Passa ai contenuti principali

Acuto. Lettera aperta di Anna Natalia al sindaco Augusto Agostini

foto da ViniLazio

Caro Sindaco Augusto,

ho trascorso ad Acuto la mia infanzia e parte della mia giovinezza, sono perciò legata a questo paesino dai ricordi di persone care e dalle immagini che, nel tempo, si sono succedute e trasformate come accade per tutti, uomini e cose. Da qualche decennio ho constatato, con dispiacere, il progressivo, inarrestabile  deteriorarsi dei luoghi che  ne costituivano l’identità profonda, senza che ciò voglia dire rimpianti o nostalgie banali del passato ma riflessione sulla realtà attuale.


Acuto che godeva di requisiti privilegiati che lo rendevano particolarmente grazioso e accogliente, come le splendide pinete, le belle passeggiate, i vicoli animati e le piazzette  ombreggiate, si è trasformato in un agglomerato disordinato ed anonimo di case che hanno stravolto i luoghi caratteristici, la loro collocazione nel tessuto urbano, la loro funzione sociale, a causa di interventi cosiddetti di rinnovamento e modernizzazione.
Ogni autentica  ristrutturazione conservativa e/o innovativa, secondo le più accreditate e note teorie urbanistico-architettoniche, non snatura né deturpa l’esistente ma lo ingloba in un progetto organico e complessivo che ne conserva la memoria e si apre all’innovazione. Gli interventi urbanistici realizzati ad Acuto hanno ignorato queste esigenze. Sono stati abbattuti  alberi (mai più sostituiti da altri come pure si prometteva)  per avere qualche miserabile posto macchina in più, si sono preferite colate di cemento per improbabili strutture a qualche spazio verde.
Tale corsa dissennata verso la bruttezza ha raggiunto ora Piazza Regina Margherita che ha subito l’amputazione degli alberi che la ornavano da decenni. Esiste, certamente, un progetto di lavori che giustifica la decisione e ci sono, certamente, le scontate e grossolane giustificazioni che raccontano di alberi malati, di alberi che rubano spazio alle solite onnipresenti macchine, alle cui esigenze sembra si debba sacrificare il rispetto e la bellezza dei luoghi e la qualità della vita delle persone.

Caro Sindaco, non si illuda, come anche i suoi predecessori, che un parcheggio in più, una licenza edilizia concessa su un luogo paesaggisticamente da tutelare la farà ricordare nella storia di Acuto. Il tempo, come si dice, è galantuomo e farà giustizia delle scempiaggini autorizzate nel corso degli anni e scambiate per interventi urbanistici avanzati, mentre si tratta di progetti di mediocrissima categoria, privi di ogni aspirazione a realizzare il bello e non solo l’utile.
Queste operazioni ci rendono tutti più poveri, perché ci privano di una parte di memoria e, senza memoria, il passato si fa confuso e illeggibile, il presente incerto e il futuro difficile da progettare.

Tuttavia ritengo che sia sempre possibile riconsiderare le decisioni, nello sforzo di migliorare gli interventi, purché si sia convinti che gli amministratori pubblici debbano dare priorità alla cura e alla valorizzazione  della bellezza dei luoghi e del paesaggio, oltre che alla efficienza dei servizi.
Mi auguro, infine, che gli Acutini rivendichino il diritto di essere consultati per le scelte che li riguardano tutti e avvertano il dovere di non accettare, con inerzia e rassegnato asservimento, qualsiasi tipo di decisione.
Con questa speranza, La saluto cordialmente. Buon lavoro.
 

Anna Natalia - Anagni, 22 settembre 2010

Commenti

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.