Passa ai contenuti principali

Sindaco, fai qualcosa








COMUNICATO STAMPA
VitamineK
- 12 apr 2013 -










Un nuovo appello è giunto alle orecchie del Sindaco. A chiedere un suo intervento, stavolta, è stata una bambina di 8 anni. In rappresentanza anche di tutti i suoi compagni di scuola e di giochi. Cosa chiedono i bambini? Solo un po' di spazio. Qualche altalena. Scivoli. Panchine. Fontanelle. Un prato sicuro dove potersi fare una corsetta. Dare due calci ad un pallone. Giocare a nascondino.

Sono le stesse cose che chiedono tutti gli altri cittadini di Anagni. Perchè un giardino pubblico è straordinario per i bambini. Ma bellissimo anche per gli adulti. Una passeggiata. Due chiacchiere. E per gli anziani. Che certo gradirebbero assai un'alternativa allo stare seduti in mezzo alla strada, con le macchine che passano a pochi centimetri.

Il gruppo civico VitamineK, che ha raccolto l'appello dei bambini, torna a chiedere al Sindaco di rispettare gl'impegni che ha sottoscritto con la città. A lui è demandata la responsabilità di amministrare Anagni. A lui è demandata la responsabilità di fare. Adesso. Subito. Perchè da troppo tempo questa città sembra essere stata abbandonata.

Qui non ci sono sotterfugi complicati. Qui c'è una richiesta semplice. Precisa. Di fronte la quale l'amministrazione da troppo tempo continua a far finta di niente. Se si vuole bene a questa città. Se davvero non si vogliono mortificare i legittimi desideri dei bambini anagnini. Faccia qualcosa, signor Sindaco.

Dia una risposta. Concreta. Veloce. Rispettosa. Alle richieste dei bambini di questa città.

Come Sindaco. Come medico. Come nonno. Non può disattendere un desiderio così essenziale e così semplice.
VitamineK

Commenti

  1. Il Marchese del Grillo15 aprile 2013 09:24

    Trovo umiliante chiedere a chi ha il dovere di provvedere ai bisogni minimi di una città quello, che in tutti gli altri paesi d'italia è normale amministrazione.
    Non si può essere sudditi per tutta la vita.........

    RispondiElimina
  2. Mi ripeto, gli spazi ci sono... il problema è mantenerli.

    Non so se esiste una sovvenzione per fare certi spazi, perché per come è la situazione ad Anagni sembra che gli spazi che ci sono sembrano fatti solo per [...] e non per i cittadini.

    Che schifo...

    Massimiliano A.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.