Passa ai contenuti principali

Anagni e il mistero della cultura scomparsa

Vi avverto, voi deboli per il caldo. Questa, ahimè, è una storia un po' triste. C'era una volta una cosa che si chiamava politica culturale. Di una nazione, una terra, un comune.
Era uno strumento attraverso il quale amministratori avveduti riuscivano a tirar fuori la gente dalle case. La facevano incontrare per le strade e le piazze della loro città. Quelli bravi riuscivano pure a farla divertire, la gente. Ma i migliori in assoluto erano coloro i quali riuscivano, anche, a farla pensare.
E così accadeva che, l'inverno, era tutto un viavai di mamme e papà ad accompagnare i figli a qualche corso strano. E poi bisognava trovare il modo di preparare la cena per tempo, perchè poi, dopo cena, toccava ai genitori.
L'estate, invece, ci si dava appuntamento direttamente in piazza. Nel vicolo. Si andava insieme. Le famiglie uscivano unite e si sfaldavano via via che si passeggiava. Ognuno al suo concerto, al suo film, al suo dibattito, alla sua mostra, alla sua musica. Ognuno coi suoi amici. Col proprio gruppo. Col ragazzetto stagionale. Ci si rivedeva giù al portone non prima di mezzanotte. Era un po' una festa per tutti. Persino pei commercianti, che tra liquori, gelati, grattachecche e pasticcini avevano il loro bel tornaconto.
Ufficialmente la politica culturale esiste anche oggi. E c'è persino un assessore dedicato. L'assessore alla cultura. Che, oggi, è la persona che vedete in foto. Oddio, in effetti quella non gli rende merito, perchè il Dany di persona è molto, molto più abbronzato di come appare qui. Comunque, se andate sul sito del comune di Anagni, trovate scritto che il Natalia è non solo vicesindaco, ma possiede anche le deleghe per (in ordine di apparizione): 1. cultura; 2. spettacolo; 3. turismo; 4. protezione civile; 5. contenzioso.
Invidio molto le persone capaci di fare tante cose, tanto impegnative, tutte insieme. Io, in genere, riesco a fare così così quelle due cosette che devo. Però, ecco. Mi piacerebbe capire. Per imparare. E sopratutto, in questo momento, per sapere. Dal diretto interessato.
Il comune di Anagni ha una politica culturale? Va bene, forse questa era un po' grossa. Allora riformulo la domanda. Il comune di Anagni ha almeno un programma estivo che abbia a che vedere con la cultura, o magari con lo spettacolo, o forse col turismo. O anche solo con la protezione civile. Oppure, e mi accontenterei, col contenzioso?
I primi 15 giorni dell'estate classica se ne sono andati, ma l'unica cosa che è partita dal comune è il cinema all'aperto. Iniziativa simpatica, senza dubbio. Io il programma l'ho sfogliato e rigirato. E mi sono intristito ancor di più. Perchè, insomma, in mezzo a tante pappardelle scotte e pure un po' mosce ci si poteva pure infilare qualche vero film, no? Le avrà scelte lui, le pellicole? O avrà comprato l'offerta a scatola chiusa? Scegliete quello che preferite. In ogni caso, insomma, non mi pare una gran bella figura. Ma capisco. Tanti impegni, tanto lavoro, qualcosa sfugge. Qualcosa.
E comunque, in definitiva, l'unica capacità del comune è di farsi sganciare € 2,5 per stare attaccati ad uno schermo. Mi vengono in mente quelle famiglie un po' disastrate, avete presente? Il papà non c'è mai. La mamma ha altro da fare, ed i figli si sentono un po' soli. Vorrebbero giocare, partecipare, stare magari coi genitori. C'è una sola cosa che li può tenere buoni, in questa situazione. La tv. Si accende la tv e li si lascia lì davanti per ore. Ci penserà lo schermo a tenerli buoni, a reprimere la loro fantasia, a farli diventare un po' più ebeti. Un po' più simili ai loro genitori. Al mondo che ci circonda.
Grazie assessore alla cultura, allo spettacolo, al turismo, alla protezione e, dulcis in fundo, al contenzioso. Grazie per renderci tutti quanti un po' più uguali. [Ave]

Commenti

  1. MA COME CULTURA SCOMPARSA, 7 GG DI FESTIVAL MEDIOEVALE! AHAHAHAHAH POVERI NOI......

    RispondiElimina
  2. stiamo diventando il paese delle sagre, non c'è un giardino, i parcheggi sono in condizioni vergognose.....ma che viene gigi d'alessio...magari alla sagra della patacca!!!

    RispondiElimina
  3. la sagra della patacca è la sagra della patacca!!! Mica c*z** è!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.