche e politiche. Un attacco al Sindaco Natalia quasi rancoroso e rabbioso. Una specie di ululato alla luna inutile e pure un po' fuori luogo, visto il momento particolare. Tant'è che l'unico risultato ch'è stato capace di raggiungere è stato quello di far fare bella figura alla risposta, semplice ma istituzionalmente pacata, che si è beccato come risposta dall'amministrazione. Che dire? Complimenti.


Adesso i complimenti, ma grandi assai, bisogna farli agli ACA (Anagni Cambia Anagni). Un giornale locale ha diffuso un loro comunicato stampa che è, letteralmente, un capolavoro. Raramente mi era capitato di leggere un documento politico tanto pasticciato. Non è dato sapere se sia stato operato qualche taglio o rimaneggiamento. Ma, comunque, il risultato finale è a dir poco sorprendente. Frasi incomprensibili. Interi periodi che si ritrovano del tutto scollegati con ciò che viene prima e ciò che viene dopo, e si guardano incerti se rimanere lì, a beccarsi gl'insulti, oppure se darsela a gambe levate.

Eppoi c'è la lunghezza. Un comunicato fiume per una questione che poteva essere risolta in modo molto più sobrio e sbrigativo, migliorando la precisione. Se il tono dei c3 è sembrato rabbioso, il tono degli ACA è inconfondibile per l'atmosfera retorica. Sono fantastici, davvero. Ogni volta che mi capita di leggere qualcosa di loro mi sembra di essere tornato nel Settecento. Quello con livree e parrucconi. Tant'è che, a dirla proprio tutta, è molto più alto il valore 'artistico' dei loro comunicati, piuttosto che il valore politico, desolatamente basso.

Insomma. E' questa l'eterna fase 2 della politica anagnina. Amministrazioni clamorosamente insufficienti che, regolarmente, galleggiano tranquille in virtù di opposizioni clamorosamente inutili. Non è un caso, infatti, che le ultime amministrazioni non sono finite bene. Ma non per la 'forza' delle opposizioni. Semplicemente, perchè hanno deciso di suicidarsi politicamente, implodendo sotto il peso delle lotte di potere interne.

Così, mentre il mondo si avvia a scrivere le prime pagine di un libro del tutto nuovo. Mentre l'umanità intera è concentrata sul tentativo di capire quali meccanismi si sono messi in moto, e come mettersi in salvo dallo tsunami che ha già cominciato ad arrivare, noi cittadini anagnini siamo nelle mani di questa politica. Che non riesce neppure a mettere in fila due parole ordinate per parlare a tutti noi.

Di fronte ad una politica incapace, da decenni, di disegnare un futuro per questa città, ci ritroviamo adesso nella necessità, anzi nell'obbligo di immaginarlo per davvero un nuovo futuro. Come costruiremo il nuovo modello di sviluppo determinato dal Covid? Quale sarà l'impatto su tutte le attività della città? Quale nuovo modello di solidarietà sociale e di assistenza bisognerà progettare? Quali saranno i settori da incentivare, per non sparire definitivamente? Quale potrà essere il ruolo del Comune, in questo percorso? Dove trovare le risorse e come impiegarle al meglio? Quale modello di sviluppo sostenibile sarà ancora possibile incentivare e riprogrammare?

Domande sbagliate. Non è tanto il 'come'. Ma, drammaticamente, il 'chi'. A quale politica noi affideremo il compito di affrontare queste questioni? Chi se ne assumerà la responsabilità? Prego umilmente che i grandi dei ci aiutino.

Almeno a scrivere comunicati.

[Ave]

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.