Passa ai contenuti principali

Scuola. Reality precario

[Immagine da graphicstormblog]
La parabola è compiuta. Tristissima come tutte le parabole. Insensata come tutte le cose destinate a morire senza lasciare alcuna traccia di sè. Disperata come le scelte di chi non ha speranza alcuna. E profondissimamente stupida. Come tutte le cose che provengono dalla televisione, in ispecie quella demente e schifosa del regime berlusconista.
Com'è che diceva? Uno su mille ce la fa? Oggi possiamo dire meglio. Un precario su mille ce la. A far che? Ad ottenere una cattedra, per la quale ha studiato e faticato anni? Macchè. A partecipare ad un reality.

Si tratta dell'ultima, grande invenzione di Mediaset. Il reality che sostituisce la realtà ora si trasforma in lavority che sostituisce il lavoro. Docenti precari selezionati per un reality nel quale dovranno fare, appunto, gl'insegnanti. Ma solo per finta, naturalmente, perchè l'istruzione. E la cultura. E la formazione. Son davvero orpelli inutili, in questo tempo di regime.

Se Maometto non va più verso la montagna, la montagna va verso Maometto. Mutualmente, se la società non va più verso la scuola, nel senso che se ne frega proprio di difenderla e mantenerla, ecco che la scuola è trascinata pei capelli (appena usciti dal parrucchiere, s'intende) verso la tv. Che la porterà nelle famiglie. Là dove regna il buio della ragione. L'insensatezza di un vuoto sen'anima.

Se il programma si farà per davvero, però, almeno un vantaggio ce lo ritroveremo tutti. Riusciremo finalmente a trovare un ruolo adeguato alla MariaStellina. Nello studio televisivo. A telefonare agli spettatori ed ai genitori dei precari in gara. A smistare voti e preferenze. A bocciare e promuovere.

Già pronta per essere protagonista di un spettacolo a parte. Senza rivali. Indimenticabile. Inarrivabile.

Ministro per caso. [Ave]

Commenti

  1. Studenti per caso, docenti per caso, the show must go on...
    Maria
    PS: se faranno il programma, giuro che porto il mio cervello su un altro pianeta

    RispondiElimina
  2. Ahahah...

    Questa mi piace proprio. Magari dai un passaggio pure a me.

    [Ave]

    RispondiElimina
  3. Ma niente niente a Montecitorio stanno facendo un reality da una quindicina di anni?
    Nik

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.