Passa ai contenuti principali

Anagni. Mario Felli sulla chiusura dell'ospedale di Anagni

Ecco il comunicato ufficiale del consigliere provinciale Mario Felli, della lista Schietroma, sulla chiusura del nostro ospedale. Un ringraziamento speciale ad Ivan Quiselli che me lo ha segnalato.

COMUNICATO STAMPA DEL GIORNO 1.10.2010

CHIUSURA DELL'OSPEDALE DI ANAGNI

Il “piano di riordino della rete ospedaliera del Lazio” presentato dal Presidente della Giunta Regionale Renata Polverini, in qualità di commissario per la sanità, ai tecnici dei Ministeri della Sanità e dell’Economia ha severamente colpito la Provincia di Frosinone prevedendo la chiusura di diversi nosocomi tra cui quello di Anagni il quale (unico complesso Ospedaliero dell’area Nord) esce fortemente indebolito dal predetto piano in vista del suo declassato a cd. “struttura infermieristica” nella quale è prevista la possibilità del ricovero solo per lievi patologie.
Tale strategia politica/amministrativa (in patente contrasto con quanto dichiarato e promesso dalla stessa Polverini nel corso della campagna elettorale che l’ha portata alla guida della nostra Regione) danneggia seriamente la sanità del nostro territorio (con un bacino di utenza di circa 60.000 persone) in quanto frutto di scelte superficiali non elaborate tenendo conto delle reali e concrete esigenze della popolazione ivi residente ma dirette ad arrecare notevoli vantaggi alla sanità privata romana la quale viene premiata con ulteriori posti letto.

Si tratta di un piano illogico che non tiene nella debita considerazione dell’esistenza, nella nostra area, di realtà industriali nonché di importanti infrastrutture e rilevanti strade di collegamento (autostrada, superstrade e strade statali) frequentemente interessate da gravi incidenti che richiedono la presenza di strutture sanitarie di pronto ed efficiente intervento.

Sarà, pertanto, mia cura invitare sia il Presidente della Provincia di Frosinone che i tutti i Sindaci del comprensorio a convocare in via straordinaria le rispettive Assise onde prendere le più opportune decisioni per contrastare il sopramenzionato piano che esclude, senza alcuna valida argomentazione, il nostro territorio dal piano sanitario che dovrebbe essere formulato avendo come punto di riferimento il diritto alla salute di ogni singolo cittadino.

Concludo confermando la mia partecipazione all’assemblea organizzata per domani 2.10.2010 ore 9.00 (innanzi i cancelli dell’Ospedale di Anagni) dall’Associazione – Diritto alla Salute

Commenti

  1. Spero tanto che qualche stufo cittadino faccia provare l'efficienza della nostra struttura sanitaria ai coraggiosi politicanti che si presenteranno domani e che fino ad oggi hanno tanto sostenuto la nostra cara Renata Polverini, si azzardi la presidentessa a metter piedi nella nostra città, ho giusto gl'euro da investire in ortaggi e verdure varie da recapitargli in vario modo!!
    SC

    RispondiElimina
  2. Fabrizio Tagliaboschi1 ottobre 2010 20:38

    grande Mario!

    RispondiElimina
  3. ma che fine ha fatto SFIORITO: sicuramente avra deciso anche lui sulla chiusura dell'ospedale di anagni perche quando ha preso le sventole in faccia i dottori del pronto soccorso non sono stati capaci di curargli lonta della vergogna e ora si vendica

    RispondiElimina
  4. Chiudete l'ospedale di Anagni. E' un covo di medici politicanti incompetenti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.