Passa ai contenuti principali

Il regime che perde capelli

Et voila. E tre. Cadono le foglie, cadono i birilli, cadono i capelli. E cadono pure ministri e sottosegretari. Ma non cadono mica perchè sono inciampati, eh. Naa. I giudici dicono che hanno fatto cose, assunto atteggiamenti, preso decisioni del tutto incompatibili con il loro ruolo istituzionale. Le indagini diranno se e quanto. Ma intanto, da un punto di vista di ecologia politica, se ne sono andati perchè se ne dovevano andare. Se e quando riconosciuti colpevoli, auguro loro la stessa galera e la stessa gogna e la stessa sofferenza di coloro che hanno pagato e pagano tutti i giorni a causa della disperazione. Sarebbe carino, nel caso, ripristinare una sorta di confino di sapore dantesco. Andate a farvi la casa sugli alberi. Fate la vostra loggia segreta con le scimmie ed altra fauna locale. Costruite finti dossier sulla pecora del vicino. Fate pressioni sulla fattoressa perchè dia a zi Peppe l'appalto per andare in giro a vendere il latte appena munto.
Le opposizioni parlano di un'altra vittoria. Vero. Ma sarebbe il caso di sottolineare che anche un altro vincitore c'è. Ed è quel Gianfranco Fini che, di fatto, ha spaventato tanto il Cesare da constringerlo a ripudiare i suoi Bruti. C'è un ultimo elemento da ricordare e tenere ben presente. I tre cacciati a furor di popolo sono, politicamente, sicuramente colpevoli. Ma il responsabile vero ed unico dello sfacelo è il capo dei capi. Il ducetto di Arcore ha sempre fatto e deciso di testa sua. Le persone le ha sempre scelte lui. Sulla base della fedeltà piuttosto che della competenza, com'è tipico dei ducetti. Li ha scelti, se ne è servito nel senso che si è fatto da loro servire per ciò che gli occorreva, e poi è stato costretto a lasciarli andare. Non senza aver tentato, e continuando a farlo fino all'ultimo, di giurare con la mano sul fuoco (posticcio come tutta la persona, va da sè) sulla loro purezza d'animo. Ebbene. E' il berlusca il vero sconfitto. L'umiliazione è sua. Come minimo, il famoso «ghe pensi mì» ha mostrato un'assoluta incapacità di valutare le persone che si scelgono al proprio fianco. E per l'unto del fare è la disfatta del disfacimento. Quanti chili di cerone ci vorranno per rimetterlo in sesto da queste figuracce? [Ave]

Commenti

  1. La cosa più triste in tutta questa storia è che per far cadere le mele marce da un albero marcio ci son volute le minacce di Fini appoggiate da Napolitano.. opposizione zero, come al solito!
    CSC

    RispondiElimina
  2. Bè, magari qualcosina stavolta hanno fatto. Almeno presentare la mozione di sfiducia.

    Quello che preoccupa è che non sembrano interessati a lavorare per organizzare l'alternativa. Che dev'essere programmatica. Dovrebbero battere ogni secondo sulle scelte alternative che farebbero, se fossero al governo. Sopratutto in materia economica.

    Mai come in questa situazione è assai più importante il programma che non le facce. E tra qui a 12 mesi potremmo pure tornare al voto...

    [Ave]

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.