Passa ai contenuti principali

Ospedale. Contro l'anestesia delle coscienze

Ieri sera incontro su all'ospedale organizzato dall'Italia dei Valori. Discussione ed interventi di estremo interesse.
Giulia Rodano, eletta regionale, ha ottimamente puntualizzato che, innanzitutto, il problema è di fondo. E' indispensabile riaffermare con forza che pubblico non equivale a spreco. Al contrario. E' doveroso pretendere che il servizio pubblico sia efficiente ed efficace. Ma esso va potenziato e messo in condizione di funzionare. Nella sanità come nella scuola. Perchè il servizio pubblico è un valore. Che, conquistato a fatica nel passato, va difeso contro questo presente di destra. In nome del futuro nostro e dei nostri figli.
Eppoi c'è che il piano polverizzatore, nel dettaglio, è completamente assurdo nel merito. Senza alcuna logica nè economica nè sanitaria. Anche per questo motivo va assolutamente fermato. Le destre hanno dimostrato sinergicamente tutte le loro capacità distruttive. Il pubblico va bombardato. Denigrato. Distrutto. Demotivato. Depresso. Perchè il privato, con le sue sovvenzioni lecite ed illecite e le sue varie baronie economiche e politiche, va invece sostenuto a tutto svantaggio delle classi sociali lavoratrici. Quelle che vivono di lavoro. E non di rendite. Occorre reagire con forza a questo attacco al futuro. Occorre diffondere la conoscenza. Ampliare la coscienza sociale. Contro la cultura, e la politica, dei bordelli. [Ave]

Commenti

  1. VEDIAMO SE SERVE QUESTA PROTESTA!!!!

    RispondiElimina
  2. Ad esser sincero non ho ben compreso il tono delle parole che precedono. Non ho capito se vogliono dire, in soldoni, che tanto protestare non serve a niente. Oppure se, al contrario, chi scrive si augura che questa protesta riesca a contribuire, almeno, ad un ripensamento.

    Come che sia, voglio sottolineare che una coscienza critica non nasce da un secondo all'altro. Occorre cultura. Informazione. Disponibilità. Responsabilità. Tutte cose che necessitano di tanta acqua, per poter crescere. Questo incontro è una goccia di quell'acqua. E quando tutte queste gocce, insieme, formeranno un mare, allora davvero le cose cambieranno signori.

    Ma questo potrà avvenire molto prima di quanto si sospetti. L'importante, com'è ovvio, è non dimenticarsi che si è esseri umani all'interno di una comunità.

    Magari, tra una pattinata e l'altra.

    [Ave]

    RispondiElimina
  3. Fabrizio Tagliaboschi1 dicembre 2010 21:17

    Un incontro proficuo, propositivo, una “sana scossa” all’opinione pubblica della città di Anagni!

    RispondiElimina
  4. Fabrizio,
    una sana scossa a chi la dovremmo dare?
    A GIUSEPPE VITI?
    AD ALFREDO CICCONI?
    Se gli chiedi che cosa significa politica ti rispondono:
    " te faccio nu piacere e tu me dai jo voto"

    Cittadini stiamo rovinati...

    RispondiElimina
  5. ALMEN'ISSI I PIEGLIENO I VOTI, UI QUANTI NE PIGLITE?

    RispondiElimina
  6. Già, ISSI pigliano i voti e noi tutti cittadini ce lo pigliamo nel c..., caro anonimo ti auguro di inciampare e fratturarti il piede sulla rotatoria davanti il nostro mai troppo stimato ospedale, il tutto ovviamento dopo il primo gennaio. Poi, mentre ti fai il viaggio verso Frosinone, mi dici che ti passa di nuovo per la testa!
    SCS

    RispondiElimina
  7. I voti che prendono se li possono mettere in quel posto perchè sono voti di gente che non capisce un c***o come te !! [...]
    Pippo Baudo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.