Passa ai contenuti principali

Leghe. Porcate molto serie

Eccolo qui. L'unica creatura terrestre capace di definire una porcata una legge da lui scritta e sottoscritta. Ma evidentemente sa quel che dice. Di porcate deve intendersene bene. Ed infatti. I 150 anni dell'unità d'Italia sono una ricorrenza importante. Giusto festeggiarla almeno questo 17 marzo. Sembrava cosa fatta. Ed invece prima la Marcegaglia (!). Quindi questo qui accanto hanno cominciato a dire che, forse, non è il caso. In momenti di crisi profonda come questo, dicono, meglio festeggiare lavorando.



Indecenti. Sono semplicemente indecenti. Non ci sono altre parole. La crisi profonda esiste solo a comando, quando serve a loro per qualche sporco trucchetto contabile. Tipo bloccare gli stipendi ed i contratti e le pensioni e le tredicesime e le buonuscite dei lavoratori dipendenti. Quando invece stanno in tv, o si atteggian a grandi statisti, allora eccoli a dire che la crisi praticamente non ci ha nemmanco sfiorato. Che noi (cioè loro) siamo stati i migliori. Che a noi (cioè a loro) non ci hanno fregato. Che all'estero è molto peggio. Che basta il solito tocco magico del satrapo per ripartire del 4, 5, magari pure 6% annuo. Che ci vuole? Così adesso i longobardi, che italiani non son mai stati e mai saranno, ci vengono a dire che non bisogna fare festa. Si festeggi lavorando. Come dire: facciamo le persone serie.

Dev'esser moda assai recente questa della serietà leghista. Anzi. Recentissima. Perchè mai è emersa in questi lunghi anni di regime mignottocratico. Con le camere unicamente concentrate sulle peripezie del satrapo. Su come proteggerlo dalle accuse. Su come creargli uno scudo sufficientemente resistente. Su come impedire alla giustizia di fare il suo corso. Un paese saldamente allo sbando da anni. Senza la benchè minima occasione di dialogo sulle presunte (contro)riforme. Fatte al buio di qualsiasi capacità di ragionevolezza e di confronto con la società.

Ecco. Di fronte a tutta questa incredibile fannullaggine della politica di regime, adesso ci vengon a dire che il 17 marzo occorre lavorare per via della crisi. Che significa, in pratica, che noi dovremmo lavorare. Di giorno. Perchè a lavorare (e quanto duramente!) di notte, ch'è gran fatica, come si sa, ci pensan loro. Eccome.

Non c'è niente da fare. E' proprio in gamba quello lì. Come le fa e le dice lui, le porcate, non lo batte nessuno. [Ave]

Commenti

  1. Costui è il rappresentante del popolo leghista. Di professione faceva il dentista (cioé non si limitava solo all' igiene orale), ed ecco che tutto d' un tratto s'é trovato sbattuto nel palazzo del potere, ossia nel parlamento.
    Così ha scoperto che ha fare porcate si guadagna di più che a fare le protesi dentarie.
    In questo modo ha potuto risollevare,con il suo apporto, il livello qualitativo dei parlamentari, che era sceso molto in basso.

    RispondiElimina
  2. Dico BASTA è ORA di imitare i fratelli eciziani.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.