Passa ai contenuti principali

Scuola. I soldi ci sono. Ma solo per i privati (cattolici)

Ecco qua. Non ci sono soldi per la scuola (pubblica). Non ci sono soldi per le supplenze. Non ci sono soldi per tappare i buchi provocati dalla pioggia. Non ci sono soldi per i toner delle stampanti, per la carta, per le cartine geografiche, per i banchi, per le sedie, per le cattedre, per le lavagne. Non ci sono risorse disponibili per progetti di ampliamento dell'offerta formativa. Nè per pagare i pulman e portare gli studenti alle manifestazioni culturali più importanti. E bisogna pure stare attenti a quanto gesso e carta igienica si adopera, perchè insomma. Sacrifici bisogna fare. Sacrifici. Sacrifici. Meno ore di lezione per tutti. Meno scuola pubblica per tutti. Così amplieremo l'orizzonte del nostro futuro. Così diventeremo tutti più intelligenti e capaci.
In compenso, però, il regime ha trovato il modo di regalare altri 245.000.000 di euro (duecentoquarantacinque milioni, che fanno quattrocentonovanta miliardi delle vecchie lire) alle scuole private e confessionali. Non solo. Hanno avuto il coraggio di aumentare di 25.000.000 di euro (cinquanta miliardi delle vecchie lire) le risorse per le università private, ossia cattoliche. Mentre il prossimo anno ci saranno 276.000.000 di euro (ossia cinquecentoquarantadue miliardi di vecchie lire) in meno per le università pubbliche. Scommettiamo che, in questo modo, alle gerarchie ecclesiastiche passeranno assai presto quei mal di pancia sulle moralità pubbliche e private del regime? E' proprio cominciata la campagna elettorale. [Ave]

Commenti

  1. Bene hanno fatto alcuni licei romani ad occupare le scuole!
    In fondo c'è la crisi della professione dei preti.
    Anche loro hanno bisogno di aiuto.Quindi finanziamo le loro, di scuole.

    RispondiElimina
  2. E' vergognoso che si stanzino soldi per le scuole private!!!... e proprio in un momento di crisi come questo, dove gli insegnanti (pubblici) sono quotidianamente umiliati e la cultura e l'apprendimento dei nostri ragazzi offesi!!!conosco precari che lo sono da 15 anni, che girano di scuola in scuola senza riconoscimenti, senza sapere se domani lavoreranno, conosco insegnanti con sezioni di 28 bambini dai 2 anni e mezzo ai 5 anni(!!!)costretti a lavorare in aule inadeguate e senza materiale... questa è la realtà davanti ai nostri occhi... difendiamo almeno i diritti dei nostri figli!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.