Passa ai contenuti principali

Anagni. Il PD ironizza sulla sicurezza

E' arrivato un comunicato del PD di Anagni, che vedrete in volantino già domani. L'estate sta finendo, ed infatti all'orizzonte s'intravedono grandi nuvoloni politici. Il regime berlusconista non riesce a nascondere le sue nefandezze, e pure il governo della città ha dimostrato ampiamente che il tempo passa invano. A parte pochissimi ritocchi qui e là, continua a sguazzare nell'assoluta assenza di un progetto globale per il rilancio di Anagni. Gli manca proprio il passo. La cultura. La mentalità della responsabilità. Non sarà da questi signorini che verrà il futuro. Semmai, l'unica speranza è non arretrare troppo, aspettando un altro governo. Altre persone. Altre capacità.


Intanto, nuova ridicolaggine sulla pseudosicurezza. Il contentino da dare agli ultrafascisti che non sanno fare altro che invocare espulsioni, pena di morte e lager. Una politica monocorde e tanto antica quanto il loro antenato sul balcone. La solita, trita, destra (a)sociale.
Ma ancor più ridicolo è stato affermare che queste telecamere sparse a casaccio per la città saranno utili... indovinate un po'? Per smascherare chi non rispetta il regolamento dell'immondizia differenziata! Credo che, anche in questo caso, Anagni sia unica sul globo terrestre.
Viviamo nel paese più inquinato della Ciociaria e del Lazio. Con un fiume che è assai peggio della cloaca maxima, animali e vegetazione ed aria diossinizzata, fabbriche asburgiche che sanno solo chiedere mano libera per licenziare e bruciare rifiuti pericolosi che finiscono intorno e dentro di noi. In questa situazione il sindaco che fa? Dice di voler proteggere l'ambiente mettendo delle telecamere sui palazzi storici della città per beccare chi porta i rifiuti alle 20 invece che alle 21! Un vero colpo di genio.
Ma davvero ritengono i cittadini di Anagni tanto stupidi ed imbecilli? Ma come si permettono di prenderci in giro in questo modo spudorato? Dopo i fiori di plastica, dopo i topi in città, dopo Fabio Concato. Quante altre umiliazioni volete subire, prima che questa gente se ne vada a lavorare, finalmente?
Metti le telecamere nascoste tra i cespugli sul fiume, caro sindaco, se vuoi beccare gl'inquinatori. Metti le centraline di rilevamento sui camini delle fabbriche del territorio, e lungo tutte le maggiori direttrici della città, caro Noto, se vuoi davvero fare qualcosa di utile per l'ambiente della città e la salute dei tuoi concittadini.
Magari, potresti spostare le due telecamere che stanno una davanti all'ospedale, ed una in piazza Cavour. Neanche un cassonetto riprendono. In compenso possono spiare chi entra ed esce dall'ospedale. E chi si fa una chiacchierata su in piazza.
Non fatevi prendere per il c**o, amici cari ed anime belle. Fatevi dire, magari, quanto ci son costate tutte ste cretinate. E fatevi dire dove vanno a finire tutte ste immagini. Chi le registra? Chi le controlla? Chi le conserva? Chi le guarderà? Eccovi il comunicato del PD. [Ave]

ADESSO ANAGNI E' PIU' SICURA

Finalmente il partito di estrema destra, La Destra, ha ottenuto il giocattolo che tanto aveva sperato di ricevere dall'amministrazione comunale. Infatti è stato appena inaugurato il sistema di videosorveglianza della città.
Qualche telecamera sparsa qua e là. Appiccicata alla meno peggio sui palazzi storici e nei luoghi che dovevano riempirsi di turisti. A spiare i cittadini che tentano quotidianamente di districarsi tra le tante inefficienze del comune.

Grazie a queste nuove telecamere, dunque, ora noi tutti possiamo essere più tranquilli. Non ci saranno mai più furti nè aggressioni, di nessun tipo. Infatti le varie mafie e bande presenti ad Anagni si sono gìà fatte il passaparola. Via lontano da questa città. Abbandonarla subito perchè, adesso, ci son le videocamere. Ed hanno tutti paura, eccome.

Ma questa innovazione avrà anche altri benefici. I turisti, debitamente informati, accorreranno in massa ad Anagni: cribbio, c'è la videosorveglianza, vuoi mettere? I negozi del centro faranno affari milionari. E pure le strade saranno più pulite, e fiori profumati compariranno magicamente là dove prima soggiornavano in meritato riposo le pantegane.

Peccato che, per meritarci tutto sto ben di Dio, dovremo rinunciare definitivamente anche a quel minimo di sacrosanta privacy che persino Berlusconi invoca giustamente per sè e le sue amichette. La telecamera messa di fronte all'ospedale, ad esempio, pare fatta apposta per rivelare alle solite Perpetue i nostri problemi di salute.

Chi si occuperà di tutte queste immagini? Dove confluiranno tutte ste figurine? Chi se ne occuperà e dove verranno conservate le registrazioni? E per quanto tempo? Il Comune nulla dice.

Siamo convinti che, adesso, tutti i mal di pancia de La Destra svaniranno magicamente. Dimenticati gli extrabilancio. Dimenticate le scuole. Dimenticato l'ospedale. Dimenticata la pulizia della città. Dimenticato il decoro urbano. Dimenticato il rilancio del centro storico. Dimenticata qualsiasi politica capace di ridare un futuro ed un progetto al lavoro, all'ambiente, alla cultura, al turismo, all'agricoltura.

Ora abbiamo finalmente la videosorveglianza. Evviva, evviva.

Speriamo che tutte ste riprese non facciano la fine delle riprese dei consigli comunali.

Il Partito Democratico di Anagni


Commenti

  1. Si ma la spazzatura ad ogni incricio delle periferie aumenta e la tassa sui rifiuti è cara!!!
    Sul Web ci sono foto di piccole discariche anagnine...
    Che meraviglia i blog ed i social network!!!

    RispondiElimina
  2. Siete talmente tanto informati da non sapere che La Destra non c'entra nulla, anzi si è dissociata pubblicamente dal progetto.
    Inoltre il progetto è regionale, e l'input arriva anche dall'ex amministrazione di quel travone amico vostro, Marrazzo.
    Infine, cercate veramente di riprendere la bussola, perchè riguardo alle immagini registrate c'è il garante e poi una specifica legge che prevede la delega per la visione solo ai responsabili dell'ordine pubblico, con la cancellazione automatica dei video dopo tot.ore se non riprendono reati.

    RispondiElimina
  3. ...e chi ha scritto queste idiozie ha dimenticato di inserire il cervello!!!!
    p.s. se lo possiede....

    RispondiElimina
  4. Ma La Destra non sta in maggioranza e non voleva le telecamere ma il censimento degli stranieri che anche se non sono di destra credo sia giusto. Così a me pareva.
    Hasta

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.